Blog
Un blog creato da paologill il 06/05/2007

PAOLOGILL

HERBALIFE PAOLO GALLI WORLD TEAM

 
 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: paologill
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 58
Prov: MI
 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Novembre 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30        
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 1
 

 

Lo zucchero piace al cancro !!!!!

Post n°86 pubblicato il 11 Febbraio 2012 da paologill

Le cellule malate ne se sono golosissime e ne hanno bisogno per moltiplicarsi. Lo sostiene uno studio approfondito di 'Science'. Che apre nuove prospettive sul rapporto tra cancro e alimentazione

(03 febbraio 2012)
E se a causare il cancro fosse, tra l'altro, la cattiva alimentazione? Mediata da complessi meccanismi biologici, è vero, ma pur sempre alimentazione? Che ci fosse una corrispondenza tra obesità e sovrappeso e certi tumori, gli epidemiologi lo avevano già notato. Ma fino a oggi si trattava di una "coincidenza", di una di quelle correlazioni stabilite osservando gruppi di persone che già basta a lanciare l'allarme, ma non è la pistola fumante. 

Oggi, invece, il quadro sembra comporsi. E le prove biologiche sono tali che la bibbia della scienza americana, "Science", le ha consacrate in un articolo di rassegna del primo numero del nuovo anno. La faccenda non è semplice ma, vista la posta in gioco, vale la pena di seguirla passo passo.

All'origine di molti tumori, dunque, potrebbero esserci delle alterazioni metaboliche, cioè trasformazioni locali che rendono i tessuti un terreno fertile per la crescita incondizionata delle cellule malate. Mutamenti causati in primo luogo da una scorretta alimentazione. Ciò che mangiamo avrebbe dunque un'importanza ancora più cruciale del previsto e un ruolo che si esplicherebbe in maniera diversa, più complessa, rispetto a quanto supposto fino a poco tempo fa. Al centro c'è un ormone non certo nuovo, ma oggi guardato con occhi diversi: l'insulina, finora considerata solo per ciò che accade quando scarseggia, come nel diabete, o per la sua funzione di regolatrice degli zuccheri nel sangue. Al contrario, nuovi dati, anche molto diversi tra loro, assegnano ormai a questa sostanza funzioni alquanto più articolate, in molti casi favorevoli allo sviluppo dei tumori. 

La prima constatazione che ha portato a concentrare l'attenzione sull'insulina è stata, come si diceva, di tipo epidemiologico: le persone obese (che spesso hanno elevati livelli di insulina), così come quelle che soffrono di diabete, hanno un rischio considerevolmente superiore alla media di sviluppare un cancro e di morirne rispetto a quanto si verifica nei malati normopesa. 

La seconda osservazione è stata sperimentale: le cellule tumorali, per crescere in provetta, hanno bisogno di molto zucchero, di molta insulina e di ormoni simili a essa (come l'insulin-like growth factor 1 o Igf1) ed esprimono sulla loro superficie molte proteine fatte apposta per captare insulina e Igf1, di norma quasi assenti. Da decenni questi due indizi agitavano i sonni di molti ricercatori, che non riuscivano ad attribuire loro una spiegazione razionale, ma negli anni successivi altri tasselli sono andati nella stessa direzione fino a comporre, almeno nelle sue linee essenziali, un quadro che ha una sua logica e che aiuta a spiegare anche altri effetti finora oscuri, come il fatto che chi si sottopone a severe restrizioni caloriche (che causano un crollo dell'insulina) ha un rischio inferiore di avere un cancro. 

In sintesi, le cellule per diventare tumorali farebbero ricorso a circuiti metabolici specifici e diversi da quelli usati dalle cellule sane per incamerare molto zucchero e, grazie all'insulina e all'Igf1, per utilizzarli non solo come fonte di energia, ma anche come materiale per produrre tumori. Se questa è la situazione, è del tutto evidente che ciò che mangiamo è davvero fondamentale, nello sviluppo e nella crescita di molti tumori. 

Come spiega Cristiano Simone, ricercatore dell'Università di Bari e dell'Istituto Mario Negri di Santa Maria Imbaro, autore di studi molto importanti in materia finanziati anche dall'Airc (Associazione italiana ricerca sul cancro) con gli introiti delle Giornate delle Arance (vedi scheda qui sopra): "Oggi abbiamo un'idea molto più articolata dell'influenza dell'alimentazione sul rischio-cancro, e sappiamo appunto che l'insulina è cruciale. Studiandone le funzioni, abbiamo scoperto che al centro di molte reazioni che legano l'insulina all'innesco della proliferazione neoplastica c'è una proteina chiamata P38 alfa, e che è possibile intervenire su di essa ottenendo effetti a volte molto significativi".

In provetta e nei modelli animali, se si blocca questa proteina, sottolinea Simone, si arresta la crescita delle cellule malate e anzi, se ne induce la morte. Inoltre, esperimenti su animali hanno già mostrato che farmaci specifici potenziano l'effetto tanto della chemioterapia quanto dei farmaci biologici. Non solo, aggiunge Simone: "Con questi farmaci sono in corso sperimentazioni cliniche su persone colpite da mieloma e da alcune malattie infiammatorie croniche, e i primi risultati sono incoraggianti, anche perché hanno mostrato che non sono tossici. Sarà quindi molto interessante vedere che cosa succede nei pazienti, alla fine di questi studi".
 Articolo L'Espresso 

 
 
 

Perchè è importante personalizzare l'apporto proteico?

Post n°85 pubblicato il 11 Febbraio 2012 da paologill
 
Foto di paologill

Perchè è importante personalizzare l'apporto proteico?

 

Ognuno di noi ha un fabbisogno di proteine diverso che dipende dalla nostra corporatura e dallo stile di vita che conduciamo. E' importantissimo personalizzare l'apporto proteico nella giornata, all'interno di un regime ipocalorico,perchè così si preserva meglio la massa magra e si stimola il nostro corpo a consumare i grassi di deposito al fine di produrre energia.Sul calcolo del fabbisogno proteico vi sono diverse considerazioni da fare: un criterio di partenza, per persone normopeso e con totale assenza di attività fisica, è quello di stimare il fabbisogno giornaliero come 1 grammo per kg corporeo. Per fare un calcolo un po' più preciso dovremmo considerare in realtà la nostra quantità di massa magra ed il nostro stile di vita.Ad esempio, una persona in sovrappeso che ha uno stile di vita mediamente attivo avrà una maggiore necessità di proteine rispetto a una persona in peso forma e sedentaria. Uno sportivo, infine, ha necessità di una maggiore quantità di proteine da assumere giornalmente: fino a 2/2,5 grammi di proteine per kg.Quindi ipotizzando dei valori medi di corporatura e massa muscolare, oltre che un livello moderato di movimento nella giornata, possiamo identificare per una persona che sta seguendo un regime ipocalorico per perdere peso un fabbisogno proteico giornaliero stimato in 1,2/1,5 grammi di proteine per kg.Una cosa molto importante da valutare è anche la quantità di proteine da ingerire ad ogni pasto. Sappiamo che non siamo in grado di "ASSIMILARE" più di 30/50 g di proteine per volta, quindi una abbuffata di cibi proteici non serve a molto dal punto di vista della costruzione muscolare e rischia di essere negativa.

 
 
 

PERCHE' DOVREI INIZIARE UNA MIA ATTIVITA' PROPRIO ORA, MENTRE TRA 5 ANNI SARO' COSTRETTO?

Post n°84 pubblicato il 08 Febbraio 2012 da paologill
 
Foto di paologill

PERCHE' DOVREI INIZIARE UNA MIA ATTIVITA' PROPRIO ORA, MENTRE TRA 5 ANNI SARO' COSTRETTO?Fonti autorevoli ISTAT dimostrano che una famiglia su 5 è in difficoltà... i mass media ci dicono:"tranquilli tutto si sta sistemando..."E' quello che voglio farci credere...altrimenti i consumi si bloccano e si inchioda l'economia...Niente si sistemerà...anzi andrà sempre peggio... ecco perchè... La crisi economica è una novità?Quella che stiamo vivendo adesso, è a detta di tutti quella più grave registrata dopo quella del 1929. Possiamo dire,anche, che le crisi economiche sono quasi una costante?In particolar modo nel nostro paese? Leggi qui sotto...La crisi economica è una novità?. 1929 la grande depressione. 1973 Austerity. 1970-1980 periodo di crisi economica. 1987 il "lunedì nero". 1998 il crack del fondo Long-Team Capital M.. 2000 bolla internet. 2001 torri gemelle, Argentina. 2003 la produzione industriale rallenta. 2005 nuovo periodo di crisi. 2008-2010 nuova crisi economica mondialeLa crisi dipende anche dalla demografia...fonte "sole 24 ore" Art. pubblicato il 6 agosto 2010:"Da giovani, dopo aver conquistato un lavoro, si consuma di più. La casa, magari il matrimonio, insomma la propensione alla spesa supera quella del risparmio. Poi, le cose cambiano, bisogna pagare le rate del mutuo; si pensa a come "ingrassare" la magra futura pensione. Così mettere da parte i soldi diventa una priorità. Già negli anni '50 Franco Modigliani aveva proposto un modello sui consumi personali legati all'età delle persone. All'analisi si sono aggiunte le idee di altri importanti economisti: tra gli altri il Nobel Paul Samuealson. Tutte teorie che tentano di spiegare come l' età delle persone influenza la propensione al consumo ( o al risparmio) i giovani, in linea di massima sono compratori; gli anziani in linea di massima i risparmiatori." Le persone nascono, crescono, iniziano a consumare denaro, si sposano, fanno figli, comprano auto, case, mutui, vacanze ecc.. se ne nascono meno...lo fanno in meno... quando invecchiano...risparmiano...Un effetto della crisi...- aumento del divario tra classi sociali, in particolar modo tra i ricchi e la classe media- altissimi livelli di iniquità nella distribuzione della richezza- minor potere di acquisto della classe media- ampliamento della fascia di povertà- Effetto della crisi: effetto clessidraNel passato:Grande classe media - Piccola classe di ricchi - Più piccola classe di poveriNel resto del mondo non è così...ci stiamo allineando...si ridurrà drasticamente la classe media, i capitali della classe media passeranno ai ricchi.ALCUNI ESEMPI PRATICINegli ultimi decenni si è molto allargata la forbice tra redditi bassi e redditi alti, Vittorio Valletta, allora Amm. delegato della Fiat, nel 1966 guadagnava 60 volte rispetto ai sui operai - oggi l' Amm. delegato Marchionne guadagna 400 volte di più di un suo operaio.anno 1972: per acquistare una Mercedes 220 servivano circa 2,8 milioni di lire lo stipendio di una maestra in questi anni era circa di 200 mila lire. Con circa 14 stipendi compravi una Mercedes classe medio alta . Oggi per acquistare una Mercedes classe E occorrono circa 50.000 euro lo stipendio medio di un insegnate sono circa 1300 euro: servono 40 stipendi per comprare una Mercedes classe medio alta. Si potrebbe pensare "...ma io mi compro una Panda e ho risolto..."allora prendiamo ad esempioLA CASA. nel 1983 una casa di 140 mq costava circa 70 milioni di lireuna impiegata in media prendeva 900 mila lire al mese, quindi occorrevano 75 stipendi per comprarla. oggi la stessa casa vale circa 450.000 eurouna impiegata prende in media 1300 euro al mese, quindi ci vogliono 346 stipendi per comprarlaanche in questo caso si potrebbe pensare "...ma io vado in affitto e ho risolto..."allora prendiamo in esempio i beni di prima necessità:IL PANE. nel 1981 aveva un costo di 900 lire al kg (circa 0,50 euro) un operaio guadagnava circa 350.000 lire al mesepoteva comprare circa 388 kg di pane al mese. oggi ha un prezzo medio di 2,74 euro al kg, ha subito un incremento del +550% rispetto al 1980Il prezzo aggiornato con il tasso di inflazione avrebbe dovuto essere di 1,37 euro al kg.TEMPI PIU' RECENTI.... ricordi nel 2001? quanto prendeva in lire un operaio?. Oggi? quanto prende un operaio in euro? quanto è diminuito il potere di acquisto?QUALCUNO PENSA: "...SI MA ASPETTO LA PENSIONE..."Fonti autorevoli ci spiegano che avremo - 55% del nostro stipendio attuale, la pensione pubblica restituirà solo il 45% del mio reddito (senza contare che, presto le leggi cambieranno e la pensione verrà data anche in base alla aspettativa di vita, che si è allungata e quindi arriverà più tardi rispetto ad ora) quindi se vorrò mantenere le stesso tenore di vita dovrò integrare il restante 55%in media, si stima che, i quarantenni di oggi riceveranno di pensione non più del 40% del loro attuale stipendio PER MANTENERE LO STESSO TENORE DI VITA LA CLASSE MEDIA, LA CLASSE POVERA E I PENSIONATI SI INDEBITANO per il cellulare, auto, matrimonio, viaggi, computer, i-phone, i-pad ecc... la casa porta via il 37% del reddito familiare. Se smettono di correre nella ruota del criceto, tutto si ferma.Fonti autorevoli affermano che noi italiani siamo il popolo più indebitato d'Europa con un debito medio di 1.864 euro procapite.Siamo in un cambiamento epocale...Dall'era dell'industria... ...all'era dell'informazione e della Conoscenza...quella che viene definita la terza rivoluzione industriale dal 1980 ad oggi.E' cambiato anche il mercato del lavoroè conclusa l'epoca del "posto fisso" a vita, quello che ti portava alla pensione...oggi la parola d'ordine e FLESSIBILITA'. Sono state introdotte nuove formule contrattuali: lavoro a progetto, intermittente o a chiamata, job sharing, lavoro accessorio ecc...La tecnologia toglie posti di lavoro...le nuove tecnologie offrono opportunità ma tolgono anche posti di lavoro, in internet possiamo trovare prodotti e servizi come: viaggi, librerie, auto, assicurazioni, vestiti, alimentari, mobili ecc...Il futuro imminente...a parità di condizioni, cambiano le prospettive per il futuro- il potere di acquisto scenderà ancora- le pensioni non copriranno più il fabbisogno- in prospettiva è sicuro un degrado della qualità di vitaLe famiglie si indebitano e le piccole aziende falliscono perchè non riescono a sopperire alle spese.Chi pensa "normale" lavora di più. La classe media "normalmente" si focalizza sul lavoro:lavorare più ore, per ottenere più soldi in cambio di ore di lavoro. E' sbagliato perchè in pochi anni l'entrata extra in più non sarà più sufficiente proprio per la perdita del potere di acquisto.Oggi c'è davvero la possibilità di diventare finanziariamente liberi?E' davvero possibile ottenere delle entrate extra che superino abbondantemente le uscite e che non dipendano direttamente dal proprio lavoro?Molti pensano che per fare soldi ci vogliono soldi!E chi te lo ha detto? Sono informazioni dell'era precedente!!L'80% di chi possiede più di un milione di euro in banca è di PRIMA GENERAZIONE.4 Domande per te...Che potere di acquisto avrà quello che guadagnerai tra 5 anni?E tra 10 anni? A chi stai costruendo la rendita?Stai lavorando per creare la tua rendita per il futuro o stai aspettando la pensione?SE QUELLO CHE VEDI NEL TUO FUTURO E IN QUELLO DELLA TUA FAMIGLIA NON TI PIACE... LA SOLUZIONE ESISTE!!!Vantaggi & BeneficiLeggi qui sotto e scopri i vantaggi ed i benefici che puoi avere collaborando con NOIPuoi iniziare questa attività part time e costruirla mentre mantieni un impiegoPuoi costruirti una rendita ereditabileNon è richiesta una istruzione particolareIl settore è in crescita e aperto a tutti, a prescindere da sesso, dall’età o dalla razzaLa società fornisce un sistema di supporto consolidato da più di trent'anni.Trovi programmi di formazione e affiancamentoCi sono persone che hanno successo nell’attività e che sono pronti ad assistertiUn titolare di impresa gode di vantaggi fiscali di cui non puoi disporre come dipendenteCHIAMAMI ORA E TI DIRO' COME !RENDITI PADRONE TI TE STESSOSE VUOI CHE LE COSE CMBIANO TU DEI CAMBIARELAVORA PER IL TUO FUTUROCREATI UNA TUA RENDITAPAOLO GALLI cell. 333.23.13.503

 
 
 

nuovo link per conoscere meglio la nutrizione bilanciata herbalife

Post n°83 pubblicato il 08 Febbraio 2012 da paologill
 

nuovo sito per nutrizione bilanciata

HERBALIFE
CHIEDIMI COME !!!
 
 
 

Vuoi perdere peso? Chiedimi come !

Post n°82 pubblicato il 08 Febbraio 2012 da paologill
 
Foto di paologill

Herbalife 

Perdere peso ora non è cosi difficile

In più puoi lavorare e guadagnare solo per te stesso

Grazie al network marketing multilivello

Chiamami 

Paolo galli  CELL. 3332313503

O vai sul link :www.pubblicitacommerciali.it/salute.html

 
 
 
 
 

APPELLO DELLA CROCE ROSSA ITALIANA PER IL TERREMOTO AD HAITIl

Post n°80 pubblicato il 16 Gennaio 2010 da paologill

APPELLO DELLA CROCE ROSSA ITALIANA PER IL TERREMOTO AD HAITI - La CRI lancia un appello per raccogliere fondi destinati alle popolazioni colpite dal terremoto ad Haiti del 12 gennaio 2010.
"Pronti a partire con uomini e mezzi"
Alle ore 16 del 12 gennaio 2010 - ore 23.00 in Italia - un terribile terremoto ha colpito l'Isola di Haiti. 4 forti scosse di magnitudo 7,3 Richter, il cui epicentro è situato a 15 km della capitale Port-au-Prince, hanno colpito i centri abitati sbriciolando centinaia di palazzi. Migliaia di morti e feriti, migliaia di sfollati, ingenti danni alle infrastrutture, con taglio del rifornimento di acqua e di elettricità, in diverse città: questa la situazione che si è presentata questa mattina agli occhi dei soccorritori.
Il terremoto ha colpito una regione in cui abitano circa 2,2 milioni di persone, Le città più colpite sono Port-au-Prince, Carrefour and Jacmel, con il crollo di infrastrutture residenziali, palazzi governativi e ospedali.
La Federazione Internazionale delle Società di Croce Rossa ha immediatamente allertato il proprio Centro Logistico di Soccorso che si trova a Panama. Una squadra di valutazione è stata inviata sul luogo del disastro ed uno primissimo stanziamento di 1,7 milioni di Euro è stato effettuato per venire incontro alle prime necessità.
Tutte le 186 Società di Croce Rossa e Mezzaluna Rossa sono state poste in stato di allarme per l'organizzazione di un ponte aereo per inviare soccorsi sanitari, viveri, coperte e tende.
La Croce Rossa Italiana fa appello alla solidarietà degli italiani per sostenere questo intervento di aiuto umanitario. I contributi finanziari, raccolti dalla CRI, saranno impiegati a sostegno delle attività di assistenza alle popolazioni terremotate, in stretta collaborazione con la Croce Rossa haitiana e la Federazione Internazionale delle Società di Croce Rossa e Mezzaluna Rossa.
"Siamo pronti a dare il massimo supporto possibile alla nostra consorella di Haiti e proprio per questo abbiamo dato la nostra disponibilità immediata all'invio di mezzi e uomini della Croce Rossa Italiana", ha dichiarato il Commissario straordinario della Croce Rossa Italiana, Francesco Rocca.
Il Capo dipartimento delle attività socio sanitarie e delle operazioni in emergenza di CRI, Leonardo Carmenati, è presente da questa mattina nell'Unità di Crisi della Protezione Civile dove l'Associazione ha messo a diposizione i propri operatori per un intervento immediato che in questo momento si profila di carattere sanitario. Per il primo team di intervento organizzato da Protezione Civile, in partenza oggi pomeriggio, la CRI ha messo a disposizione un medico e un logista.

 - Conto Corrente Postale n. 300004
intestato a: Croce Rossa Italiana, via Toscana 12 - 00187 Roma
c/c postale n° 300004
Codice IBAN: IT24 - X076 0103 2000 0000 0300 004
Causale: Causale PRO EMERGENZA HAITI


 


 
 
 

A Medici, Infermieri, Operatori e Angeli

Post n°79 pubblicato il 24 Dicembre 2009 da paologill
Foto di paologill

E' PROPRIO VERO ,SONO UN RAGAZZO ALLEGRO E CERCO DI ESSERLO SEMPRE E DI ESPRIMERE SEMPRE DEI LATI POSITIVI ,OGGI VI PROPONGO UNA LETTURA DI UNO SCRITTO ARRIVATO A PADERNO DUGNANO NELLA NOSTRA SEDE DI CROCE ROSSA ITALIANA , NON HO POTUTO NON FARVELA ANCHE VOSTRA , NON NEGO CHE A LEGGERLA MI SI SONO LUCCICATI GLI OCCHI DI UNA GRANDE EMOZIONE E' ANCHE VERO CHE FACENDO IL VOLONTARIO DEL SOCCORSO PRIMA O POI MI CAPITERA' DI ESSERE PRESENTE IN SITUAZIONI DI VERO SALVA VITA.
DEDICO A TUTTI GLI AMICI COLLEGHI E NON CHE PER QUALCHE MOTIVO SI SENTONO DEMOTIVATI AL SERVIZIO DI VOLONTARIATO A LEGGERE E FARE SUE QUESTO SCRITTO
" ANGELI "
BUON NATALE A TUTTI E PERCHE' NO A RITROVARCI INSIEME IN SERVIZIO, PAOLO GALLI VVDS SENAGO MILANO

Limbiate, 23/12/09
A Medici, Infermieri, Operatori e Angeli

C'era una volta.
Così, con questa frase, iniziano tutte le favole.
Così, con questa frase, potremmo iniziare questa lettera: ci sembra una favola quello che stiamo vivendo. Una favola che vogliamo raccontare per poterne ricordare per sempre la storia, per poter ricordare coloro che l'hanno vissuta e l'hanno resa possibile.
Dalla mattina del 18 Dicembre 2009, quando Daniele è stato male, sono passati solo pochi giorni. Pochi giorni nei quali le nostre giornate sono state scandite da telefonate, sms,
mail, battute, ecc... che ogni volta hanno provocato mille emozioni diverse: disperazione, ansia, gioia, terrore e felicità. Emozioni forti che ci hanno fatto commuovere, ci han fatto disperare, ci hanno fatto gioire.
Dalla mattina del 18 Dicembre, quando Daniele, 23 anni, ha avuto un arresto cardiaco mentre si trovava al lavoro, sono passati solo pochi giorni.
Da quella mattina però, Daniele ha reagito. E' stato un leone, ha rincorso la vita come una
preda, l'ha afferrata e non !'ha più lasciata. Secondo dopo secondo, minuto dopo minuto,
ora dopo ora, Daniele si svegliava e alla fine ci ha fatto capire di essere tornato. Di- essere NATO.
Qualcuno ha detto che è stato un miracolo, altri che è stato solo fortunato e altri, ancora
non ci credono.
Noi non sappiamo cosa sia stato ma, di sicuro, diversi episodi hanno contribuito a
trasformare un incubo in una favola e diverse sono le persone, gli angeli, i protagonisti che l'anno resa possibile e che vorremmo ricordare:
- i colleghi di lavoro che hanno contattato con tempestività la centrale del 118 per
chiedere un'ambulanza ed hanno seguito, senza panico, le indicazione che
ricevevano;
- tuttI gli operatori del 118 di Milano che, oltre a coordinare i soccorsi, hanno fornito
le prime indicazioni ai colleghi di lavoro per cercare di salvare il nostro Daniele;
- i soccorritori della Croce Rossa di Paderno Dugnano che sono intervenuti .."
tempestivamente ed hanno iniziato le manovre di soccorso;
- gli operatori dell'automedica dell'ospedale Niguarda di Milano (ALFA 1) che, giunti velocemente sul posto, hanno prestato le prime cure e non hanno mai smesso di credere che Daniele potesse riprendersi;
- il personale del reparto di Rianimazione dell'ospedale Bassini di Cinisetlo Balsamo che hanno guidato e stanno guidando Daniele verso la ripersa.

A tutte loro va il nostro ringrazìamento più grande. Un grazie non solo per quello che hanno fatto per il nostro Daniele, ma per la loro reattività, per il coraggio che hanno dimostrato. Un ringraziamento per aver scelto, per professione o per volontariato., di
condividere il dolore e la sofferenza di persone in difficoltà. Un ringraziamento per tutte le volte che non siete stati ringraziati della gioia e della felicità che avete riportato in una
famiglia. . -
Da oggi, oltre alla vostra forza e alte vostre capacità, avrete sempre con voi le nostre preghiere.
Grazie Angeli.
Famiglia, amici e colleghi di Daniele Nasto

(copia originale arrivata in sede )

 
 
 

"VIVO PER TE - 150 ANNI DELLA CROCE ROSSA"

Post n°78 pubblicato il 24 Dicembre 2009 da paologill
 
Foto di paologill

"VIVO PER TE - 150 ANNI DELLA CROCE ROSSA"

IL 25 DICEMBRE SU RAI UNO UN VIAGGIO FRA STORIE E VOLTI

DELLA PIU' GRANDE ASSOCIAZIONE UMANITARIA DEL MONDO

PRESENTANO PINO INSEGNO E PAOLA SALUZZI

DONAZIONI VIA SMS AL 48545 IN COLLABORAZIONE CON WIND E BNL - GRUPPO BNP PARIBAS

Storie d'amore, di solidarietà, di sostegno e accoglienza verso i più vulnerabili. Il 25 dicembre, su Rai Uno, in seconda serata, ore 23.00, andrà in onda "Vivo per te - 150 anni della Croce Rossa".
Pino Insegno e Paola Saluzzi i narratori che accompagneranno i telespettatori lungo questo viaggio insieme al Commissario straordinario della CRI, Francesco Rocca: da Lampedusa dove la Croce Rossa Italiana ha fornito assistenza e accoglienza ai migranti, allo Sri Lanka dove operatori umanitari italiani ogni giorno garantiscono alla popolazione ed ai bambini servizi sociosanitari, alle strade di Milano dove i volontari prestano aiuto ai clochard. Ogni giorno i 150.000 volontari della Croce Rossa Italiana sono impegnati in Italia e all'estero in difesa degli indifesi, in attività di protezione civile e di soccorso, nelle aree colpite da catastrofi naturali e da conflitti armati.
Ospiti della trasmissione l'Orchestra di Paolo Belli, Tosca, dal successo di Ballando con le Stelle Natalia Titova e Samuel Peron, Simona Molinari.

"Vivo per te - 150 anni della Croce Rossa" è un programma dedicato ai 98milioni di volontari nel mondo che operano in nome dei sette Principi del Movimento Internazionale di Croce Rossa e Mezzaluna Rossa, che quest'anno ha celebrato i 150 anni della nascita dell'idea. Nel corso della serata i telespettatori potranno donare due euro attraverso l'sms solidale (num. 48545) in favore di "Asia baby-progetto per sostenere interventi sui bambini affetti da gravi malformazioni cardiache congenite". Sponsor della serata sono Wind e BNL - Gruppo BNP Paribas. 

 
 
 

1° corso per badanti e assistenza agli anziani

Post n°77 pubblicato il 12 Ottobre 2009 da paologill
Foto di paologill

1° corso per badanti e assistenza agli anziani
grazie al contributo di:

CROCE ROSSA ITALIANA SEZIONE FEMMINILE
COMITATO LOCALE DI PADERNO DUGNANO E DELEGAZIONE DI SENAGO

clinica san carlo di paderno dugnano

fondazione emilio bernardelli
comune di senago

comune di paderno dugnano

1° CORSO PER BADANTI E ASSISTENZA AGLI ANZIANI

inizio corso teorico- pratico
sabato 17 ottobre 2009
presso la sala conferenze
R.S.A. EMILIO BERNARDELLI
via maresciallo giardino n° 22 a paderno dugnano milano

PER INFORMAZIONI:
segreteria clinica san carlo
Sig. fiorella carcano
tel. 02 990 382 14 fax 02 990 454 36

e-mail segreteria.presidenza@clinicasancarlo
.it

 
 
 

50° di fondazione AVIS paderno dugnano

Post n°76 pubblicato il 19 Luglio 2009 da paologill
Foto di paologill

L'AVIS DI PADERNO DUGNANO FESTEGGIA IL 50° DELLA PROPRIA FONDAZIONE, LO CONSIDERIAMO UNA TAPPA IMPORTANTE.
dobbiamo essere orgogliosi della solidarietà profusa in questi anni.
Per darne testimonianza si è pensato e realizzato un opuscolo, con un cenno storico dei principali avvenimenti oeganizzati e svolti dalla nostra avis.
potete ritirarlo nella nostra sede il martedi e giovedi dalle ore 21.00 alle 23.00
Per publicizzare l'avvenimento, in questi ultimi mesi abbiamo partecipato ad alcune maifestazioni straordinarie svolte nel paese.
-dal 10 al 13 aprile, torneo internazionale di calcio giovanile presso lo " stadio toti "
Si è parlato d'avis e del dono del sangue.
-Abbiamo ritenuto importante coinvolgere le scuole del paese proponendo un tema che richiamasse la " SOLIDARIETA' VERSO IL PROSSIMO E IL DONO "
La manifestazione si è conclusa il 13/05/09 presso il teatro " metropolis" con le premiazioni degli alunni meritevoli e delle scuole che hanno presentato oltre 10 elaborati.
-il 5 giugno presso l'oratorio San Luigi di dugnano serata in concerto con il complesso "La Selezione" offerta da AVIS.
-siamo stati presenti al torneo di " calcietto "svolto a palazzolo e alle varie manifestazioni rionali del nostro comune.

Il 27 settembre si svolgerà la manifestazione di chiusura che si concluderà con il pranzo socialeorganizzato con lo scopo di avere un momento d'aggregazione fra i soci.
In tale occasione saranno premiati i soci che hanno raggiunto le 50 donazioni e oltre.
Le benemerenze saranno assegnate dalle autorità presenti ed esortiamo i donatori, a non mancare alla propria donazione.

DOMENICA 27 SETTEMBRE 2009 CINQUANTESIMO AVIS
PROGRAMMA:

ORE 8.00 RITROVO PRESSO LA CHIESA DEL SS. NAZARO E CELSO A DUGNANO

ORE 8.30 S. MESSA IN PARROCCHIA

ORE 9.30 CORTEO PER LE VIE CITTADINE ACCOMPAGNATO DAL CORPO MUSICALE DI PALAZZOLO MILANESE

ORE 10.30 INTERVENTI DELLE AUTORITA' PRESSO L'AULA CONSIGLIARE DEL COMUNE DI PADERNO DUGNANO
E PREMIAZIONE DEGLI AVISINI BENEMERITI

ORE 13.00 PRANZO SOCIALE PRESSO IL RISTORANTE LA " MADONNINA " DI COGLIATE

PER PRENOTAZIONI PRANZO
DOMENICA 27 SETTEMBRE 2009
LE ADESIONI DOVRANNO PERVENIRE IN SEZIONE ENTRO IL 17 SETTEMBRE E SI ACCETTERANNO SINO AD ESAURIMENTO POSTI

PER I SOCI IL CONTRIBUTIO E' DI €.10,00

PER FAMIGLIARI E SIMPATIZZANTI €.40,00

PER I BAMBINI OLTRE I 3 ANNI E FINO A 10 €. 15,00

IL TRASFERIMENTO SARA' EFFETTUATO IN PULMAN

PARTECIPATE NUMEROSI AL FESTEGGIAMENTO DEL 50° AVIS PADERNO

UN SALUTO

 
 
 

NUMERI TELEFONICI UTILI TERREMOTO ABRUZZO

Post n°75 pubblicato il 08 Aprile 2009 da paologill
 
Foto di paologill

NUMERI TELEFONICI UTILI TERREMOTO ABRUZZO: CERCANO URGENTEMENTE SANGUE RH 0 NEGATIVO NUMERO 06 491340. / PER VOLONTARI ADDESTRATI NUMERO 3270499293 /PER VIVERI, COPERTE MEDICINALI O QUANT'ALTRO DI UTILE NUMERO 800.860.146 OPPURE 06.68208 / CHIUNQUE AVESSE UNA STRUTTURA ALBERGHIERA IN ABRUZZO E POTESSE OSPITARE CHIAMARE 0854308309. COPIARE ED INCOLLARE NELLO STATUS. GRAZIE.
USEFUL TELEPHONE NUMBERS ABRUZZO EARTHQUAKE: SEARCH URGENT BLOOD RH 0 NEGATIVE NUMBER 06 491340. / FOR VOLUNTEERS trained NUMBER 3270499293 / FOR FOOD, BLANKETS OR MEDICINAL anything PROFIT NUMBER 800860146 OR 06.68208 / ANYONE HAD A HOTEL IN ABRUZZO STRUCTURE AND HOSTING COULD CALL 0854308309. COPY AND PASTE IN STATUS. THANK YOU

 
 
 

IGOR CASSINA TESTIMONIAL AVIS

Post n°74 pubblicato il 22 Marzo 2009 da paologill
Foto di paologill

È della Provincia di Milano - di Meda precisamente - ed

è iscritto da anni all' Avis Comunale il campione olimpico

di Atene 2004 (medaglia d'oro alla sbarra), che ora

fa il conto alla rovescia per le Olimpiadi di Pechino.

Igor Cassina presta di nuovo il suo volto per una campagna

Avis Nazionale che suona così: "Campioni nello

sport, campioni nella vita. Diventa donatore si sangue!".

Il manifesto è stato distribuito a oltre 3200 sedi Avis e,

in forma di banner, è pubblicato su oltre 400 siti tra Avis

regionali, provinciali e comunali.

Alla conferenza stampa di lunedì 16 giugno presso

l'Avis di Meda, presenti il presidente di Avis Nazionale

Andrea Tieghi, il presidente dell' Avis Provinciale Milano

Natale Casati e il presidente della sede cittadina

Renato Nobili, il campione mondiale ha dichiarato:

«Ringrazio Avis per avermi coinvolto in questo interessante

progetto di sensibilizzazione e spero vivamente

di poter dare un grande contributo, soprattutto in un periodo

come quello estivo in cui si assiste a un calo delle

donazioni. Il rapporto che mi lega ad Avis è molto solido

e di lunga data: da anni sono socio della Comunale

di Meda e già in passato ho prestato il mio volto per

una campagna realizzata dopo la vittoria della medaglia

d'oro ad Atene 2004. Questo nuovo manifesto vuole

essere, quindi, il proseguimento del mio impegno nella

promozione di un valore di vitale importanza come

quello della donazione di sangue».

Il presidente nazionale Andrea Tieghi ha illustrato i motivi

della scelta di Igor Cassina come testimoniaI: «Prima

di tutto, la sensibilità che il giovane atleta ha dimostrato

per le tematiche sociali e la sua disponibilità a farsi

portavoce del nostro messaggio nei mesi precedenti i

giochi olimpici. Igor è una persona di valore, semplice e

molto disponibile. La sua immagine ben si sposa con le

finalità della nostra Associazione, da sempre impegnata

nella promozione della generosità, nonché di uno stile di

vita sano e attivo. La nostra speranza è che, con questo

manifesto, un numero sempre maggiore di giovani si

avvicini ad Avis, per scoprire che anche attraverso

la donazionedi sangue si può vincere la propria medaglia d'oro».

Il presidente dell' Avis Provinciale di Milano Natale Casati

infine ha promesso che l' Avis di Meda ospiterà la

squadra olimpionica di ginnastica artistica al suo rientro

da Pechino per una grande festa.

 
 
 

L´ambulanza si ribalta, muore volontario

Post n°73 pubblicato il 16 Febbraio 2009 da paologill

In largo Augusto scontro con una Mercedes che non ha rispettato lo stop, la vittima un padre di famiglia


L´ambulanza si ribalta, muore volontario

Franco Capitano

 

La dinamica sarà chiarita con i filmati delle telecamere

 

 

 

Un autista di ambulanza è morto in uno scontro per una precedenza stradale non avuta in largo Augusto. L´autolettiga della Croce San Carlo stava viaggiando a sirene spiegate in via Francesco Sforza poco prima di mezzogiorno: era appena uscita dal Policlinico e stava procedendo verso la clinica santa Rita per prendere alcune sacche di sangue da portare all´ospedale Niguarda. Ma un 72enne, Nedo G., residente a Milano, alla guida di una Mercedes che viaggiava da largo Augusto verso corso di Porta Vittoria, non ha dato la precedenza e si è scontrato con l´ambulanza. Un urto così forte che il mezzo di soccorso, dopo un testacoda, si è rovesciato su un fianco ed è finito in mezzo alla corsia riservata ai mezzi pubblici. Al momento dell´impatto Bruno è stato sbalzato fuori dal finestrino,
Quando i vigili del fuoco sono arrivati Bruno C, 44 anni, l´autista dell´autolettiga, era già morto. Il suo corpo è rimasto in terra oltre un´ora prima dell´arrivo del carro funebre, coperto da un telo di plastica che lo difendeva dalla curiosità dei passanti. Padre di famiglia, nato a Nova Milanese ma residente a Cormano, Bruno era volontario della Croce San Carlo solo da un paio di mesi, ma era esperto al volante di ambulanze: aveva già lavorato per anni con un´altra associazione. I colleghi lo ricordano come «una persona prudente e attenta, un soccorritore esemplare, sempre sereno anche nei momenti più difficili». Dicono che era «scrupoloso e appassionato nel fare il suo lavoro di volontario, ed era un ottimo guidatore».
Il suo collega di 23 anni, il capoturno Riccardo C., che viaggiava con lui è rimasto a sua volta ferito ed è stato portato all´ospedale Fatebenefratelli, mentre il conducente della Mercedes, che aveva attaccato al lunotto dell´auto il contrassegno da disabile, è stato trasportato al Niguarda in codice giallo. Nessuno dei due, fanno sapere le direzioni sanitarie delle due strutture, viene considerato in gravi condizioni. Oggi i vigili urbani presenteranno il rapporto dell´incidente al pubblico ministero di turno Letizia Mannella e visioneranno i filmati delle telecamere installate nei pressi dell´ingresso del palazzo dell´Aem, che si trova proprio vicino all´incrocio dove è avvenuto l´incidente.

 

 

 
 
 

Incidenti stradali: conducente ambulanza muore a Milano

Post n°72 pubblicato il 15 Febbraio 2009 da paologill
 
Foto di paologill





Incidenti stradali: conducente ambulanza muore a Milano
 
 
Incidenti stradali: conducente ambulanza muore a Milano
Nello scontro con un'auto in largo Augusto
(ANSA) - MILANO, 15 FEB - Il conducente di un'autoambulanza della Croce San Carlo e' morto oggi in uno scontro con un'auto in largo Augusto, nel centro di Milano. Nell'impatto tra i due mezzi sono rimasti feriti, sembra in maniera non grave, il conducente della vettura e un collega del conducente dell'ambulanza. Per estrarre l'automobilista ferito dalle lamiere dell'auto sono intervenuti i vigili del fuoco. L'ambulanza stava trasportando sacche di sangue destinate al Policlinico di Milano.








http://www.crocesancarlo.org/

2009-02-15 13:0
Incidenti stradali: conducente ambulanza muore a Milano
 
 

 

 

 

http://www.crocesancarlo.org/

 
 
 

EMERGENZA FREDDO , UNITA' DI STRADA CRI

Post n°71 pubblicato il 02 Febbraio 2009 da paologill
Foto di paologill

Milano: Li hanno trovati nel cuore della notte, due giorni fa nella sala d'attesa della  Stazione di Greco, gli peratori di Bresso e Paderno, che compongono una delle 5 Unità di Strada  del progetto provinciale "La Cri per i Clochard".  Sono una coppia di italiani con una bimba di poco più di un anno, non clochard, ma sicuramente senza casa, senza lavoro e alla ricerca di un "presente" nemmeno di un futuro. Una storia come tante di crisi e di povertà, con loro una piccola di soli 16 mesi, curata con amore da due gentori, che dopo avere provato senza successo a trovare lavoro in Germania, hanno ripreso a tappe, la via del sud e del rientro verso casa. Gli operatori gli hanno chiesto se potevano ofrirgli almeno un rifugio più sicuro per la notte, così sono stati accompagnati al Punto Caldo della Croce Rossa, allestito due settime fa al Monumentale.
Ma l'assistenza non poteva terminare con una tazza di the fumante e due brande calde. Uno scambio di telefonate tra il Commissario Provinciale CRI Alberto A.A. Bruno e il Coordinatore Provinciale del progetto "La Cri per i Clochard"  e si è reperita una soluzione più efficace e idonea.
Il mattino sucessivo operatori di Milano città e Milano Est, di presidio al Punto Caldo, hanno accompagnato la famigliuola in Stazione Centrale, presso il Centro Ascolto del Comune di Milano, dove dopo una breve attesa presso il Posto di Polizia Feroviaria che si è offerta di far aspettare al caldo il nucleo e il personale CRI nell'attesa dell'apertura dello sportello, gli operatori sociali del Comune, hanno preso in carico il nucleo e sistemato la madre con la piccolina in una comunità per mamme con figli in difficoltà e offerto una sistemazione anche per il papà. Da ieri notte la piccola ha un tetto.
Nel frattempo il Punto Caldo CRI fa il pieno tutte le notti,  Per domani fino a Lunedì su Milano è previsto brutto tempo anche con la possibilità di nevischio. Lunedì mattina in Comune vi sarà una riunione per far il quadro dell'operzione complessiva, che ricordiamo conta su tre "punti caldi" di cui oltre a quello della Croce Rossa, due sono gestiti dal Comune, coadiuvati anche dagli amici dal CiSOM del Sovrano Militare Ordine di Malta.

 
 
 

Post N° 70

Post n°70 pubblicato il 12 Gennaio 2009 da paologill
Foto di paologill

 

Carissimi Amici di Zway,

 

in questi giorni, secondo il calendario liturgico Etiope,

abbiamo appena festeggiato il Santo Natale,

Gesù che Viene! 

Domani celebreremo la festa della Santa Famiglia di Nazareth:

Gesù, Maria e Giuseppe.

 

Abbiamo festeggiato con i bambini, i ragazzi e le loro famiglie:

teatri, canti, danze...

La notte del Santo Natale abbiamo vissuto l'Eucarestia

assieme alle nostre oratoriane più grandi.

 

Sempre vi abbiamo nel cuore,

chiedendo al Signore Gesù,

di benedire ciascuno di voi,

assieme a tutti i vostri cari.

 

Sentiteci vicinissimi con la preghiera più viva,

e con tanta e tanta riconoscenza

per tutto quello che fate per noi e per la nostra gente.

 

Sr Giò, sr Elisa, sr Ines, sr Nieves, sr Elsa e sr Antonietta

 

PS.: Scusate i nostri ritardi...
Il sabato prima di Natale siamo riuscite a distribuire aiuti a circa
6/700 ragazzi della scuola: quaderni, vestiario, sapone, cibo... Tutti erano
felicissimi!
Il giorno dopo ci siamo ritrovate alle prese con le ragazze dell'oratorio e
le loro mamme, per la festa con il teatro di Natale e qualche dono...
Lunedì, al mattino, è stata la volta del College e, nel pomeriggio, della
scuola primaria. Martedì mattina, abbiamo terminato con la festa dei bimbi della scuola materna.
La notte di Natale sono arrivate le ragazze alte dell'oratorio (oltre un
centinaio). Dopo la cena hanno atteso la mezzanotte guardando un film sulla
nascita di Gesù. E dopo la Messa hanno cantato a piena voce nel cuore della
notte, prima di andare a dormire tutte assieme nel saloncino della scuola
materna.
La mattina di Natale ci ha trovate belle sveglie per augurare Buon Natale a
ciascuna di loro, con un piccolo segno (siamo riuscire a dare un paio di
scarpe a tutte).
Dopo la Messa del giorno di Natale, è stata la volta dei bambini più
poveri... tutti quelli che erano in chiesa ma non indossavano il vestito
della festa (non avevano nessun vestito della festa!). Non abbiamo fatto a
tempo a vestirli da testa a piedi quando sono arrivati tutti gli orfani di
Meki, per festeggiare assieme a noi la nascita di Gesù...
Ci è solo spiaciuto che anche voi non eravate qui per vivere con noi la
festa dell'Emmanuele, del Dio con noi. Sono state giornate in cui Gesù si è
fatto ancora più vicino, presente nei più poveri tra i poveri. La gioia ha
fatto dimenticare tutte le fatiche..
Grazie!!

Un grosso saluto di cuore.Sr Giò, sr Elisa, sr Ines, sr Nieves, sr Elsa e sr Antonietta

 
 
 
 
 

volontari del 118

Post n°68 pubblicato il 22 Novembre 2008 da paologill
 

 
 
 

Post N° 67

Post n°67 pubblicato il 20 Novembre 2008 da paologill

Profilo Facebook di Paolo Galli

 
 
 
Successivi »
 
 

VIENI A VISITARMI

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

campatore2003stefano.lafuentiorne62bernococostruzionijacke3paologillt.deodati1957casamatilde01salvatore.serapionemarco.lambMONIA2301aramebaale.galli1991francesca.parcesepe
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom