Creato da vaniapocket il 22/01/2006
pensieri quotidiani

Cerca in questo Blog

  Trova
 
Citazioni nei Blog Amici: 10
 

Ultime visite al Blog

topolinolaringoiatragianluigi57effeviola2ma.anche.no.ehigorino.rogivolonellanimaBreastStrokeio_uno_tra_tantiliberty670tracciadilupoarjentovyvorobyscattoTheAlchemist63chateaudnPrimosire
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

« MANIFESTOLA TORTA PERFETTA PER ENRI :-) »

LETTERA (molto breve) A UNA PROFESSORESSA ( i donmilanisti non me ne vogliano)

Post n°225 pubblicato il 08 Giugno 2011 da vaniapocket

cara la mia professoressa (lo so, è slang bresciano).

Io ti adoro. Adoro i tuoi libri, che spesso cito. Mi piace che tu, docente universitaria, riesca a comprendere così bene i problemi quotidiani delle docenti, mi fa sentire vicina a te. Mi piace come la tua filosofia sia così applicabile alla pratica quotidiana. Amo l'idea che mi insegni qualcosa sulla vita.
Però non puoi mettermi nelle stesse due pagine i seguenti vocaboli: FENOMENOLOGIA, ERMENEUTICA, EIDETICA, EPISTEMICA, ENATTIVA-MORFOLOGICA, ONTOLOGIA e naturalmente la famosa DATITA'.

Mi spiace, ma proprio non si può!!!

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/vania/trackback.php?msg=10296472

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
 
Nessun Trackback
 
Commenti al Post:
Enricostrat
Enricostrat il 09/06/11 alle 12:10 via WEB
La DATITA' me la devi spiegare. Ma dove sono le pictures ???
(Rispondi)
vaniapocket
vaniapocket il 09/06/11 alle 12:14 via WEB
mi metti davvero in difficoltà! la datità è il modo in cui un oggetto o un fenomeno si "dà", nel pieno della sua essenza, si presenta nella realtà. Credo. Più o meno. Sono tre anni che cerco di esprimere questo concetto a parole. le foto sono nella mia fotogallery :-)
(Rispondi)
LupoSolitairo
LupoSolitairo il 09/06/11 alle 12:32 via WEB
Tu pensa che io termini del genere li ho trovati in un libro di diritto. A lezione lo stesso autore si esibsce in filippiche per un diritto che parli semplice. Si fosse trattto di filosofia del diritto, teoria dell'intetpretazione/ argomentazione giuridica avrei capito, ma in un saggio su appalto e subappalto finiscono solo con il complicre le cose. Ah, all'esame l'ho letteralemnte freegato con il suo stesso sistema: Paroloni buttati a casaccio quando mi ha interrogato su appalto e sub appalto.
(Rispondi)
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.