Creato da triggianoeuropei il 24/04/2006
CITTADINANZA ATTIVA TRIGGIANO

Tag

 
 

VISITATORI ATTUALI

hit counters

 

Archivio messaggi

 
 << Settembre 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30        
 
 

Area personale

 

FACEBOOK

 
 

Ultime visite al Blog

car_pediemlinda_treteresadidonna59taglientefteresadicoratorocco.affatatoannarosaria7dgl0boatusmgcampanebellapresenzadaniela.tridenteball.repallinoenzo.guerinolucrezia1987maxim1970_m
 

Chi puņ scrivere sul blog

Solo i membri di questo Blog possono pubblicare messaggi e commenti.
I commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Statistiche

 

BlogItalia.it - La directory italiana dei blog

 

 

« PENSIERI.SONIA ALFANO, CANDIDATA ... »

NO ALLE ARANCIATE SENZA SUCCO D'ARANCIA.

Post n°621 pubblicato il 31 Marzo 2009 da triggianoeuropei
 

"Il ministro Zaia predica bene e razzola male: dice di voler valorizzare il 'made in Italy', che fa proprio della qualita' il suo fiore all'occhiello, ma nei fatti affossa il settore agrumicolo".

Così il senatore Nello Di Nardo, capogruppo dell'IdV in commissione Agricoltura di Palazzo Madama commenta la norma introdotta al Senato che, nel recepire la legge Comunitaria, prevede la possibilità di commercializzare bibite con colore e aroma d'arancia pur essendo prive del vero succo d'agrumi, il cui limite minimo oggi è al 12%.

"Siamo alla deriva dell'omologazione del gusto e delle produzioni per favorire qualche lobby. Vini senza uva, formaggi senza latte e ora aranciate senza arance. Abolire la percentuale minima di vero succo di arance, oltre che colpire pesantemente i produttori, significa anche arrecare notevoli danni nutrizionali e alla salute dei cittadini consumatori.

L'Italia dei Valori si batte da tempo per una legge sull'etichettatura estesa a tutti i prodotti alimentari con l'indicazione del luogo d'origine e provenienza delle materie prime. Non accetteremo mai - conclude Di Nardo - la legalizzazione di una frode alimentare.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog