it's all right

cose che mi piacciono, pensieri miei e trovati che mi colpiscono perchè sento miei,

 

MUSICA...

 
“Per me non esiste l’arte di sfiorare, o lo tocchi l’amore o lo lasci andare_”

 M. Bisotti

 

AREA PERSONALE

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 4
 

ULTIME VISITE AL BLOG

g1b9g1b9ePRESTISALVOEremoDelCuoreelcondorpasaaaalex_53Quenofhearts84azzurrotralecimaseFanny_WilmotNiexpo68Io_SorayamariastellapaganosognimondoSky_Eagle
 

ULTIMI COMMENTI

CHI PU˛ SCRIVERE SUL BLOG

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Luglio 2024 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 

 

Ogni lettore, quando legge, legge sé stesso. L’opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che è offerto al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in sé stesso.

Marcel Proust

 

UN FLAUTO MAGICO...

 

 

« Il buonsenso...Un granello di sabbia, s... »

Un'emozione...

Post n°142 pubblicato il 19 Gennaio 2019 da g1b9e
 

 

Un’emozione…

 Ci sono giorni, che piove, piove come fosse autunno,   per ricordarsi all’improvviso che è primavera, allora si imbizzarriscono   le correnti e cominciano a litigare. Dapprima borbottii, poi un litigio furioso con sonore botte,il cielo si scurisce, nero come la pece, inizia una fitta grandinata , grossi chicchi che luccicano tra i lampi. Il vento si agita come un ballerino impazzito che danza tra gli alberi  rivestendosi di foglie ,che spariglia attorno. Dietro i vetri, osservava questo brutto temporale; non  aveva il profumo della calura estiva, ma si portava dietro un freddo quasi invernale, un cielo che schiariva lentamente diventando lattiginoso, luce biancastra da fine autunno, prati bianchi di grandine, rami, foglie, fiori sfregiati sparpagliati ovunque. Una grande tristezza la assaliva ,  si sentiva torturata come la natura, incapace di difendersi.  Ricordava quando lui c'era ancora ,il  tepore del  viso  di lui accanto al suo, piaceva ad entrambi guardare la pioggia, lei accovacciata sulle sue ginocchia ad osservare l’acqua, che scorreva lungo i vetri, oppure scendeva sulla veranda  aperta, durante l’estate,  momenti  in cui si  sentiva soltanto la musica della  pioggia, a volte  un crescendo di note forti, che improvvisamente si smorzavano nel vento placato.. allora sgocciolavano le gronde, la pioggia diradava, tornava la luce del pomeriggio a cancellare quella sera autunnale calata all’improvviso.   Come quando finisce uno spettacolo, una  passeggiata in veranda  sgranchiva le loro gambe,in quel tramonto che sembrava un ‘alba, che schiariva dalla notte per immergersi nella sera, negli ultimi raggi di sole che coloravano il cielo e le nuvole con rossi incredibili, nello spegnersi del sole dietro la collina… e pioveva ancora, una  pioggia sottile  da rimasugli di nuvole violette, uno spettacolo incredibile, che avevano visto poche volte, che avevano ammirato quasi inebetiti . C’era il sole della sera e pioveva, se si fosse potuto assaggiare la pioggia non  avrebbe stupito  se fosse   stata zuccherata.  Senza parlare  lei incominciavi a sorridere e poi scoppiavano in una risata, lo squarcio azzurro che  piano piano diradava le gocce, le rallentava . Dietro le colline il cielo   giallo, uno scrigno  pieno d’oro ai piedi  di un arcobaleno che , in pochi secondi disegnava il suo arco, che si perdeva lontano nella pianura ancora scura. Abbracciati avevano vissuto questa emozione, meravigliosa, la pioggia  nel tramonto  di fuoco, un’ emozione rara irripetuta fino a ieri sera quando, in quello squarcio di azzurro , in quelle ultime gocce colorate  lei vedeva ancora i sui occhi, gli stessi che l'avevano incantata la prima volta, in cui l'aveva visto, gli stessi,che parevano sorridere in quell'ultimo addio!!



Commenti al Post:
Nessun commento
 
 
 

INFO


Un blog di: g1b9e
Data di creazione: 19/08/2012
 

C'ERA UNA VOLTA..

"Era una ragazza semplice, di quelle che sognano dietro ai libri e alle poesie, e se la vita è carogna non importa, una ragione buona per sorridere la trovi comunque. Era un tipo così. Ed era carina, questo bisogna dirlo. Non del genere vistoso, quelle che ti giri a guardarle. Più semplice. Ma aveva qualcosa che ti accalappiava, niente da dire, ce l'aveva. Come una specie di limpidezza, di trasparenza. Era quel tipo di donna che quando ce l'hai tra le braccia, sai che lei è lì, proprio tra le tue braccia e da nessuna altra parte. Non so se avete presente. Ma è una cosa rara.. e bellissima, nel suo genere."

Alessandro Baricco

 

'

 

HO CAPITO CHE...

Ho capito in quell'istante di essere veramente innamorata, ma nel senso della parola inglese: in love...Forse non eravamo nemmeno due persone innamorate l'una dell'altra ma innamorate di ciò che ci univa...Come due musicisti jazz: ciò che li unisce non è l'amore dell'uno per l'altro, ma l'amore che entrambi hanno per la musica...Ciò che creano.

Fabio Volo

 

 

ECCO PERCHŔ...

C’è talmente tanta umanità in questa capacità di amare gli alberi, talmente tanta nostalgia dei nostri primi stupori, talmente tanta forza nel sentirsi così insignificanti in mezzo alla natura… sì, è proprio questo: l’evocazione degli alberi, della loro maestosità indifferente e dell’amore che proviamo per loro da un lato ci insegna quanto siamo insignificanti, cattivi parassiti brulicanti sulla superficie terrestre, dall’altro invece quanto siamo degni di vivere, perché siamo capaci di riconoscere una bellezza che non ci è debitrice.
 Muriel Barbery
L'eleganza del riccio

 

 


Secondo me può anche succedere che una persona ti ami e tu non te ne accorga. Ma quando una che ti ha amato e smette di farlo è impossibile non accorgersene.

Fabio Volo

 

 

 

 
 

© Italiaonline S.p.A. 2024Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963