Creato da: sagredo58 il 03/01/2011
fibrillazioni, tentazioni, emozioni, provocazioni, sensazioni, cazzeggi, per celebrare parola, significato e conoscenza

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Giugno 2018 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30  
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
Citazioni nei Blog Amici: 89
 

Ultime visite al Blog

 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

Messaggi del 14/03/2018

 

1948 – Mi masturbo, Ergo Sum!

Post n°8594 pubblicato il 14 Marzo 2018 da sagredo58
 

 

Un nuovo stato finale ...

 

Prodotto dall'incazzatura che mi è montata dopo quella prima confessione, quando leggendo di straforo dalla biblioteca di mio padre medico il mitico rapporto Kinsey Il comportamento sessuale dell'uomo, scritto nel 1948.

Santa pubblicazione che:

  • oltre a rassicurarmi sulla lunghezza del pisello,
  • mi rende contestualmente finalmente cosciente in merito a quello che la masturbazione significa.

 

Im merito all'inizio della masturbazione scopro che:

  • una schiacciante maggioranza di maschi, l'81%, comincia a masturbarsi consapevolmente tra i 10 e i 15 anni, a partire dalla pubertà;
  • una percentuale più limitata, il 14%, anticipa alla fascia d'età dai 10 ai 12 anni;
  • solo il 7%, scopre la masturbazione sin dalla prima infanzia, prima dei 10 anni, quando il bambino scopre che l'area genitale, se stimolata, fornisce piacere;

Sono in buona compagnia!

 

Quanto alla frequenza della masturbazione, questa declina con l'età:

  • gli adolescenti tra i 10 e i 15 anni, dichiarano masturbarsi anche sei o più volte al giorno,
  • gli uomini di mezza età scendono a meno di una volta al giorno.

A sei non ci arrivavo, se non una volta per prova, dopo aver letto Kinsey, e con qualche difficoltà, ma 3-4 al giorno sono stati una costante per un lungo periodo.

 

Infine è riconosciuto che la masturbazione:

  • assume ruolo primario nello sviluppo fisico ed emotivo durante la pubertà e nella preadolescenza;
  • contribuisce a sviluppare negli adolescenti un senso di padronanza dei propri impulsi sessuali.

Ho sviluppato un sano piacere per il sesso, da solo ed in coppia, che mi accompagna sino ad oggi anche se la frequenza declina.

 

Dunque, quale peccato ho commesso?

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

1968 – Stato finale …

Post n°8593 pubblicato il 14 Marzo 2018 da sagredo58
 

 

Prima di fare la prima comunione mi sono dovuto confessare almeno altre tre volte.

Non è stato così traumatico come la prima volta, ho elaborato una tecnica:

  • ho confessato peccati che non ho commesso, del tipo "ho detto le parolacce a mia madre", "ho picchiato mia sorella", "ho tirato un sasso ad un compagno", "ho rubato una caramella", così da soddisfare l'aspettativa del prete e non indurlo alla ricerca spasmodica del mio unico vero peccato;
  • ho taciuto l'immane e costante lavorio quotidiano di Federica, la mia mano amica!

 

Poi ho finalmente fatto la comunione e non mi sono mai più confessato.

 

Insieme alla prima comunione accade infatti qualcosa d'altro, raggiungo lo stato finale del percorso di catechesi.

 

Una transizione di fase ...

  • dal vecchio stato di battezzato con il quale ero partito,
  • ad un nuovo stato finale ...

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

1998 – Scopro che posso Sbattezzarmi

Post n°8592 pubblicato il 14 Marzo 2018 da sagredo58
 

 

In concomitanza con l'avvento del World Wide Web, nel 1998, mi imbatto nell'UAAR, Unione degli Atei e degli Agnostici Razionalisti, l'unica associazione Italiana, nata nel 1987 e formalizzata nel 1991, che rappresenta le ragioni dei cittadini atei e agnostici, indipendente da partiti e legalmente destinataria delle scelte IRPEF per il Cinque per Mille.

Per inciso, come non ho mai dato il mio Cinque per Mille alla chiesa, non l'ho mai dato nemmeno all'UAAR, che a tratti mi pare un'altra chiesa, sempre solo, o allo stato, o alla ricerca.

 

Tramite l'UAAR scopro che posso, cito direttamente la perifrasi esatta, non essere più considerato aderente alla confessione religiosa denominata "Chiesa cattolica apostolica romana".

 

L'UAAR, parla a tal proposito di sbattezzo (la prima attestazione della parola risale al XV secolo), mi fornisce perfino il modulo precompilato della lettera da recapitare al parroco della "non mia" parrocchia, quella in cui sono stato battezzato senza tenere conto di quello che avrei poi pensato.

 

Mi sembra tutto chiaro:

  • con il battesimo la Chiesa mi da il passaporto per il Paradiso, quindi posso cercare di migrare dalla Terra verso la beatitudine eterna;
  • con lo sbattezzo la Chiesa mi ritira il passaporto, sono sempre costretto prima o poi a migrare dalla Terra, ma molto probabilmente mi tocca quel posto caldissimo senza aria condizionata.

 

In realtà così chiara la situazione non lo è affatto!

Vediamo perché.

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso