Creato da STUPORMUNDI il 24/10/2007

Genesi

storia di un'anima

 

 

Shemà Israel, שמע ישראל

Post n°228 pubblicato il 11 Gennaio 2009 da STUPORMUNDI

 
 
 

 Magari bastasse una canzone...

Post n°227 pubblicato il 11 Gennaio 2009 da STUPORMUNDI


 


Guardo gli asini
che volano nel ciel
ma le papere sulle nuvole
si divertono
a fare i cigni nel ruscel
bianco come inchiostro
vanno i treni
sopra il mare tutto blu
e le gondole bianche
sbocciano nel crepuscolo
sulle canne di bambu'
Du du du du du
Queste strane cose
vedo ed altro ancor
quando ticchete ticche
ticchete ticche
ticchete sento che e'
guarito il cuor
dall'estasi d'amor

 
 
 

Post N° 226

Post n°226 pubblicato il 03 Gennaio 2009 da STUPORMUNDI

E' stato un immenso dolore, ma era necessario, e finalmente è accaduto!!!

 
 
 

 . . . . .

Post n°225 pubblicato il 29 Dicembre 2008 da STUPORMUNDI

 

 
 
 

Post N° 224

Post n°224 pubblicato il 25 Dicembre 2008 da STUPORMUNDI



Buon Natale


 
 
 

 semplicemente... deliziosa!

Post n°223 pubblicato il 15 Dicembre 2008 da STUPORMUNDI

 


Discover Franco Battiato!

 
 
 

DOLCE PIANTO

Post n°222 pubblicato il 15 Dicembre 2008 da STUPORMUNDI

Un'inspiegabile tristezza pervade il mio Essere.
Un inguaribile dolore strazia il mio Corpo.
Un'indescrivibile voglia di Te mi possiede.
Un'immensa gioia mi sorride.
Amore, a lungo ti ho cercato...
poi ti ho trovato:
in una lacrima
in un sorriso
in una notte insonne
nella quiete del riposo.
Tu, mio inseparabile compagno,
sei sempre con me...
anche quando non ci sei.
Tutto... in un dolce pianto.

M. Godot

 
 
 

Post N° 221

Post n°221 pubblicato il 11 Dicembre 2008 da STUPORMUNDI





Tamara de Lempicka
La Dormeuse
1923

 
 
 

Post n°220 pubblicato il 08 Dicembre 2008 da STUPORMUNDI

CELEBRAZIONE EUCARISTICA
NELLA BASILICA DI SANTA MARIA MAGGIORE


 

OMELIA DEL SANTO PADRE GIOVANNI PAOLO II

Venerdì 8 dicembre 1978





1. Mentre per la prima volta come Vescovo di Roma varco oggi la soglia della Basilica di Santa Maria Maggiore, mi si presenta dinanzi agli occhi l’evento che ho vissuto qui, in questo luogo, il 21 novembre del 1964. Era la chiusura della terza sessione del Concilio Vaticano II, dopo la solenne proclamazione della Costituzione dogmatica sulla Chiesa, che comincia con le parole: “Lumen gentium” (luce delle genti). Lo stesso giorno il Papa Paolo VI aveva invitato i Padri conciliari a trovarsi proprio qui, nel più venerato tempio mariano di Roma, per esprimere la gioia e la gratitudine per l’opera ultimata in quel giorno.


La Costituzione Lumen Gentium è il documento principale del Concilio, documento “chiave” della Chiesa del nostro tempo, pietra angolare di tutta l’opera di rinnovamento che il Vaticano II ha intrapreso e di cui ha dato le direttive.


L’ultimo capitolo di questa Costituzione porta il titolo: “La beata Vergine Maria Madre di Dio nel mistero di Cristo e della Chiesa”. Paolo VI, parlando quel mattino nella Basilica di San Pietro, col pensiero fisso sull’importanza della dottrina espressa nell’ultimo capitolo della Costituzione Lumen Gentium, chiamò per la prima volta Maria “Madre della Chiesa”. La chiamò così in modo solenne, e cominciò a chiamarla con questo nome, con questo titolo, ma soprattutto ad invocarla perché partecipasse come Madre alla vita della Chiesa: di questa Chiesa che durante il Concilio ha preso più profondamente coscienza della propria natura e della propria missione. Per dare maggiore rilievo a questa espressione, Paolo VI, insieme con i Padri conciliari, è venuto proprio qui, nella Basilica di Santa Maria Maggiore, dove Maria da tanti secoli è circondata da particolare venerazione e amore, sotto il titolo di “Salus Populi Romani”.


2. Seguendo le orme di questo grande Predecessore, che è stato per me un vero padre, anch’io vengo qui. Dopo il solenne atto in Piazza di Spagna, la cui tradizione risale al 1856, vengo qui in seguito ad un cordiale invito rivoltomi dall’Eminentissimo Arciprete di questa Basilica, il Cardinale Confalonieri, Decano del Sacro Collegio, e da tutto il Capitolo.


Penso però che, insieme a lui, mi invitano qui tutti i miei Predecessori nella cattedra di San Pietro: il Servo di Dio Pio XII, il Servo di Dio Pio IX; tutte le generazioni dei Romani; tutte le generazioni dei cristiani e tutto il Popolo di Dio. Essi sembrano dire: Va’! Onora il grande mistero nascosto fin dall’eternità, in Dio stesso. Va’, e da’ testimonianza a Cristo nostro Salvatore, figlio di Maria! Va’, e annuncia questo particolare momento; nella storia il momento di svolta della salvezza dell’uomo.



Tale punto decisivo nella storia della salvezza è proprio l’“Immacolata Concezione”. Dio nel suo eterno amore ha scelto fin dall’eternità l’uomo: l’ha scelto nel suo Figlio. Dio ha scelto l’uomo, affinché possa raggiungere la pienezza del bene mediante la partecipazione alla sua stessa vita: vita divina, attraverso la grazia. L’ha scelto fin dall’eternità, e irreversibilmente. Né il peccato originale, né tutta la storia delle colpe personali e dei peccati sociali hanno potuto dissuadere l’eterno Padre da questo suo piano di amore. Non hanno potuto annullare la scelta di noi nell’eterno Figlio, Verbo consustanziale al Padre. Poiché questa scelta doveva prendere forma nell’Incarnazione, e poiché il Figlio di Dio doveva per la nostra salvezza farsi uomo, proprio per questo il Padre eterno ha scelto per lui, tra gli uomini, la Madre. Ognuno di noi diventa uomo perché concepito e nato dal grembo materno. L’eterno Padre ha scelto la stessa via per l’umanità del suo Figlio eterno. Ha scelto sua Madre dal popolo, a cui da secoli affidava in modo particolare i suoi misteri e le sue promesse. L’ha scelta dalla stirpe di Davide e contemporaneamente da tutta l’umanità. L’ha scelta di stirpe regale, ma al tempo stesso tra gente povera.

L’ha scelta sin dal principio, sin dal primo momento della concezione, facendola degna della maternità divina, alla quale nel tempo stabilito sarebbe stata chiamata. L’ha fatta prima erede della santità del proprio Figlio. Prima tra i redenti dal suo sangue, ricevuto da lei, umanamente parlando. L’ha resa immacolata nel momento stesso della concezione.

Tutta la Chiesa contempla oggi il mistero dell’Immacolata Concezione e ne gioisce. Questo è un giorno particolare del tempo di Avvento.



3. Esulta di questo mistero la Chiesa Romana e io, come nuovo Vescovo di questa Chiesa, partecipo per la prima volta a tale gioia. Perciò desideravo tanto venire qui, in questo tempio, dove da secoli Maria viene venerata come “Salus Populi Romani”. Questo titolo, questa invocazione non ci dicono forse che la salvezza (“salus”) è diventata in modo singolare retaggio del Popolo Romano (“Populi Romani”)? Non è forse questa la salvezza che Cristo ci ha portato e che Cristo ci porta continuamente, lui solo? E sua Madre, che proprio come Madre, è stata in modo eccezionale, “più eminente” (Paolo VI, Credo), redenta da lui, suo Figlio, non è forse anche lei – da lui, suo Figlio – chiamata, in modo più esplicito, semplice e potente insieme, a partecipare alla salvezza degli uomini, del popolo Romano, dell’umanità intera? Per condurre tutti al Redentore. Per dare testimonianza di lui, anche senza parole, solo con l’amore nel quale si esprime “il genio della madre”. Per avvicinare perfino coloro che oppongono maggiore resistenza, per i quali è più difficile credere nell’amore; che considerano il mondo come un grande poligono “di lotta di tutti contro tutti” (come si è espresso uno dei filosofi nel passato). Per avvicinare tutti – cioè ciascuno – a suo Figlio. Per rivelare il primato dell’amore nella storia dell’uomo. Per annunziare la vittoria finale dell’amore. Non pensa forse la Chiesa a questa vittoria, quando ci ricorda oggi le parole del libro della Genesi: “Questa [la stirpe della donna] schiaccerà la testa del serpente” (cf.Gen 3,15)?


4. “Salus Populi Romani”!


Il nuovo Vescovo di Roma varca oggi la soglia del tempio mariano della Città Eterna, consapevole della lotta tra il bene e il male, che pervade il cuore di ogni uomo, che si svolge nella storia dell’umanità e anche nell’anima del “popolo Romano”. Ecco ciò che al riguardo ci dice l’ultimo Concilio: “Tutta intera la storia umana è infatti pervasa da una lotta tremenda contro le potenze delle tenebre; lotta cominciata fin dall’origine del mondo, che durerà, come dice il Signore, fino all’ultimo giorno. Inserito in questa battaglia, l’uomo deve combattere senza soste per poter restare unito al bene, né può conseguire la sua interiore unità se non a prezzo di grandi fatiche, con l’aiuto della grazia di Dio” (Gaudium et Spes, 37).


E perciò il Papa, agli inizi del suo servizio episcopale nella cattedra di San Pietro a Roma, desidera affidare la Chiesa in modo particolare a Colei in cui si è compiuta la stupenda e totale vittoria del bene sul male, dell’amore sull’odio, della grazia sul peccato; a Colei della quale Paolo VI disse che è “inizio del mondo migliore”, all’Immacolata. Le affida se stesso, come servo dei servi, e tutti coloro che egli serve, e tutti coloro che con lui servono. Le affida la Chiesa Romana, come pegno e principio di tutte le Chiese del mondo, nella loro universale unità. Gliela affida e offre come sua proprietà!


“Totus tuus ego sum et omnia mea tua sunt. Accipio. Te in mea omnia!”: Sono tutto tuo, e tutto ciò che ho è tuo. Sii tu mia guida in tutto.

Con questo semplice e insieme solenne atto di offerta il Vescovo di Roma, Giovanni Paolo II, desidera ancora una volta riaffermare il proprio servizio al Popolo di Dio, che non può essere nient’altro che l’umile imitazione di Cristo e di Colei, che ha detto di se stessa: “Eccomi, sono la serva del Signore” (Lc 1,38).

Sia questo atto segno di speranza, come segno di speranza è il giorno dell’Immacolata Concezione sullo sfondo di tutti i giorni del nostro Avvento.

 
 
 

TI PENSO...

Post n°219 pubblicato il 08 Dicembre 2008 da STUPORMUNDI

 
 
 

Post N° 218

Post n°218 pubblicato il 08 Dicembre 2008 da STUPORMUNDI

La felicità non è "avere", ma desiderare qualcosa che sappiamo di "poter ottenere"

 
 
 

Post N° 217

Post n°217 pubblicato il 08 Dicembre 2008 da STUPORMUNDI

Amo le luci e le ombre... ed i giochi di colore.

 
 
 

Post N° 216

Post n°216 pubblicato il 05 Dicembre 2008 da STUPORMUNDI


Discover Eels!

 
 
 

Post N° 215

Post n°215 pubblicato il 05 Dicembre 2008 da STUPORMUNDI

A volte mi piace comportarmi come le foglie in balia del vento, lasciandomi trasportare fin dove il destino mi poserà, godendomi appieno quei momenti di gioia che la vita ci riserva. Quanto è raro e meraviglioso quel fugace intervallo contenuto tra noia e dolore.


 
 
 

Post N° 214

Post n°214 pubblicato il 05 Dicembre 2008 da STUPORMUNDI

Quanto sono rare le persone che ai "prìncipi" preferiscono i princìpi.

 
 
 

"Halleluja" di Jeff Buckley

Post n°213 pubblicato il 26 Novembre 2008 da STUPORMUNDI

 
 
 

Post N° 212

Post n°212 pubblicato il 25 Novembre 2008 da STUPORMUNDI

 
 
 

Post N° 211

Post n°211 pubblicato il 25 Novembre 2008 da STUPORMUNDI




Dove sta scrittu che la musica popolare è solo di sinistra?
Sentita quant’è bella,
uscite dalla finestra
arriva la tarantella dellu centru destra
Evviva Berlusconi e lu capitalismu
Le società per azioni, evviva lu consumismu
Evviva pure Maroni e lu federalismu
Evviva la Carfagna….Evviva la fregna
Evviva gli stranieri evviva l’integrazione
Ma solo se so femmine e solo quelle bone
Evviva lu parlamentu che bella istituzione
Ci vai una volta al mese e ti porti la pensione
Evviva Brunetta persona come si deve
Evviva tutti e sette…Evviva Biancaneve
Evviva La Russa che sa fare la difesa
E Matteoli che sa fare strade e viali
Evviva Tremonti che sa fare bene i conti
E la Gelmini che sa fare i bu......
Secondo me li sa fare…cosa?...le riforme
A nui ci piace lu grembiulu
E lu maestru sulu
Maestriiii…
Andassero a fanculu…
Evviva lu centru destra!!

 
 
 

Post N° 210

Post n°210 pubblicato il 24 Novembre 2008 da STUPORMUNDI

Che meravigliosa sensazione guardarti mentre lo mangiavi, in quell'istante ho provato qualcosa di indescrivibile...

 
 
 

AUGURI MIO DOLCISSIMO AMORE

Post n°209 pubblicato il 24 Novembre 2008 da STUPORMUNDI




Happy birthday to you
Happy birthday to you
Happy birthday Aglaia
Happy birthday to you

Buon compleanno principessa

 
 
 
Successivi »
 

LOVE IS WHERE YOU ARE

OGNI PAROLA, OGNI IMMAGINE, OGNI SUONO, SONO PER LA PERSONA CHE AMO E CHE RIEMPIE IL MIO CUORE DI IMMENSA GIOIA.
GRAZIE AMORE MIO, GRAZIE DI ESSERE COSI' COME SEI.
 



 

AREA PERSONALE

 

DISCLAIMER

Questo Blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato a discrezione dell'autore non sistematicamente. Non può quindi essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Molte immagini sono state tratta da internet, ma seil loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione.
 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: STUPORMUNDI
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 119
Prov: EE
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

FACEBOOK

 
 

I MIEI BLOG AMICI

Citazioni nei Blog Amici: 1
 

ULTIME VISITE AL BLOG

STUPORMUNDIgilidgl2marco.giosilimprescindibileM_I_A_soloantonella.tribottiSymmetryolimpyolillitinvaniamaturisupergirls0brefeSHIBARIDOzaharah
 
 

I MIEI LINK PREFERITI

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

 

THE LOVERS - MAGRITTE

 

IL BACIO - KLIMT

 

HENRI DE TOULOUSE-LAUTREC

 

IL BACIO - FRANCESCO HAYEZ

 

ODI ET AMO - CATULLO

Odi et amo. Quere id faciam, fortasse requisir.

Nescio, sed fieri sentio etexcrucior.

Odio e amo. Forse vuoi sapere come faccia.

Non lo so. Ma sento che mi succede ed è un tormento.

 

TAMARA DE LEMPICKA

 

IL PIÙ BELLO DEI MARI

Il più bello dei mari

è quello che non navighiamo.

Il più bello dei nostri figli

non è ancora cresciuto.

I più belli dei nostri giorni

non li abbiamo ancora vissuti.

E quello

che vorrei dirti di più bello

non te l'ho ancora detto.

(Nazim Hikmet)

 

HAVE YOU EVER SEEN THE RAIN

 

L'AMOR EST BLEU

 

EVERBODY HURTS