« Messaggio #208Messaggio #210 »

Post N° 209

Post n°209 pubblicato il 26 Ottobre 2008 da eleperci
 

Addio a Michele Piccirillo, missionario del bello in Terrasanta

di Elena Percivaldi


pubblicato domenica 26 ottobre 2008

 

Lo avevamo conosciuto nel febbraio del 2000 a Milano, in occasione della grande mostra "In Terrasanta" che aveva curato con il professor Franco Cardini a Palazzo Reale, e che ripercorreva la storia dei secolari rapporti tra Oriente e Occidente, proficui come nel caso dei commerci e degli interscambi culturali, nefasti con la tragedia delle Crociate. Negli ultimi mesi era stato colpito da un tumore: così Michele Piccirillo si è spento ieri notte a Livorno, mentre si trovava convalescente in casa di parenti. Aveva 64 anni. Un uomo energico, coltissimo, che sin da giovane, vestendo gli abiti francescani, aveva voluto ripercorrere le orme del poverello d'Assisi anche recandosi in Terrasanta. Il frate umbro vi andò alla fine degli anni Dieci del Duecento per predicare la Buona Novella, ma non riuscì a convertire il Sultano d'Egitto, gettando però le basi per la Provincia francescana di Terra Santa che, fondata nel 1217, si estendeva a tutte le regioni del bacino sud-orientale del Mediterraneo, dall'Egitto fino a oltre la Grecia. Ma Piccirillo, nato nel 1944 a Casanova di Carinola, in Campania, fece di più, lavorando per la tutela del patrimonio culturale e archeologico dei luoghi sacri divenendo famoso in tutto il mondo come archeologo e come biblista. Frate Piccirillo in Terrasanta visse a lungo partecipando a decine di campagne di scavi, su entrambe le sponde del Giordano, in particolare sul Monte Nebo, riportando alla luce chiese, conventi e mosaici bizantini di immenso valore artistico e storico, affermandosi come uno dei principali esperti di archeologia biblica. Questo "Indiana Jones" in tonaca era un uomo dottissimo ma anche simpatico e pieno di umorismo. Pur lavorando in un'area tutt'altro che tranquilla - Israele, la Giordania, i territori occupati, la striscia di Gaza, Gerusalemme, la Siria -, non esitava a fare da guida a pellegrini, di qualsiasi provenienza e rango, sulle strade della Terra Santa. Così nel 2000 accompagnò sul Monte Nebo papa Giovanni Paolo II, e l'anno successivo il presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi. Il tutto senza timori né tremori. In una zona dove la tensione è sempre palpabile, e il rischio attentati (soprattutto dopo il punto di non ritorno dell'11 settembre 2001) è all'ordine de giorno, aveva aperto a Gerico una scuola di restauro, e non temeva di riconscere che l'arte bizantina poté continuare ad accrescere il suo splendore anche sotto il califfato omayyade, senza soluzione di continuità. «Ho visto il frutto del mio lavoro diventare testimonianza di un impegno di pace tra popoli ostili», spiegava con orgoglio a chi lo andava a trovare nel suo studio nel Convento della Flagellazione a Gerusalemme, una stanza dove dormiva, lavorava e riceveva, pregna di libri, carte, reperti e antiche monete. In questi mesi, prima che il male lo cogliesse, padre Piccirillo stava lottando per preservare dall'urbanizzazione israeliana e dagli attacchi del fondamentalismo islamico i luoghi della memoria cristiana. Ai cristiani di casa nostra, che si interessavano solo ai simboli eclastanti dei Luoghi Santi, egli ricordava le tante chiese e cappelle che, distrutti dalle guerre, erano finiti chissà dove, sotto l'asfalto di nuove strade. «Il passato - ripeteva scuotendo la testa - è un tessuto di testimonianze. Se si riduce a pochi simboli, per quanto importanti, esso è irrimediabilmente perduto». Chissà chi, ora, sarà in grado di raccoglierne la pesantissima eredità. I funerali si svolgeranno mercoledì 29 ottobre alle 10.30, a Roma, presso la Basilica di Sant'Antonio. La salma sarà esposta per un omaggio il giorno prima, presso la delegazione di Terra Santa a Roma, in via Matteo Bogliardo 16. (elena percivaldi)

[exibart]

PUBBLICATO SU EXIBART:
http://www.exibart.com/notizia.asp?IDNotizia=25155&IDCategoria=204

Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/superperci/trackback.php?msg=5739932

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
 
Nessun Trackback
 
Commenti al Post:
Nessun Commento
 
 
 
 

IL MIO ULTIMO LIBRO

E' uscito il mio nuovo libro. Si tratta dell'edizione, con traduzione, testo latino a fronte, commento e ampia introduzione, della "Navigatio sancti Brendani", testo anonimo del X secolo composto con molta probabilità da un monaco irlandese e che narra la peripezie di san Brandano e dei suoi monaci alla ricerca della "Terra repromissionis sanctorum", la terra promessa dei santi.
Un classico assoluto della letteratura medievale. Prefazione di Franco Cardini.

Anonimo del X secolo
La Navigazione di san Brandano
A cura di Elena Percivaldi
Prefazione di Franco Cardini
Ed. Il Cerchio, Rimini
pp. 224, euro 18


PER GLI ALTRI LIBRI, SCORRI LA PAGINA E GUARDA LA COLONNA A DESTRA

 

NE PARLANO:

GR2 (RAI RADIO 2): INTERVISTA (9 gennaio 2008, ore 19.30) Dal minuto 20' 14''
http://www.radio.rai.it/radio2/gr2.cfm#

ASSOCIAZIONE CULTURALE ITALIA MEDIEVALE
http://medioevo.leonardo.it/blog/la_navigazione_di_san_brandano.html

IL SECOLO D'ITALIA 12 dicembre 2008 p. 8 - SEGNALAZIONE
http://www.alleanzanazionale.it/public/SecoloDItalia/2008/12-dicembre/081214.pdf

IL SECOLO D'ITALIA  01 gennaio 2009 p.8 - RECENSIONE
http://www.alleanzanazionale.it/public/SecoloDItalia/2009/01-gennaio/090110.pdf

ARIANNA EDITRICE
http://www.ariannaeditrice.it/articolo.php?id_articolo=23436

 LA STAMPA
http://www.lastampa.it/_web/CMSTP/tmplrubriche/giornalisti/grubrica.asp?ID_blog=248&ID_articolo=21&ID_sezione=&sezione

 GRUPPI ARCHEOLOGICI DEL VENETO, p. 12-13:
http://www.gruppiarcheologicidelveneto.it/VA129.pdf

IRLANDAONLINE:
http://www.irlandaonline.com/notizie/notizia.asp?ID=1231329012

 

 

Contatta l'autore

Nickname:
Se copi, violi le regole della Community Sesso:
Età:
Prov:
 

FACEBOOK

 
 

ON THE AIR

IL MIO INTERVENTO A RADIO RAI nella trasmissione NUDO E CRUDO, in onda su RADIO 1 a proposito di Halloween e dei Celti:

1 novembre, Europa tra sacro e profano

1 novembre, Europa tra sacro e profano. Ne hanno parlato al microfono di Giulia Fossà: Elena Percivaldi, giornalista e studiosa di storia antica e medievale; Flavio Zanonato, sindaco di Padova; Marino Niola, Professore di Antropologia Culturale all'Istituto Universitario Suor Orsola Benincasa di Napoli; Sonia Oranges, giornalista de 'Il Riformista'; Alberto Bobbio, capo della redazione romana di 'Famiglia Cristiana'; Ennio Remondino, corrispondente Rai in Turchia. La corrispondenza di Alessandro Feroldi sulle politiche dell'immigrazione a Pordenone.

ASCOLTA: http://www.radio.rai.it/radio1/nudoecrudo/view.cfm?Q_EV_ID=230636

 

Ultime visite al Blog

abzolutcrizigclaudio20171marinabavettaoriana47maurodellavecchiaXboniestempora_neatizi1957memole83dglchiaroby0elepercireconalexiar0orientestella
 

I MIEI LIBRI / 1

ELENA PERCIVALDI, "I Celti. Una civiltà europea", 2003, Giunti (Firenze), pagine 192, euro 16.50

ACQUISTALO CON IL 10% DI SCONTO:
http://www.giuntistore.it/index.php3?SCREEN=libro&SCHEDA=1&sid=w5BNJSuwLwowzuxLJX4wizNrpOYnniok&TIPOCM=55215R

TRADOTTO IN TEDESCO (ED. TOSA)


E IN SPAGNOLO (ED. SUSAETA)

 

I MIEI LIBRI / 2

ELENA PERCIVALDI, I Celti. Un popolo e una civiltà d'Europa, 2005, Giunti, pagine 190, euro 14.50

immagine

***

Elena Percivaldi, GLI OGAM. Antico Alfabeto dei Celti, Keltia Editrice, formato 150x230 -pagine 176, euro 15
brossura, con xx tavole fuori testo in b/n
ISBN 88-7392-019-5


Il libro è il PRIMO saggio COMPLETO in italiano sull'argomento.

L'alfabeto ogamico è un originalissimo modo di scrivere che fu inventato presumibilmente intorno al IV secolo d.C. Il nome "ogam" è stato collegato a quello di un personaggio chiamato Ogme o Ogmios: per i Celti il dio della sapienza. Nella tradizione irlandese del Lebor Gàbala (Libro delle invasioni), Ogma è un guerriero appartenente alle tribù della dea Danu (Tuatha Dé Danann). Un testo noto come Auraicept na n-éces (Il Manuale del Letterato), che contiene un trattato sull'alfabeto ogam, dice: "al tempo di Bres, figlio di Elatha e re d'Irlanda (...) Ogma, un uomo molto dotato per il linguaggio e la poesia, inventò l'Ogham.”

COMPRALO:
http://www.keltia.it/catalogo/albiziered/ogam.htm

 

TUTTI I LIBRI SU IBS

Tag

 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultimi commenti

 

MEMBERSHIPS

AICM - ASSOCIAZIONE ITALIANA CRITICI MUSICALI
http://www.criticimusicali.it/

AICA - INTERNATIONAL ASSOCIATION OF ART CRITICS
http://www.aica-int.org/

SOCIETA' STORICA LOMBARDA (fondata nel 1873)
http://www.societastoricalombarda.it/

I.I.C.E. - ISTITUTO ITALIANO PER LA CIVILTA' EGIZIA
http://www.archaeogate.org/iice/

SOCIETA' STORICA PER LA GUERRA BIANCA
http://www.guerrabianca.it/indexmap.asp

SOCIETA' FRIULANA DI ARCHEOLOGIA
http://www.archeofriuli.it/

AISSCA - Associazione italiana per lo studio dei santi, dei culti e dell'agiografia
http://www.flashinlabs.eu/aissca/index.php

 

IL LIBRO DEL GIORNO

Tibet. Land of exile
di Patricio Estay
Skira Editore
pp. 224, euro 39

Volti, cerimonie rituali, frammenti di vita in seno ai templi delineano attraverso la fotografia i segni del ritratto di un mondo in cui le difficoltà morali, il fervore spirituale e la profondità d’animo vanno di pari passo con la gentilezza, l’allegria e l’immensa generosità.  Le suggestive immagini in bianco e nero, fortemente spirituali, della prima parte del volume si contrappongono alle intense fotografie a colori dedicate alla realtà di tutti i giorni (centri commerciali, prostitute) pubblicate nella seconda parte. Il libro è introdotto da un accorato messaggio di pace del Dalai Lama che pone l’accento sulla grande forza d’animo con cui il popolo tibetano affronta continuamente ardue prove nel tentativo di continuare a perpetuare l’affermazione delle proprie idee e della propria spiritualità.

 

UN MITO

 

DA GUARDARE

Excalibur
di John Boorman
(1980)

 

DA ASCOLTARE

 

Giuseppe Verdi
Messa da Requiem
  
 
Orchestra del Teatro alla Scala 
Victor De Sabata 
Elisabeth Schwarzkopf 
 Giuseppe Di Stefano 
 Cesare Siepi 
 Oralia Dominguez
Naxos

 

immagine