Creato da: sagredo58 il 03/01/2011
fibrillazioni, tentazioni, emozioni, provocazioni, sensazioni, cazzeggi, per celebrare parola, significato e conoscenza

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Maggio 2018 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31      
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
Citazioni nei Blog Amici: 89
 

Ultime visite al Blog

 

Chi puņ scrivere sul blog

Solo l'autore puņ pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

 
« Cultura digitale - Arte, CinemaCultura digitale - Arte,... »

Cultura digitale - Arte, Musica

Post n°8501 pubblicato il 11 Febbraio 2018 da sagredo58
 

 

La musica (come anche il teatro), è un caso ancora più intricato.

 

In senso proprio, la musica è arte totalmente allografica, come la Letteratura, perché indifferente all'originale, lo spartito musicale scritto in notazioni musicali sul pentagramma.

 

Il fatto che questo spartito non interessa nessuno (estremizzo escludendo i musicologi), complica la cosa costringendo:

  • ad una doppia trasposizione allografica;

  • ottenuta introducendo un personaggio che media tra compositore ed ascoltatore, il fruitore dell'opera d'arte musicale.

 

Il compositore, ovvero l'artista creatore dell'opera d'arte musicale:

  • non produce suoni,

  • crea scritture e notazioni grafiche (spartiti).

 

L'ascoltatore (musicologi esclusi), ovvero colui che gode dell'opera d'arte musicale:

  • non è interessato alle notazioni musicali,

  • evidentemente non suonano, lui gradisce l'ascolto.

 

Perché ci sia suono, quindi effettivamente possibilità d'ascolto, è necessario un ulteriore attore.

 

L'interprete, ovvero colui che

  • legge le notazioni del compositore, generalmente riproduzione a stampa di notazioni musicali originariamente autografe;

  • produce sequenze di suoni udibili (esegue quanto scritto sullo spartito), che hanno una precisa relazione con le notazioni del compositore, grazie ad uno strumento che li emette (fosse anche la propria voce), che permettono all'ascoltatore di godere dell'opera d'arte musicale.

 

Ecco la doppia trasposizione allografica:

  • l'interprete non legge la notazione autografica del compositore, ma una riproduzione della stessa, visto che le proprietà fisiche della riproduzione sono per lui irrilevanti;

  • l'ascoltatore gode dei suoni generati dall'interprete, che è un traduttore di simboli da cui ricava suoni (così come il lettore di testi scritti in discorsi), peraltro riproducibili infinite volte, in infinite versioni, da lui o da altri.

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://gold.libero.it/sognidigitali/trackback.php?msg=13605622

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
 
Nessun Trackback
 
Commenti al Post:
channelfy
channelfy il 11/02/18 alle 09:29 via WEB
Molto belli questi post,lieto giorno caro
(Rispondi)
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.