Creato da: sagredo58 il 03/01/2011
fibrillazioni, tentazioni, emozioni, provocazioni, sensazioni, cazzeggi, per celebrare parola, significato e conoscenza

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Giugno 2018 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30  
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
Citazioni nei Blog Amici: 89
 

Ultime visite al Blog

 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

Messaggi del 10/03/2018

 

1968 – Rito d’Iniziazione

Post n°8583 pubblicato il 10 Marzo 2018 da sagredo58
 

 

Oggi mi pare incredibile a ripensarci ma tanti anni fa, mezzo secolo da oggi, ho studiato ...

 

Cosa?

Il Catechismo della Chiesa Cattolica (CCC), in preparazione della prima comunione che faccio nel 1968.

  • Esperienza, tanto comune, quanto indelebile nella mia memoria.
  • Esperienza sicuramente formativa, non tanto per gli argomenti affrontati, quanto dal punto di vista relazionale, per le risposte non ricevute dal prete, alle domande scaturite dalla mia mente acerba;
  • Esperienza che ben segna quello che l'antropologia chiama rito di passaggio, o meglio, nel caso di specie della comunione, rito di iniziazione, quello che segna il passaggio dell'individuo alla maturità.

 

Eppure rito di iniziazione è terminologia che non riesco ad applicare a quello che m'accadde durante la catechesi per due distinti motivi:

  • primo, per l'uso del termine iniziazione, che trovo inappropriato, cosa di cui mi resi conto nello stesso momento della preparazione al rito;
  • secondo, perché non si evidenzia il sottostante cambiamento, quello che il rito operò sul mio essere, per il quale all'epoca non possedevo la terminologia più adeguata, quella che la fisica m'avrebbe insegnato una decina d'anni più tardi.

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

2018 – Storia di …

Post n°8582 pubblicato il 10 Marzo 2018 da sagredo58
 

 

Una storia che racconto oggi, autobiografica, che si sviluppa su addirittura 70 anni, anche se ancora (per poco) non ho sessant'anni.

 

Incredibilmente raccontata mediante episodi chiave collocati solo in anni che finiscono in 8 (cosa di cui mi rendo conto solo alla fine della storia già scritta):

  • 1948, in cui è pubblicato l'essenziale rapporto che mi fornirà l'assoluzione.
  • 1958, in cui nasco, come tutti, non sensiente ed incontinente.
  • 1968, in cui s'attua il catastrofico cambiamento di stato dovuto al rito d'iniziazione.
  • 1978, in cui la fisica m'insegna la repentinità delle transizioni di fase.
  • 1988, in cui l'incontro con un amico prete mi svela l'ampiezza del mio delitto.
  • 1998, in cui sul neonato World Wide Web scopro come riconsegnare il passaporto.
  • 2008, in cui capisco che il passaporto m'è stato già ritirato.
  • 2018, in cui emerge il mio dilemma logico.


Quel dilemma che, oggi, con questa storia che racconto, che esplicito a tutti.

 

Storia di che?

 

Inutile perdere tempo a descriverla, meglio iniziare direttamente a raccontarla, con un'avvertenza, non si sviluppa del tutto cronologicamente, si salta un po' avanti e dietro nel tempo, comincio dal 1968.

 

Mi pare incredibile a ripensarci ma tanti anni fa, mezzo secolo da oggi, ho studiato il CCC ...

 

 

La foto è un omaggio al 1968 ed ad una delle mi più fervide lettrici.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso