Creato da faria_ge il 22/03/2008
parliamo dei miei e di altri libri
 

prova a ingrandire al massimo l'immagine con il tuo browser, vedrai che i particolari minuscoli sono altrettanto belli della figura d'insieme

 

FACEBOOK

 
 

BRANO LETTO DA NOEMI DURANTE SPEED READ 29.2.08

Dalla prima storia:

I TRE CORVI, OVVERO LE AVVENTURE DI FRECCIA

C’era una volta, tanto tempo fa, una bambina di nome Freccia. Non vi pare che fosse un nome un po’ troppo marziale, per una bambina? Eppure, pochi giorni prima che nascesse, suo padre aveva abbattuto, con una sola freccia, in una radura del bosco, un cervo tutto bianco dalle corna d’argento. Sopraffatto dallo stupore, l’uomo si era avvicinato alla preda prodigiosa. Rimirandola, si dispiacque per aver ucciso un animale così bello e raro, anzi certamente unico. Proprio in quel mentre, tre corvi solcarono il cielo sulla radura ed il loro gracchiare riempì la valle, rimbalzando più volte sulla costa dei monti. Dicevo che l’uomo era pentito della sua caccia, ma ormai il cervo dallo splendido manto candido giaceva esanime, con una piccola chiazza rossa appena dietro la spalla........
..............................Due giorni dopo, il pastore stava conducendo le sue pecore e le sue mucche al pascolo, quando, ai piedi di un’enorme quercia, scorse tre figure intabarrate di nero, con tre cappellacci ancora più neri e dalle smisurate falde; stavano in crocchio intorno al fuoco. Passò abbastanza vicino da udire quel che le tre vecchie masche si dicevano.
La prima: "Ecco che viene quello che ha dato la prima spinta alla ruota del fato, senza nemmeno accorgersene";
La seconda: "E’ proprio lui, quello stolto; lo si riconosce anche soltanto dall’espressione sciocca del volto";
La terza: "Allocchi, pasticcioni ignari. Ecco ciò che sono gli uomini. Sempre ebbri delle loro emozioni. Ogni qualvolta agiscono, fanno traballare le fondamenta stesse dell’Equilibrio. Eppure è necessario che il Destino si compia attraverso loro".............
..................Sappi comunque che tua moglie ti partorirà a giorni una bella bambina. Il suo destino sarà grande al di là di ogni vostra possibilità d’immaginazione. Per questo è opportuno che una di noi tre venga a vegliare sulla piccola e a provvedere alla sua educazione".

 

Area personale

 

Tag

 

Archivio messaggi

 
 << Ottobre 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31  
 
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 

copertina tre corvi

 

ALTRO BRANO LETTO ALLO SPEED READ 29.2.08

Dalla seconda storia:

IL PALAZZO SULLA MONTAGNA

Cammina, cammina, giunsero dove gli alberi si diradavano per lasciar posto ai pascoli. Là era tutto verde, ma disseminato di affioramenti rocciosi di pietra chiara. Proseguirono così all’aperto. Ad un certo punto il principe, che aveva la vista più acuta di tutti, vide una grande roccia che si muoveva. Si arrestò sorpreso, pensando che il gran camminare gli avesse procurato una vertigine. Anche gli altri due ristettero, perché il ragazzo gli aveva fatto segno. Ma la roccia continuò imperterrita, quasi a scherno, a muoversi come se fosse percorsa da un’onda. Poi si rigirò su se stessa, si rizzò ed era un gran gigante che torreggiava sui tre viandanti.

Come si avvide di quelle tre formiche, il mostro allungò le mani per acchiapparle, forse con l’intento di divorarle visto che s’era appena svegliato e doveva far colazione. Ma Kuciàr era così forte che acchiappò lui l’essere per il bavero e lo sbatté a terra, tanto che tutto il monte ne tremò. Il principe non perse tempo: gli saltò a cavalcioni sulla gola e lo afferrò con entrambe le mani per strozzarlo. Con un filo di voce il gigante implorò pietà e giurò che avrebbe servito Kuciàr per sempre fedelmente, se gli avesse fatto grazia della vita. Il giovane accondiscese e disse al suo nuovo domestico: "mettici tutti e tre nelle tasche della giacca, poi, tu che hai le gambe tanto lunghe, portaci in vetta alla montagna".

In sette passi il gigante poté depositare i tre proprio là, sulla cima. Ma lì era tutto coperto di nevi perenni e faceva un gran freddo.

E, tra tutta quella neve, sorgeva un palazzo di pietra.

 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultime visite al Blog

cri253marco.leccesemprenerazzurranavamichelafaria_gemascherina_sDaria_agiulianabrambillaPapaveriSparsienjoy_83gatto_impazzitogigia.68briccone2005tanksgodisfridaypalindromiss
 

Ultimi commenti

RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

Qualcuno volò sul nido del cuculo di Ken Kesey

Post n°33 pubblicato il 25 Agosto 2008 da faria_ge

davvero un libro molto bello, che narra con ironia e tenerezza, prendendo a prestito gli internati di un manicomio a rappresentare l'umanità intera, del dovere di essere sè stessi e di impedire che chicchessia ci faccia credere di essere meno o qualche cosa di diverso da ciò che la dignità di ciascuno richiede di essere

narrato in modo coinvolgente, che trascina senza mai affaticare dalla prima all'ultima parola

un libro scritto negli anni '60, che a mio parere tutti dovrebbero almeno una volta leggere

 
 
 

non tutte le ciambelle.....

Post n°32 pubblicato il 25 Agosto 2008 da faria_ge

era scontato che, prima o poi, a qualcuno potesse non piacere il mio libro: per fortuna non tutti i gusti sono uguali

ovvio anche il fatto che non sono d'accordo sulle motivazioni addotte da chi non ha apprezzato "I tre corvi"

però è doveroso pubblicare anche le parole di chi avrebbe preferito non aver dedicato del tempo alle fiabe che ho scritto ed allora di seguito incollo il testo della recensione, magari un'altra volta cercherò di rispondere alle critiche una per una

titolo_richiesto: i tre corvi
autore: giovanni ernesto faria
Giudizio_generale: 6
Punti_di_forza: lo stile narrativo
Punti_negativi: i contenuti e la struttura delle fiabe che appartengono ad un'epoca passata
Trama: 6
Commento_trama: la trama regge ma è molto scontata proprio perchè segue lo schema preciso delle fiabe classiche
Sintassi: 10
Esempio_sintassi:
Personaggi: 8
Commento_personaggi:
S_L_A: Abbastanza pentito
Motivo_SLA: Mi aspettavo un libro per bambini e mi sono ritrovata a leggere un libro che i bambini non sono in grado di leggere e comprendere
Recensione: E' una raccolta di fiabe scritte in maniera impeccabile e accurata.
La struttura è quella classica: il protagonista buono, astuto e intelligente si ritrova a combattere contro il destino avverso e un antagonista cattivo, ma grazie alle sue doti fantastiche, riesce sempre a superare ogni difficoltà.
Il liguaggio è molto ricercato e vengono usati termini d'altri tempi che, a volte, rendono un po' pesante la lettura.
Il libro rispecchia pienamente la passione dello scrittore per le fiabe classiche, è quindi consigliato a chi coltiva lo stesso interesse.
Personalmente, pur apprezzando lo stile narrativo, ho trovato le fiabe un po' scontate, soprattutto nei finali e contenenti tematiche difficilmente spiegabili ai bambini, che poi sarebbero i veri destinatari del libro,(ad esempio,nella seconda fiaba IL PALAZZO SULLA MONTAGNA, i genitori allontanano la figlia perchè non le credono e la lasciano a vivere anni nella foresta, seza più curarsene).

 
 
 

un altro lettore che apprezza I tre corvi

Post n°31 pubblicato il 11 Agosto 2008 da faria_ge

Ho letto anch'io questo bellissimo libro. Ci ho messo quasi un anno per trovare il tempo di leggerlo e con l'estate è arrivato anche il suo turno. Un libro delicato e grazioso che mi ha fatto rivivere l'atmosfera dell'infanzia e in particolare delle fiabe di Andersen che adoravo per le belle descrizioni. Grazie mille per l'opportunità.

(commento di mickymicky del 3 agosto 2008 su bookcrossing-italy.com)

http://www.bookcrossing-italy.com/BCforum/viewtopic.php?t=20738&highlight

 
 
 

speed read a Milano: FINALMENTE SU YOUTUBE!!!

Post n°30 pubblicato il 26 Luglio 2008 da faria_ge

 
 
 

da domani saremo incinti, gestazione dalla durata indefinita

Post n°29 pubblicato il 30 Maggio 2008 da faria_ge

domani mattina io e mia moglie Daniela ci sveglieremo molto, molto presto e andremo a depositare in tribunale, a Firenze, la disponibilità all'adozione nazionale e internazionale

speriamo che i papiri ci siano tutti e che siano compilati bene, perché ci hanno detto che a Firenze sono molto severi in queste questioni (meno male, aggiungiamo noi)

ci diciamo in bocca al lupo da noi medesimi.......

 
 
 
Successivi »