Creato da surfinia60 il 31/12/2005
Uno spazio mio dove ricevere pochi amici sinceri e chi passerà di qui.

Chr_cat

 

Ultimi commenti

Sì, è stato un malfunzionamento piuttosto lungo......
Inviato da: Mr.Loto
il 31/01/2023 alle 18:35
 
Ti insulto in privato
Inviato da: surfinia60
il 30/01/2023 alle 14:40
 
Eh sì è mancato veramente :) buongiorno e ben tornata
Inviato da: elyrav
il 30/01/2023 alle 07:57
 
Il tuo romanticismo è ... devastante :-D
Inviato da: surfinia60
il 29/01/2023 alle 20:16
 
Stendiamo un velo pietoso sul futuro, ovvero sul presente
Inviato da: jigendaisuke
il 29/01/2023 alle 20:10
 
 

cat3

 

2° blog

 

LA MIA SECONDA CASA

 

Discorario (da quanto sei qui)

Surfinia60

Min: :Sec
Gentilmente offerto da
Redazione_blog

 

 

 

« DistrazioniDicembre »

Essere diversi

Post n°1851 pubblicato il 30 Novembre 2022 da surfinia60

Osservo le vite degli altri.

Attraverso brandelli di conversazioni nei corridoi,

in palestra...

Qualcosa sui social, ma con scarso interesse.

Mi faccio un'idea.

E, inevitabilmente, faccio i confronti col mio vivere.

Tutti hanno figli, nipoti, fratelli o sorelle,

genitori anziani (qualcuno), vicini di casa,

amicizie di una vita e altro.

Poi guardo la mia, di vita.

Che posso dire, oltre che non ho niente di tutto ciò?

Avrei bisogno di una conversazione in cui l'altro ti ascolta.

Di solito, se apri bocca nella pausa caffè,
l'interlocutore di turno 
non ti fa finire la frase
ed entra subito a gamba tesa:

"Ah sì ma anch'io..." oppure..."Sai anche mio figlio/marito/cugina ecc...."

E alla fine ti ritrovi ad ascoltare cose di cui non ti frega una cippa,

e quello che sentivi il bisogno di dire rimane in gola

inascoltato, non capito, silenziato e sminuito.

Poi ci si chiede come mai si arriva a preferire il silenzio e la solitudine.

Ho paura che se voglio essere ascoltata e, possibilmente, non giudicata

dovrò trovare qualcuno pagato per farlo.

Come in certi film, dove il protagonista va con una prostituta

e le dice "Ti pago lo stesso, ma voglio solo parlare".

Squallido!


 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/surfinia09/trackback.php?msg=16489447

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
 
Nessun Trackback
 
Commenti al Post:
Noir72dgl
Noir72dgl il 30/11/22 alle 21:04 via WEB
In effetti sovente capita proprio questo. Inizi a parlare di te e finisci con l'ascoltare il tuo interlocutore. Il mio metodo per zittirlo a mia volta ? Umorismo, sagace, cattivo, nonsense.. praticamente spiazzo e mentre l'interlocutore ride io svicolo ! A quel punto non ho più nemmeno io voglia di aprirmi !
(Rispondi)
 
 
surfinia60
surfinia60 il 02/12/22 alle 15:10 via WEB
Sei bravo e pieno di humor. Io non sempre lo sono e a volte non ho voglia di impegnarmi
(Rispondi)
 
jigendaisuke
jigendaisuke il 30/11/22 alle 21:04 via WEB
Ma c'è qualcuno che vuole ascoltare davvero?
(Rispondi)
 
 
surfinia60
surfinia60 il 02/12/22 alle 15:10 via WEB
Basta pagare!
(Rispondi)
 
natodallatempesta0
natodallatempesta0 il 30/11/22 alle 23:03 via WEB
Il dialogo è sopravvalutato. Le più grandi sciagure sono frutto di dialoghi.
Le più grandi invenzioni di silenziose concentrazioni.
(Rispondi)
 
 
surfinia60
surfinia60 il 02/12/22 alle 15:12 via WEB
Mi riferivo al mio piccolo. Non ho mai avuto l'ardire di sfornare perle universali e non credo che una chiacchierata davanti a un caffè sia foriera di sciagure.
(Rispondi)
 
 
 
natodallatempesta0
natodallatempesta0 il 08/12/22 alle 11:38 via WEB
Sì! Sbaglio a volte e generalizzo (né ho parlato giusto, giusto, poco fa). Un errore ahimè forse frutto della distanza che la timidezza costringe a dare. Ma hai ragione nel piccolo non si è forieri di sciagure (?!? non grandi). Ma per esser un poco, solo, poco elevati. L'infinitamente grande è uguale all'infinitamente piccolo, in termine di leggi universali. Quindi nel piccolo, il discorso precedente, potrebbe aver senso e permettere di dare la giusta dimensione alla chiacchierata davanti al caffè e dare senso alle tue sensazioni.
(Rispondi)
 
elyrav
elyrav il 01/12/22 alle 08:06 via WEB
Eh sì anche io credo che se si vuole parlare si debba andare che so da uno psicologo o psichiatra. Almeno ti deve ascoltare per forza. Serena giornata :/
(Rispondi)
 
 
surfinia60
surfinia60 il 02/12/22 alle 15:12 via WEB
Triste ma vero!
(Rispondi)
 
 
 
elyrav
elyrav il 05/12/22 alle 08:19 via WEB
Mi adatterò anche se è veramente triste!!! Serena giornata
(Rispondi)
 
bionda66
bionda66 il 01/12/22 alle 22:55 via WEB
In questo mese, a me pesa molto, l'essere sola. Io ho la fortuna di avere una figlia ma ha la sua vita ed io sono sempre più marginale (giustamente). Riflettevo che sono diventata silenziosa, cosa che non mi apparteneva per nulla, ma ci si abitua a tutto ed eccomi qui sola a fantasticare di viaggi, di compagnie e di cose che vorrei fare ma che non potrò fare. Pensa, ho pure un "moroso" il che è tutto dire ;-)
(Rispondi)
 
 
surfinia60
surfinia60 il 02/12/22 alle 06:56 via WEB
Se è per questo anche io ho un compagno, ma le cose che sento il bisogno di dire non è il caso le dica a chi ha idee proprie su improbabili soluzioni. Ciao
(Rispondi)
 
je_est_un_autre
je_est_un_autre il 02/12/22 alle 08:27 via WEB
Le vite degli altri sembrano sempre più interessanti e piene della nostra, ma non sono affatto sicuro che lo siano. Resta vero che quella sensazione esiste.
(Rispondi)
 
 
surfinia60
surfinia60 il 02/12/22 alle 15:09 via WEB
Non tutte. Anche chi ha vicino parenti e familiari spesso è vittima dei relativi grattacapi. Però avere qualcuno vicino al momento del bisogno, ricambiando quando serve, non mi dispiacerebbe. A patto che non sia troppo chiacchierone/a :-)
(Rispondi)
 
monellaccio19
monellaccio19 il 02/12/22 alle 17:42 via WEB
Non sono un chiaroveggente, ma qualche sospetto, qualche indizio e alcuni dettagli li avevo colti. Comprendo la tua situazione ma come puoi ben capire, non è da perone educate ficcare il naso e andare oltre laddove entrino in gioco situazioni personalissime e intime. Hai ragione, questa società diventa sempre più asettica, non dialoga più, non si confronta più nessuno e solo i social, spesso in maniera scorretta, accennano a relazioni più intime e dirette. Va da sé che a talune persone non serve altro che un "paio d'occhi" da fissare intensamente e passare a un dialogo più serrato, più diretto e più scambievole. Misurarsi e relazionarsi è anche questo e la situazione più propensa e più utile, è la "ON LIVE". Bella serata mia cara.
(Rispondi)
 
 
surfinia60
surfinia60 il 03/12/22 alle 18:25 via WEB
Non so se ho ben capito la tua risposta. Ti posso dire che per me i social potrebbero anche scomparire, non aspiro a relazionarmi per il loro tramite. Se hai colto il mio 'parlare e farsi ascoltare anche pagando' ti dà la misura della mia necessità di avere un/una interlocutore/trice in carne ed ossa. Ma mi sa che chiedo la luna e non è economicamente alla mia portata. Buon we!
(Rispondi)
 
 
 
monellaccio19
monellaccio19 il 05/12/22 alle 19:47 via WEB
Ho capito benissimo e ho spiegato perché l'unica soluzione, è l'incontro reale e concreto "on live", con una persona realmente disponibile a relazionarsi. I social sono fuori discussione per quel che mi riguarda. Buona serata Paola.
(Rispondi)
 
ormalibera
ormalibera il 04/12/22 alle 07:58 via WEB
Amara verità di questo mondo, non ci sono più colloqui ma soliloqui. Difficile è ascoltare, se si ascolta davvero, ma anche difficile parlare con chi non è capace di ascoltare. Non arrendiamoci, non siamo sole, o soli. Siamo in pochi, questo sì. Ma non siamo soli. L'ho imparato con una vita intera. Un grande abbraccio Maria
(Rispondi)
 
 
surfinia60
surfinia60 il 10/12/22 alle 19:30 via WEB
Io ho imparato l'esatto opposto: siamo soli anche quando non sembra. Un saluto
(Rispondi)
 
chiedididario66
chiedididario66 il 04/12/22 alle 11:03 via WEB
Io vivo in solitudine. Meglio soli che in compagnia di empi. Viviamo in un mondo anti logica. Dove adesso la forbice si è allargata troppo. Chi è una persona seria, onesta e di animo buono, ci vive male. Gli viene calpestata la sua dignità. Alla fine meglio essere un eremita
(Rispondi)
 
 
surfinia60
surfinia60 il 10/12/22 alle 19:31 via WEB
Mi piacerebbe trasferirmi in un eremo in capo al mondo, ma ahimé devo lavorare per vivere.
(Rispondi)
 
cassetta2
cassetta2 il 05/12/22 alle 15:34 via WEB
L'essere interiore è pacificato dal tumulto quotidiano.
(Rispondi)
 
 
surfinia60
surfinia60 il 05/12/22 alle 19:22 via WEB
Non capisco
(Rispondi)
 
Paripueira
Paripueira il 06/12/22 alle 13:55 via WEB
Sei molto profonda, surfinia. E dici verità grandi. Ottimo luogo dove restare da oggi. Saluti!
(Rispondi)
 
 
surfinia60
surfinia60 il 10/12/22 alle 19:32 via WEB
Passa quando vuoi
(Rispondi)
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
Mr.Loto il 08/12/22 alle 18:26 via WEB
Oggi nessuno sa più ascoltare. Anche le persone che sembrano circondate da tanta gente, in fondo, avvertono questa situazione. È la conseguenza di una vita sempre di corsa e improntata all'ego. :-( Un caro saluto.
(Rispondi)
 
 
surfinia60
surfinia60 il 10/12/22 alle 19:33 via WEB
Le persone hanno bisogno di sfogarsi, ma dimenticano che magari chi hanno di fronte ha lo stesso bisogno. Il vero guaio è che la reciprocità è caduta nel dimenticatoio. Saluti a te
(Rispondi)
 
VIOLA_DIMARZO
VIOLA_DIMARZO il 08/12/22 alle 18:59 via WEB
Ho il tuo stesso "problema", nessuno mi ascolta ed è singolare questa maledizione dal momento che sono un'ottima "ascoltatrice". Da poco però. ho imparato a mettere i paletti, lascio parlare il necessario, poi con tutto il tatto di cui sono capace interrompo. E quando non mi riesce resto muta, annuendo di tanto in tanto. Funziona, ma il sistema è suscettibile di miglioramenti. Ad maiora.
(Rispondi)
 
VIOLA_DIMARZO
VIOLA_DIMARZO il 09/12/22 alle 07:21 via WEB
Semper.
(Rispondi)
 
 
surfinia60
surfinia60 il 10/12/22 alle 19:29 via WEB
In effetti lo faccio anch'io. Ascolto una parola qua e là, ma inevitabilmente il cervello si spegne, dopo un po'. Grazie del tuo doppio passaggio
(Rispondi)
 
maresogno67
maresogno67 il 10/12/22 alle 19:28 via WEB
la diversità è un mondo. Quello che senti dentro che subisci che vivi ami e odi. Poi c'è tutto il resto che gira intorno
(Rispondi)
 
 
surfinia60
surfinia60 il 10/12/22 alle 19:34 via WEB
La diversità dovrebbe essere u valore aggiunto, ma spesso viene sentita come un'arma di offesa.
(Rispondi)
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
Astrid il 11/12/22 alle 02:20 via WEB
A volte la difficoltà più grande non è nel non essere ascoltati ma nel non riuscire a parlare..io non posso credere che tu non abbia qualcuno con cui parlare che non sia nella pausa caffè, a meno che queste persone non siano parte integrante della tua vita da decenni e non abbia con loro un'intimita tale da poter sviscerare malesseri e problemi di vita.Sei una persona timida? ^_^si lo sei.Sappi che c'è un servizio gratuito o quasi di psicologi passati dal SSN .Per farti capire che non sto prendendoti in giro ,ti dico che io ne ho usufruito personalmente con grande beneficio
(Rispondi)
 
 
surfinia60
surfinia60 il 11/12/22 alle 08:23 via WEB
Premetto che non amo l’anonimato di chi commenta. Ti rispondo perché il tuo tono è educato. Non sono timida. Lo sono stata per molto tempo ma a 62 anni credo proprio di averla superata. Ti pare strano che non abbia persone con cui parlare? Farlo nella pausa caffè è solo un riempitivo di pochi minuti in una giornata di lavoro piena e stressante. Di sicuro non penso così di soddisfare il mio bisogno di dialogo. Sono una ‘di fuori’, nel senso che vivo qui da alcuni anni ma non sono nata qui. Perciò al netto di parenti e conoscenti dei tempi della scuola, che ovviamente non posso avere, sì! non ho nessuno, almeno degno di menzione. Nelle piccole comunità si tende a restare nel proprio guscio. Potrei dilungarmi ancora. L’argomento è caldo. Ma a che servirebbe? Potrei dirti anche perché non ricorro agli psicologi della asl, ma mi limito a ringraziarti per il tuo contributo.
(Rispondi)
 
roxgabriel
roxgabriel il 12/12/22 alle 17:42 via WEB
Ciao Surfinia60, bellissimo anche questo blog sono passato di qui.. Un saluto Gabry
(Rispondi)
 
 
surfinia60
surfinia60 il 13/12/22 alle 14:55 via WEB
Troppo gentile. Ciao
(Rispondi)
 
ormalibera
ormalibera il 14/12/22 alle 07:52 via WEB
Comprendo perfettamente ogni parola. Già sperimentato, e ancora mi succede. Ho imparato ad ascoltare, ma vero ascolto, e richiede molta fatica, energia in movimento. Ma trovare persone che ascoltino me non ne ho mai trovate. Fanno finta, qualche volta, se riesco a dire qualcosa senza essere interrotta. Mi sono arresa. Ho compensato il bisogno di parlare con lo scrivere. Perché abbiamo bisogno, non solo per gli altri ma per noi stessi, di esternare quel che ci sta dentro. Siamo pittori che devono dipingere per specchiarsi, per vedere chi sono, per interrogarsi. Un grande abbraccio
(Rispondi)
 
Signorina_Golightly
Signorina_Golightly il 14/01/23 alle 09:22 via WEB
Mi dispiace. Io non ho attorno molte persone, e spesso mi sento sola, però sapere che se un fine settimana sono triste posso andare a dormire dai miei, per quanto non siamo la famiglia del mulino bianco, mi aiuta, è vero. Sai, ogni tanto mi chiedo come farò quando loro non ci saranno più. Ma mi fa talmente inorridire che respingo il pensiero. Mi viene da dire di uscire il più possibile nella natura, perché la natura cura e con la sua presenza non ti fa sentire sola. Ma so che tu lo fai già:)
(Rispondi)
 
 
surfinia60
surfinia60 il 15/01/23 alle 12:27 via WEB
Avere la famiglia vicina fa la differenza. Ma ho un'età in cui è nell'ordine naturale non avere più i genitori. Tu sei giovane, almeno rispetto a me. Ti auguro di avere i tuoi cari vicini il più a lungo possibile. E magari di fartene degli altri :-)
(Rispondi)
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 
 

cat2

 

Archivio messaggi

 
 << Febbraio 2023 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28          
 
 

ppv

 

Robre

Robre. Nel mio cuore,
per sempre.

 

Piuma

Piuma. In my heart, forever

 

Cip