Creato da AVV_PORFIRIORUBIROSA il 29/04/2013

TOUJOURS PRET

Prix bon marché

 

 

Kafka e la bambola viaggiatrice

Post n°341 pubblicato il 23 Maggio 2022 da AVV_PORFIRIORUBIROSA

A 40 anni Franz Kafka, che non si è mai sposato e non aveva figli, passeggiava per il parco di Berlino quando incontrò una bambina che piangeva perché aveva perso la sua bambola preferita. La bambina e Kafka cercarono la bambola senza successo. Kafka le propose di incontrarsi di nuovo lì il giorno dopo, per tornare a cercarla insieme.
Il giorno seguente, non avendo ancora trovato la bambola, Kafka consegnò alla bambina una lettera "scritta" dalla bambola che diceva: "per favore, non piangere. Ho fatto un viaggio per vedere il mondo. Ti scriverò delle mie avventure."
Così iniziò una storia che proseguì fino alla fine della vita di Kafka. Durante i loro incontri, Kafka leggeva le lettere della bambola accuratamente scritte con avventure e conversazioni che la bambina trovava adorabili.
Alla fine Kafka le riportò la bambola (ne comprò una) che era tornata a Berlino.
“Non assomiglia affatto alla mia bambola", disse la bambina. Kafka le consegnò allora un'altra lettera in cui la bambola scriveva: "i miei viaggi mi hanno cambiato”. La bambina abbracciò la nuova bambola e la portò a casa tutta felice.
L’anno seguente Kafka morì.
Molti anni dopo la bambina, oramai adulta, trovò un messaggio dentro la bambola. Nella breve lettera firmata da Kafka c‘era scritto: "tutto ciò che ami probabilmente andrà perduto, ma alla fine l'amore tornerà in un altro modo."

("Kafka e la bambola viaggiatrice”, di Jordi Sierra I Fabra)

 
 
 

Palle, palline, pallette !

Post n°340 pubblicato il 22 Maggio 2022 da AVV_PORFIRIORUBIROSA

Nelle scimmie, il rapporto tra il peso dei testicoli e il peso corporeo del maschio è direttamente proporzionale alla frequenza di "accoppiamenti-extra-coppia" della femmina.
Per dirla tutta: i maschi di scimpanzé hanno le palle molto grosse perché le femmine di scimpanzé sono molto zoccole. Non appena una femmina va in calore, comincia a trasmettere segnali che nessun umano beneducato giudicherebbe decorosi. Infiamma il proprio deretano, inebria l'intera tribù del proprio aroma, e cerca di accoppiarsi con tutti i maschi che le capitano a tiro. Le femmine di scimpanzé discriminano, ma non tanto se confrontate alle femmine umane. Tra breve scopriremo perché le scimpanzé violino così apertamente l'ideale di femmina ritrosa.
Un paradiso per i maschi, penserete voi. Vi sbagliate. Tutti i maschi di scimpanzé sono cornuti. I maschi alfa vivono in uno stato di perenne agitazione, corrono in giro come matti per cercare di impedire gli accoppiamenti segreti tra le femmine e i maschi subalterni, ma l'istinto delle femmine in favore della varietà sessuale riesce sempre a farla in barba ai maschi, approfittando dei momenti in cui questi sono impegnati a rissare tra loro. Gli alfa riescono al massimo a controllare un paio di queste ninfomani alla volta, quelle cioè che si buttano addosso al primo pene che vedono non appena il maschio alfa volta le spalle. La strategia dei maschi può solo massimizzare la percentuale di accoppiamenti, mai contare sulla fedeltà. Quando una femmina in calore sventola il didietro sotto il naso di un maschio, là dentro possono già albergare un gran numero di spermatozoi di maschi diversi.
Nel caso degli scimpanzé, solo una parte della competizione sessuale avviene tra gli animali: il clou della battaglia infuria tra spermatozoi. Spesso è una guerra di attrito. Più alto è il conteggio di spermatozoi, maggiori diventano le probabilità di riprodursi.
Credetemi: gli scimpanzé hanno davvero le palle.
Joe Quirk

 
 
 

Il concetto dei negozi.

Post n°339 pubblicato il 21 Maggio 2022 da AVV_PORFIRIORUBIROSA

Non esiste prigione peggiore di un pensiero fisso che non va via.

Marisina Vescio

 
 
 

Il negozio dei concetti.

Post n°338 pubblicato il 19 Maggio 2022 da AVV_PORFIRIORUBIROSA

Invecchiando ho scoperto una cosa.
Non ti devi spiegare se non ne hai voglia.
Julian Barnes

 
 
 

Resurrezione

Post n°337 pubblicato il 18 Maggio 2022 da AVV_PORFIRIORUBIROSA

Ogni uomo, per agire, ha bisogno di credere importante e buona la propria attività. E per questo, qualunque sia la sua condizione, egli non mancherà di crearsi una visione della vita umana in genere, alla luce della quale la sua attività possa apparirgli importante e buona. Di solito si pensa che il ladro, l'assassino, la spia, la prostituta, riconoscendo cattiva la propria professione, debbano vergognarsene. Invece accade esattamente il contrario. Gli uomini che il destino e i loro peccati o errori hanno posto in una determinata condizione, per quanto sbagliata sia, si creano una visione della vita in genere alla luce della quale questa condizione possa apparir loro buona e rispettabile. Per sostenere poi tale visione gli uomini si appoggiano istintivamente a una cerchia di persone in cui venga riconosciuto il concetto che si sono creati della vita e del loro posto in essa. La cosa ci sorprende quando i ladri si vantano della loro destrezza, le prostitute della loro depravazione, gli assassini della loro crudeltà. Ma ci sorprende solo perché la cerchia, l'ambiente di queste persone è circoscritto, e soprattutto perché noi ne siamo al di fuori. Ma non capita forse lo stesso fenomeno fra i ricchi che si vantano delle loro ricchezze, cioè di ladrocinio, fra i capi militari che si vantano delle loro vittorie, cioè di omicidio, fra i sovrani che si vantano della loro potenza, cioè di sopraffazione? Noi non vediamo in queste persone un concetto distorto della vita, del bene o del male, volto a giustificare la loro condizione, solo perché la cerchia di persone con tali concetti distorti è più vasta, e noi stessi vi apparteniamo.


Lev Nikolajevič Tolstoj

 
 
 

ATTENZIONE RAGAZZI !!!

Post n°336 pubblicato il 10 Maggio 2022 da AVV_PORFIRIORUBIROSA

Ci tengo ad informarvi circa una truffa, magari conoscendone il meccanismo riuscirete ad evitarla.
La settimana scorsa sono andato a fare la spesa alla COOP.
Terminati gli acquisti, quando sono andato al parcheggio per caricare la spesa nell’auto, sono stato avvicinato da 2 ragazze molto belle e appariscenti (probabilmente russe o dell’est) vestite succintamente, in minigonna e top molto scollato.
Una bionda ed una mora, veramente molto carine e provocanti. Le due truffatrici si avvicinano offrendo di lavare il parabrezza dell’auto e ovviamente lo fanno in modo sensuale e provocante, poggiando i seni sul vetro e cose simili.
Quando offrite loro una mancia rifiutano e chiedono invece, il favore essere accompagnate in un altro centro commerciale. Se accettate si siedono dietro e mentre guidate iniziano a giocare tra loro toccandosi e baciandosi dappertutto.
Questo ovviamente vi distrae dalla guida. All’improvviso la mora passa sul sedile del passeggero ed inizia a toccarvi. Se non la respingete inizia a farvi un ponch. Poiché è impossibile guidare in tale situazione, vi fermate in un posto un po’ appartato… A quel punto, sempre la mora vi sale sopra e, prendendo l’iniziativa, vi coinvolge in un rapporto sessuale.
Approfittando della vostra distrazione la bionda scende dalla macchina, apre il portabagagli, vi ruba tutta la spesa e scappa. Sono molto brave e pericolose.
Io stesso sono caduto in trappola.
Lunedì mattina m’hanno rubato una cassetta di Ferrarelle, lunedì sera un litro d’olio d’oliva.
Martedì un pacco di biscotti.
Mercoledì uno spazzolino da denti.
Giovedì mattina sei uova e la sera un pacchetto di fazzolettini di carta.
Venerdì all’ora di pranzo una scatoletta di tonno e nel pomeriggio un ovetto Kinder.
Sabato in tarda mattinata un pettine, dopo pranzo un tubetto di maionese e la sera una scatoletta di Ciappi.
Suggerisco molta cautela!!!
Ora scusate ma devo andare a fare la spesa che mi è finito il sale grosso …

 
 
 

Aha!

Post n°335 pubblicato il 06 Maggio 2022 da AVV_PORFIRIORUBIROSA

Peggio delle invidiose ci sono quelle convinte di essere invidiate !!!

 
 
 

La guerra di Putin spiegata con la psicoanalisi.

Post n°334 pubblicato il 26 Aprile 2022 da AVV_PORFIRIORUBIROSA

Ogni dittatore osserva la Storia dall'alto; anche lo scenario efferato della guerra viene sempre percepito a distanza. I puntini anonimi che segnalano la morte di bambini e di civili inermi, come quelli dei combattenti, appaiono ai suoi occhi solo come elementi secondari del quadro. Talvolta un chiaro disturbo alla propria immagine. Allora la macchina della propaganda si mobilita per oscurare la verità. Lo sguardo di ogni dittatore trapassa le vite umane come se queste non contassero niente. Il culto della personalità non è infatti mai laterale alle dittature, ma rivela la loro essenza più propria.
Ogni dittatore è prigioniero dello specchio: la sola immagine che conta è la propria. La potenza militare o quella economica prolungano questa raffigurazione onnipotente di sé. Il dubbio, l'incertezza, la critica non appartengono al lessico del dittatore. L'autocrazia della propria enunciazione esige che la sua parola sia sempre nel giusto. Di qui l'intolleranza estrema verso la dimensione plurale e necessariamente democratica della parola. Per questo quando il dittatore si rivolge ai suoi collaboratori non lo fa mai per imbastire un dialogo, ma solo per imporre il suo punto di vista. La sua parola non instaura una dialettica, ma un comando.
La distruzione sistematica del dissenso riflette questa logica: il dittatore non intende rappresentare la Legge perché è la Legge. È il carattere profondamente religioso di ogni regime totalitario. È ciò che anima il consenso popolare verso le dittature. La divinizzazione del leader offre, infatti, al suo popolo una protezione e una identità inscalfibili. Per questa ragione la democrazia viene giudicata come un sistema politico corrotto nelle sue fondamenta perché consegna il popolo allo scempio di un indebolimento, dalle conseguenze sempre incerte e minacciose, della Verità.
La democrazia che si istituisce strutturalmente sul principio della instabilità - permutazione, pluralismo, negoziazione, articolazione istituzionale - è, agli occhi del dittatore, l'incarnazione di una malattia mortale. La sua corruzione è il cancro dal quale il proprio regime deve immunizzarsi. Nel caso di Putin questa immunizzazione, non a caso, trova uno dei suoi alleati più potenti nel potere religioso della Chiesa ortodossa di Mosca.
Il rifiuto della democrazia coincide così con il rifiuto della degenerazione morale che l'Occidente inevitabilmente comporta. Per questa ragione la spinta alla conservazione definisce ogni dittatura in quanto tale. Ma la conservazione è innanzitutto conservazione del proprio potere. La sola cosa che conta è il compimento della missione alla quale ogni dittatore si sente votato dalla Storia. Nel caso specifico di Putin l'affermazione della Russia come potenza imperiale.
Questa Idea sovrasta ogni altra realtà, compresa, ovviamente, quella dell'atrocità della guerra. La sua fantasia di celebrare l'anniversario del 9 maggio nella città martire di Mariupol rivela in pieno la mitologia personale di ogni dittatore. La città rasa al suolo verrà abilmente occultata dagli sceneggiatori del regime o sarà sbandierata propagandisticamente come esempio della violenza terrorista nazista del battaglione Azov finalmente neutralizzata dalle truppe di liberazione russe? La guerra di ogni dittatore deve essere concepita dal suo popolo come una guerra giusta. E la vittoria deve essere offerta al popolo come vittoria della Verità sulla menzogna. Mentre infatti nei sistemi democratici la Verità dà luogo a infinite dispute interpretative, nei regimi dittatoriali la Verità è sempre e solo Una: quella imposta dalla propaganda del regime.
Questa versione univoca della Verità è la metafisica implicita che accompagna ogni dittatura. Essa trae la sua forza da una vocazione profondamente paranoica: il sentimento di accerchiamento e di minaccia incombente sulla propria vita e sul proprio sistema di potere è prerogativa di ogni dittatore.
La necessità di preservare la propria potenza comporta la spinta a leggere il pericolo di essere detronizzato ovunque. Essere regista e primo attore nello stesso tempo implica che nella schiera delle comparse, come in quella dei molteplici nemici, possa sempre celarsi un traditore pronto a volere la morte del suo padrone.
Per questa ragione la sua violenza tende ad assumere le forme ideologiche di un atteggiamento difensivo. Il verme della democrazia, se non viene stanato in tempo, può infatti generare l'imputridimento del sistema. Quello che più di ogni altra cosa il dittatore teme è che il sequestro della parola e della Verità possano avere un termine.
Massimo Recalcati
La Repubblica 

 
 
 

Così parlo Bellavista

Post n°333 pubblicato il 18 Aprile 2022 da AVV_PORFIRIORUBIROSA


La maggior parte degli uomini, a seconda dell’età, sopporta la propria esistenza, o indugiando nei ricordi del passato, o aggrappandosi al futuro. Pochi esseri superiori riescono a vivere immergendosi nel presente. La lunghezza effettiva della vita è data dal numero di giorni diversi che un individuo riesce a vivere.
Quelli uguali non contano.

 
 
 

L'amore è un software gratuito ...

Post n°332 pubblicato il 14 Aprile 2022 da AVV_PORFIRIORUBIROSA

Assistenza tecnica: - "Salve, come posso aiutarla?"
Cliente: - "Ho pensato di installare di nuovo l’Amore. Mi può aiutare?"
- “Certamente. Se è pronto, possiamo farlo adesso."
- “Penso di si. Da che cosa inizio?"
- “Prima di tutto, apra il “Cuore”. Lo sa dove ce l’ha, il Cuore?
- “Si, ma posso installare l’Amore se lì ho anche altri programmi?
- “Quali programmi ha attivi?"
- “Eh, ho “I vecchi rancori”. “La bassa autostima”. “La delusione e la frustrazione”
- “I vecchi rancori" non sono un problema, l’Amore li sposterà gradualmente dalla memoria ma conserverà come i file temporanei. Lo stesso dicasi della “Bassa autostima”. Ma lei deve cancellare “La delusione e la frustrazione”, perché ostacolano installazione del programma."
- "Ma non so come cancellarli."
- "Allora, vada al menu Start e provi a cliccare il “Perdono”. Clicchi finché non si cancelleranno “La delusione e la frustrazione."
- "Oh, ok! Ci sono. E’ iniziato, da solo, il download dell’Amore. E’ normale?"
- "Si, ma è un programma di base, l’upgrade finale aggiunge “Altri Cuori”.
- "Mi scrive “Errore. Il programma non funziona con i componenti interni.” Che significa?”
- “Significa che l’Amore già funziona con i componenti interni ma non è ancora nel suo Cuore. Per farlo, deve iniziare ad amare se stesso."
- “Che devo fare?”
- “Clicchi su “Auto accettazione” e poi carichi i file “Auto perdono” ed “Essere consapevoli dei propri pregi e difetti”.
- “Fatto”.
- “Ora copi tutto nel “mio cuore” e il sistema provvede. Però deve cancellare a mano, da tutti i menu, “L’autocritica verbosa”, e svuotare il Cestino. Non carichi mai più “L’autocritica verbosa."
- “Ci sono! Il “Mio Cuore si sta riempiendo di nuovi file. Vedo il “Sorriso”, “L’equilibrio dell’anima”. Succede sempre così?"
- “Non sempre, a volte serve più tempo. Un dettaglio solo: “L’amore” è un software gratuito. Ma per farlo funzionare deve regalarlo agli altri e loro vi regaleranno le loro versioni.


Nikolay Bulgakov

 
 
 

Eravamo in ventisette.

Post n°331 pubblicato il 09 Aprile 2022 da AVV_PORFIRIORUBIROSA

Mancano sempre le parole per spiegare le intenzioni. 
Come quando in prima elementare la maestra disse: «Disegnate una bella casetta, la casetta dei vostri sogni». 
Eravamo in ventisette. 
Io pensai: «Povera maestra, alla fine avrà ventisette casette. Dai, le faccio un gattino». 
Quando consegnai il foglio, la maestra mi guardò attonita: «Ma... ma... tu capisci quando parlo?» Non seppi spiegarle che era un dono: scelsi di sembrare deficiente. 
La mia intenzione non mi faceva tremare il cuore, solo avevo vergogna per le parole che non uscivano e vergogna per lei, che non aveva altri occhi che quelli dietro gli occhiali, che vedono soltanto i risultati.

Chandra Livia Candiani

 
 
 

Si

Post n°330 pubblicato il 07 Aprile 2022 da AVV_PORFIRIORUBIROSA

Sii fedele a te stessa, prima che agli altri.
Falle, le cose che desideri.
Razionalizza le tue paure,
non corri poi in fondo questi grossi rischi.
Liberati del giudizio altrui,
è il principale ostacolo al tuo risplendere.
Nessuno è perfetto: siamo esseri umani,
e siamo belli per questo.
Piaci a te stessa: non devi essere "brava",
devi essere vera.
Perché ogni giorno volge alla fine,
e al calar della luce sarai sola,
spettatrice e giudice delle tue scelte.
È la tua vita, falla come tu desideri.
Oscar Travino

 
 
 

31032022

Post n°329 pubblicato il 31 Marzo 2022 da AVV_PORFIRIORUBIROSA

Dev'essere una specie di hobby: collezionare illusioni di cui non essere all'altezza.

Alessandro Baricco.

 
 
 

Il decalogo di MacArthur

Post n°328 pubblicato il 26 Marzo 2022 da AVV_PORFIRIORUBIROSA

* La giovinezza non è un periodo della vita, è un atteggiamento della mente, un effetto della volontà, una vittoria del coraggio sulla codardia, dello spirito avventuroso sull'indolenza.

* Non si divenra vecchi solo per aver vissuto un certo numero di anni, ma per aver disertato gli ideali.

* Gli anni inaridiscono la pelle, ma la rinuncia agli ideali inaridisce l'anima.

* I timori, i dubbi, il rancore e lo sconforto sono i nemici che lentamente ci piegano e ci riducono in polvere prima della morte.

* Giovane è chi si stupisce e si meraviglia, chi si domanda: "E poi?". Giovane è chi partecipa con allegria al gioco della vita. Le sfide lo stimolano, le sconfitte lo temprano, le vittorie lo migliorano.

* Sei tanto giovane quanto hai fede, tanto vecchio quanto dubiti, tanto giovane quanto hai fiducia in te stesso, tanto vecchio quanto non ce l'hai e vivi senza gioia.

* Sarai giovane fino a quando continuerai a essere veramente generoso e sarai entusiasta di donare agli altri le tue cose, i tuoi pensieri e le tue parole.

* La tua giovinezza durerà fino a quando dureranno la tua gratitudine nel ricevere, la consapevolezza di dover dare ancora e il desiderio di dare di più.

* Rimarrai giovane finché sarai sensibile alla bellezza, alla bontà, alla grandezza e saprai cogliere i messaggi della natura, dell'uomo e di Dio.

* Se un giorno, a qualsiasi età, il tuo cuore sarà logorato dal pessimismo, torturato dall'egoismo, roso dal rancore ... che Dio abbia pietà della tua anima di vecchio!  

 
 
 

Altro che Digiland ...

Post n°327 pubblicato il 24 Marzo 2022 da AVV_PORFIRIORUBIROSA

Un uomo lo si conosce dal catalogo dei suoi libri.

Jules Gabriel Janin

 


 
 
 

Morali ...

Post n°326 pubblicato il 24 Marzo 2022 da AVV_PORFIRIORUBIROSA

Prima di fare l'amore uno aiuta l'altro a spogliarsi.
Curiosamente, finito di far l'amore ognuno si veste da solo ...

Ovvero ... nella vita nessuno ti aiuta una volta che ti ha fottuto !!!

 
 
 

Eresie ...

Post n°325 pubblicato il 23 Marzo 2022 da AVV_PORFIRIORUBIROSA

Vorrei fare con te quello che la primavera fa con i ciliegi.

Pablo Neruda

 
 
 

Libro Rosso

Post n°324 pubblicato il 16 Marzo 2022 da AVV_PORFIRIORUBIROSA

Sai tu quanta Femminilità manchi all’Uomo per essere completo ? E sai quanta Mascolinità manchi alla Donna perché sia completa ? Voi cercate il femminile nella Donna e il maschile nell’Uomo. E così esistono sempre e soltanto Uomini e Donne. Ma dove stanno gli Esseri Umani ? Tu, Uomo, non cercare il Femminile nella Donna, ma cercalo e riconoscilo in Te, poiché tu lo possiedi sin dal principio.

Carl Gustav Jung

 
 
 

Poeti del Trullo

Post n°323 pubblicato il 15 Marzo 2022 da AVV_PORFIRIORUBIROSA

Circondati di sognatori, di ostinati appassionati, di contagiosi viaggiatori, di amanti, poeti, esploratori. Circondati di lavoratori, di sani portatori di follie, di inguaribili curiosi, di poesie, di lunatici seguaci di eresie. Circondati di incoscienti, di menti coraggiose e combattenti, di chi soffierà amore ai quattro venti, di chi potrà capire e immaginare quel che senti.

Inumi Laconico.

 
 
 

6 Marzo 2022

Post n°322 pubblicato il 06 Marzo 2022 da AVV_PORFIRIORUBIROSA

Venite signori della guerra
voi che costruite i cannoni
voi che costruite gli aeroplani di morte
voi che costruite le bombe
voi che vi nascondete dietro muri
voi che vi nascondete dietro scrivanie
voglio solo che sappiate
che posso vedere attraverso le vostre maschere.
Voi che non avete mai fatto altro
che costruire per distruggere
giocate con il mio mondo
come fosse il vostro giocattolo
mettete un fucile nella mia mano
e vi nascondete dal mio sguardo
e vi voltate e scappate lontano
quando volano i proiettili.
Come Giuda dell'antichità
voi mentite e ingannate
Volete farmi credere che
una guerra mondiale può essere vinta
Ma io vedo attraverso i vostri occhi
e vedo attraverso il vostro cervello
così come vedo attraverso l'acqua
che scorre nella mia fogna.
Voi armate i grilletti
perchè altri sparino
poi vi sedete a guardare
il conto dei morti farsi più alto
Vi nascondete nei vostri palazzi
mentre il sangue di giovani
fluisce fuori dai loro corpi
ed è sepolto nel fango.
Voi avete sparso la paura peggiore
che si possa avere
la paura di mettere figli
al mondo
Per minacciare il mio bambino
non nato e senza nome
non valete il sangue
che scorre nelle vostre vene.
Cosa ne so io
per parlare quando non è il mio turno?
Potreste dire che sono giovane
potreste dire che non sono istruito
ma c'è una cosa che so
sebbene sia più giovane di voi:
nemmeno Gesù perdonerebbe mai
quello che fate.
Lasciate che vi faccia una domanda
il vostro denaro è così potente
che pensate potrà
comprarvi il perdono?
Io penso che scoprirete
quando la Morte chiederà il suo pedaggio
che tutto il denaro che avete fatto
non riscatterà la vostra anima.
Bob Dylan

 
 
 
Successivi »
 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Maggio 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

FACEBOOK

 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

AVV_PORFIRIORUBIROSAEstelle_kAltheaDiMareMilleGaranziePerTemisteropaganopoljekILARY.85nodopurpureogiulianomeacciliber1717rosy872poeta.sorrentinoDoNnA.Ssilvano.minoli
 

ULTIMI COMMENTI

La saggezza arriva con gli inverni. - Oscar Wilde
Inviato da: AVV_PORFIRIORUBIROSA
il 20/05/2022 alle 11:11
 
Esattamente...:)
Inviato da: Estelle_k
il 20/05/2022 alle 01:58
 
Perfect..:)
Inviato da: Estelle_k
il 20/05/2022 alle 01:56
 
Gli uomini che il destino e i loro peccati o errori hanno...
Inviato da: AVV_PORFIRIORUBIROSA
il 19/05/2022 alle 22:06
 
Spetta che lo aggiungo anche qui, fosse mai che non...
Inviato da: Estelle_k
il 19/05/2022 alle 18:40
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo i membri di questo Blog possono pubblicare messaggi e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom