Creato da amnesty208 il 10/03/2007
Viaggio nel Kurdistan turco, Newroz 2007

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Agosto 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 

Ultime visite al Blog

nino301150raffaelacevolitahajAuguste.Rodinmarta.kamfritz63morgius72mastreleestateestate2013sole_rosso1mi.piace.baciareantoanto58arianna.colaiacovolorenzo.tardellaeugenioimpedovo
 

Ultimi commenti

Chi può scrivere sul blog

Solo i membri di questo Blog possono pubblicare messaggi e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

I miei link preferiti

 

Zeinab, prigioniera politica kurda

Post n°209 pubblicato il 29 Novembre 2009 da gaibo

!Care Organizzazioni dei diritti umani,mi chiamo Zeinab Jalalian. Sono una donna kurda di 27 anni e sono prigioniera politica. Mi trovo in prigione in Iran.Il Supremo Tribunale iraniano ha confermato la mia condanna a morte.Attualmente sono malata a causa delle torture subite e non ho alcun legale che mi difenda. Voglio dirvi solo questo: il processo è durato solo pochi minuti. Il tribunale mi ha detto: "Sei una nemica di Dio. Devi essere impiccata al più presto." Questo è stato il mio processo.Ho chiesto al giudice di darmi il permesso di salutare mia madre e la mia famiglia.Prima di essere giustiziata, lui mi ha detto "Sta zitta" e mi ha rifiutato il permesso.26/11/2009.Zeinab Jalalian Translated by: Emanuela

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Turchia - Si aggrava la detenzione di Ocalan

Post n°208 pubblicato il 27 Novembre 2009 da gaibo

Mentre il governo turco si gioca la carta della fine dell'isolamento di Ocalan l'ufficio legale pubblica un comunicato in cui riporta la dichiarazione di Apo25 / 11 / 2009Nel corso del colloquio dello scorso 18 novembre 2009 sull’isola di Imrali, il nostro cliente ha rilasciato la seguente dichiarazione circa il suo trasferimento sulla nuova prigione costruita sull’isola: “Sono stato trasferito qui il 17 novembre. Questo posto è peggiore di quello di prima. Cercano di far passare questo cambiamento come un progresso anche se in realtà è un aggravamento dell’isolamento. La stanza attuale è di 6 metri quadrati, la metà della misura della cella precedente. Mi vogliono tenere ancora più rinchiuso, aggravare le mie condizioni di detenzione e portarmi alla resa. Già prima avevo problemi respiratori ma qui non posso proprio respirare. L’aria in questa cella sta creando molti più problemi al mio sistema respiratorio. La vecchia cella era ventilata. In questa la finestra è costantemente esposta al sole. Per respirare mi devo appoggiare alla finestra ma così sono costantemente esposto al sole. Se voglio respirare devo sopportare tutto ciò.Le finestre sono inclinate verso l’alto così che l’unica cosa che posso vedere è il cielo. La vecchia finestra era meglio sia per l’ariazione e sia perché almeno poteva vedere qualcosa fuori.Finora non ho avuto modo di incontrare i detenuti che sono stati trasferiti qui. I funzionari del carcere mi dicono che, come minimo, potrò vederli entro un mese.Vivere qua mi sta diventando fisicamente faticoso. L’isolamento e l’imprigionamento sono peggiori. Non so se riuscirò mai ad adeguarmi a questo. Non c’è alcun progresso soltanto ulteriori peggioramenti. Stanno propagandando il mio trasferimento come una iniziativa positiva ma la realtà è assai differente. Il loro unico scopo è quello di ridurre il peso della pressione dell’opinione pubblica esterna”.Asrin Law Office

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Turchia: cinque detenuti trasferiti nella prigione di Ocalan

Post n°207 pubblicato il 22 Novembre 2009 da gaibo

ANKARA - Cinque detenuti turchi sono stati trasferiti per ordine delleautorita' nella prigione dell'isola di Imrali, dove si trova in assolutoisolamento Abdullah Ocalan, leader degli indipendentisti curdi del Pkk. Secondoquanto riferito dall'agenzia stampa Dogan la decisione e' arrivata in seguitoalla richiesta del Consiglio d'Europa, che aveva espresso preoccupazione per lasalute mentale di Ocalan, arrestato nel 1999 e condannato all'ergastolo, inpeggioramento proprio a causa dell'isolamento. (RCD)

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Gravissima violazione del diritto di asilo: funzionari del governo turco entrano in un CARA di Roma

Post n°206 pubblicato il 22 Novembre 2009 da gaibo

Martedì 17 novembre alle 11 della mattina, accompagnatidal direttore del centro, capitano della Croce RossaItaliana, una decina di funzionari turchi provvisti divideocamere ha fatto ingresso nel centro di accoglienza perrichiedenti asilo (CARA) di Castelnuovo di Porto (Roma)intrattenendovisi per circa due ore e mezza, effettuandoriprese video e chiedendo tra l'altro informazioni ad alcunidei presenti in turco su persone indicate con nome ecognome. Al momento della “visita”, presentata comeun'iniziativa di collaborazione tra Italia e Turchia per lagestione dei centri di accoglienza ed autorizzata –supponiamo – dalla Prefettura, erano presenti tra glialtri anche una trentina di richiedenti asilo kurdiprovenienti dalla Turchia, sensibilmente sconvolti epreoccupati.Il grave episodio, riferito successivamente da alcuni ospitidel centro alle associazioni Medici contro la Tortura,Senzaconfine e Casa dei diritti sociali, dopo essere giàstato segnalato all'Alto Commissariato delle Nazioni Uniteper i Rifugiati e al Consiglio Italiano per i Rifugiati,sarà oggetto di un'interrogazione parlamentare e di unesposto alla Corte europea per i diritti umani.“Vigileremo affinché i richiedenti asilo non debbanopiù subire una tale tortura psicologica: è sconcertanteche dopo aver sofferto abusi e torture a causa dellapersecuzione dei propri Governi, i profughi – epotenzialmente anche i loro familiari in patria - venganoesposti ad un rischio concreto di ritorsione in un luogo chedovrebbe al contrario essere un porto sicuro” hannodichiarato i rappresentanti delle associazioni di tutela. ( Ass Senza Confine )

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

OCALAN NON E' PIU' IN ISOLAMENTO

Post n°205 pubblicato il 17 Novembre 2009 da gaibo

RICEVIAMO E INVIAMO IN RETE IMMEDIATAMENTE LA NOTIZIA CHE CI GIUNGE DALLEAGENZIE: OCALAN NON E' PIU' IN ISOLAMENTO. IL PRESIDENTE KURDO DOPO DIECI ANNIDI CARCERE NELL'ISOLA DI IMRALI PER LA PRIMA VOLTA E' IN COMPAGNIA DI ALTRIDETENUTI. QUESTO SEGNALE ENORME DI RIABILITAZIONE POLITICA DEL PRESIDENTEOCALAN E' SINTOMO DI UN CAMBIO DI ASPETTATTIVE DELLA MAGGIORANZA DEL POPOLOTURCO E KURDO INSIEME.ATTENDIAMO CON ANSIA DI CONOSCERE LE REALI CONDIZIONI DEL LEADER KUDO ECHIEDIAMO CHE QUANTO PRIMA VENGA INTERROTTA LA DETENZIONE IN CARCERE ED ILTRASFERIMENTO SULLA TERRAFERMA. CHIEDIAMO COSI' CHE FAMIGLIARI ED AVVOCATI EPARLAMENTARI KURDI POSSANO INCONTRARE PIU' VOLTE LA SETTIMANA IL PRESIDENTEOCALAN. ( ass AZAD)RIMANIAMO CONVINTI DELLA NECESSITA' ED URGENZA DELLA DEFINIZIONE DA PARTE DELPARLAMENTO TURCO DI UN PIANO UFFICIALE DEFINITIVO PER LA RISOLUZIONE DELLAQUESTIONE KURDA

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso