Creato da veuve_cliquot il 10/01/2011

La Specola

"Non mi piace la via che conduce qui e là. Non bevo alla fonte verso cui tutti s'intruppano. Detesto ciò che é comune, popolare e senza regole" Callimaco

 

« DEMOCRAZIAVIAGGIARE »

TASSE

Post n°106 pubblicato il 08 Dicembre 2011 da veuve_cliquot

 

Appartengo a quel 63% che pur dopo la “stangata” che ci ha dato il governo Monti, ha ancora fiducia in esso. Non so se questa fiducia sia dovuta da parte mia al riconoscimento delle qualità di questo governo o sia piuttosto dovuta alla totale sfiducia in qualsiasi politico che vedo seduto sugli scranni del nostro parlamento. Lo so che Monti ci sta chiedendo dei sacrifici molto alti, ma chi ci ha portato a questo punto? Chi ha costretto questo governo a prendere queste decisioni assolutamente pesanti se non chi ci ha governato prima? E non parlo solo dell’ultimo governo ma di quelli che lo hanno preceduto negli ultimi quarant’anni. La crisi mondiale è stata semplicemente la cartina di tornasole che ci ha mostrato quanto il nostro paese fosse fragile davanti alle speculazioni finanziarie.

Ma colpevoli di questa situazione non sono stati solo i governanti ma anche e soprattutto tutte quelle persone che non pagano le tasse. Se siamo a questo punto è anche “merito” loro. L’evasione fiscale raggiunge la cifra del 20% del PIL, ben superiore quindi alle manovre finanziarie che stanno togliendo invece soldi a chi già le tasse le paga. Sono queste persone che derubando il fisco, rubano letteralmente anche a noi in quanto dichiarando poco hanno anche accesso a tutti i benefit del welfare che questa condizione dà loro (non pagano i ticket sanitari, non pagano l’asilo o le tasse universitarie per i loro figli). Ma è mai possibile che si possa accettare che ristoranti e bar abbiano in media un reddito lordo di 8000 euro, i parrucchieri di 11000 o i dentisti di 20000, mentre il 50% dei costruttori edili dichiara un reddito vicino allo zero? A vederli non mi sembrano così “morti di fame”! Se si considera che al lordo bisogna togliere almeno il 20%, questa gente vivrebbe con cifre inferiori alle pensioni minime! E a nessuno è mai capitato di aver bisogno di un elettricista o di un idraulico? Personalmente la loro “visita” mi è sempre costata qualche biglietto da 100 euro. Ero l’unica cliente di quel mese?

Questa gente è la causa principale di quello che ci sta succedendo. E la leggenda metropolitana che se pagassero le tasse non riuscirebbero a vivere è solo una enorme stupidaggine: perché gli altri comuni mortali, pur pagando le tasse, vivono? Le aliquote dipendono dal reddito: se pagano l’aliquota del 41% è semplicemente perché guadagnano più di 50000 euro lordi, come tutti i dipendenti. L’Irpef si calcola dopo la detrazione di tutte le spese date dalla loro attività. Le loro aliquote non sono superiori a quelle dei dipendenti.

Quello che manca a noi italiani è semplicemente il senso civico e l’onestà, il ritenere che le tasse sono un dovere e da questo dovere dipende il benessere comune. Ma questa gente non si vergogna davanti a quei vecchi che sono costretti a vivere con delle pensioni, quelle sì da fame? Non si vergognano davanti agli operai che devono vivere con quello che passa la cassa integrazione? Evidentemente no! Evidentemente si sentono furbi e intelligenti. Non si rendono conto che sono dei ladri, non dei furbi.

Ma anche chi non è ladro, dovrebbe pensare di non diventare complice di questa gente. E per farlo dovrebbe chiedere sempre la ricevuta fiscale. Ma questa gente è anche subdola e ricattatrice: faccio questa cifra senza ricevuta e quest’altra con ricevuta. Chi di noi almeno una volta non ha sentito questa frase? E a volte la cifra, per chi guadagna onestamente poco, risulta allettante e allora si risponde sì e si diventa complici. Questa proposta è un ricatto bello e buono intriso della cattiveria di chi sa che verrà accettato.

Allora anche gli italiani onesti dovrebbero cominciare a svegliarsi pensando di non voler diventare complici di ladri, pensando che se la propria pensione o stipendio non aumenterà, se dovrà pagare ticket sanitari più cari, se il welfare diventa sempre più stringato è colpa loro. E’ vero, in quel momento risparmiamo qualche euro, ma quanti euro ci costerà in futuro?

Finisco con un consiglio a tutti coloro che mi leggeranno perché ritengo che, arrivati a questo punto, non si tratti di delazione ma semplicemente di dovere civico: quando ci capitano davanti queste persone chiamare il 117, il numero della finanza. Personalmente sono veramente stanca (per non dire arrabbiata nera) di dover essere quella che paga sempre, insieme a migliaia di altra gente che sgobba e si ritrova tartassata da ogni manovra di governo (dal blocco dello stipendio all’allungamento dell’età per andare in pensione a ticket sanitari sempre più cari). Cominciamo a diventare un po’ furbi anche noi, non facciamo fare i furbi solo a ladri e ricattatori.

 

Commenti al Post:
Vince198
Vince198 il 08/12/11 alle 15:42 via WEB
Giusto per corroborare i tuoi più che condivisibili risentimenti, la Cgia di Mestre ha rifatto i conti sul testo definitivo della legge e lancia l'allarme: "Manovra triplicata a circa 63 miliardi in tre anni, costerà 830 euro l'anno a ogni famiglia. Oltre 2.400 euro in totale". Da questo cosa si potrà mai dedurre? A parte i "senza se e senza ma" del solito democrtisiano venduto a tutto pur di ottenere i suoi scopi biasimevoli.. e di una classe politica semplicemente indegna, egoista della peggior specie!
Che abbiamo tecnici con un capotecnico-contabile che raccontano balle a tutto andare. Oltre che rapinatori NON autorizzati da alcuno in tale odiosa pratica. A questo punto ho idea che costoro - pur essendosi tenuti buoni chiesa e sindacati - possano rischiare la rivolta sociale, tutto per andare appresso a quel duo di lestofanti chiamati Merkozy, ad una Bce sempre più in mano alla Bunbesbank, sempre più in mano ai grembiulini massonici che, DI FATTO, hanno esautorato un legittimo governo, soppiantandolo con un altro NON eletto, odioso e gradito al reuccio Giorgio I° napolitano! Siamo alla follia più assoluta, delirante. Mi aspetto che possano scoppiare seri moti di ribellione se continuano su questa strada. Il bello però deve ancora venire: non raggiungeremo, a mio avviso, l'obiettivo perchè quella str.. di kartoffren tedesca non vuole che siano messi in commercio eurobond; che, oltretutto, salverebbero anche loro da una disfatta economica cui stanno ignominiosamente andando incontro. Insieme al gallinaccio francese.. @___@
 
 
veuve_cliquot
veuve_cliquot il 10/12/11 alle 06:42 via WEB
Capisco il tuo risentimento che è anche il mio, ma partendo da punti di vista diversi. Tu chiami l'attuale governo "rapinatori non autorizzati". O.K. Ma i precedenti che vedi sugli scranni del parlamento da almeno 20 anni, erano migliori in quanto "rapinatori autorizzati"? Quando eletti hanno meno colpa? I "legittimi governi" che si sono succeduti, non dico da 20 anni ma almeno da 40, non sono forse loro i responsabili della situazione attuale? E se fossimo andati al voto, non avremmo eletto forse gli stessi che attualmente stanno in parlamento e che da anni lasciano precipitare la situazione (e non mi riferisco aolo alla destra ma anche alla sinistra)? Sono ormai arrivata alla conclusione che gli italiani non meritano di meglio: quando siamo andati al voto abbiamo sempre eletto ladroni incompetenti, per cui ci meritiamo ciò che abbiamo. Quella che tu chiami follia delirante è solo la conseguenza di anni di malgoverno legittimamente eletto per cui non scandalizziamoci troppo se ora ci troviamo con i non eletti! :))
 
   
Vince198
Vince198 il 10/12/11 alle 13:01 via WEB
Se noti, c'è una certa differenza fra governi eletti e non dai cittadini. A parte che da qualche decennio in qua ci stanno sempre portando via qualcosa di nostro però sappiamo chi lo fa, è ESSENZIALE che la politica ritorni nella sua veste reale, non si faccia sostituire da queste persone NON ELETTE, rapine o meno che vi saranno. Il problema fondamentale è un altro, veuve_cliquot: finchè c'è stato un governo politico, l'Europa ha usato "consigli" che in parte sono stati recepiti. Ora, con questo governo di massoni, ORDINA, sa che può farlo e lo fa perchè in seno alla Ue è notevole la presenza massonica..
Altra cosa grave: per quanti sforzi farà la nostra Italia, la mia sensazione è che non ne usciremo comunque bene, soprattutto per il fatto che il concorso a queste esigenze di tipo economico hanno, come al solito, dei privilegiati: politici, banche, sindacati e chiesa. i colpevoli sappiamo chi sono ma non saranno mai costretti a pagare le loro colpe anzi, sono sempre più attaccati allo scranno.
D'altra parte un "grembiulato muratore" poteva mai mettersi contro quelle caste che lo avrebbero stroncato al primo afflato contro di loro? É proprio di oggi una specie di "sommossa" nel nostro parlamento, dato che questo governo vorrebbe equiparare (=abbassare) le indennità parlamentari a quelle europee. É il gatto che si morde la coda, questa gentaglia pensa solo a lucrare, per cui a questo punto spero che sto governo si dia una smossa e metta la mordacchia a tutti quei privilegiati nel più breve tempo possibile, anche ieri..
Dulcis in fundo, abbiamo una costituzione, un parlamento che viene eletto dal popolo (a volte in modo discutibile ma è il popolo che comunque dice la sua, altrimenti di questo passo verrà fuori l'anarchia), ergo queste pagliacciate di governi tecnici, non mi sono mai piaciute e mai mi piaceranno. Voglio guardare bene in faccia se, chi voto, fa o non fa il suo dovere e regolarmi alle elezioni successive.
Ci vorrebbero certo dei correttivi, almeno sulla durata della permanenza dei parlamentari nelle sedi governative senza rimandare il tutto alle calende greche, altrimenti cambierebbe poco e niente. Se questo parlamento e questo governo non agiranno in tal senso, io smetterò di andare a votare perchè il voto non servirà, a maggior ragione, a niente.
 
roseilmare
roseilmare il 08/12/11 alle 18:35 via WEB
Troppo facile imporre nuove tasse a chi paga già regolarmente le tasse. Faccio il mio esempio di dipendente pubblico. Ho un reddito facilmente controllabile e se sbaglio e quando sbaglio, è facile recuperare dal mio stipendio i soldi che ho percepito in più. Non trovi "strano" che i controlli vengano fatti sempre e solo sui soliti noti e che sono i più deboli? Perchè quelli che dovrebbero controllare tutte le categorie che hai ben menzionato nel post non controllano e gli evasori la fanno sempre franca? Così la fascia sociale più debole paga sempre di più e diventa sempre più povera. Nulla di personale contro Monti e il suo governo ma non credo che ci voglia la laurea alla Bocconi per una manovra siffatta. Basterebbe l'uomo della strada. E delle pensioni e dell'età pensionabile vogliamo parlarne? Ora ho capito perchè lavoro di fronte al cimitero:-)
 
 
veuve_cliquot
veuve_cliquot il 10/12/11 alle 06:54 via WEB
Mi auguro che quello che si sta facendo sia solo l'inizio, la necessità di far cassa in tempi rapidi la puoi fare solo prelevando da coloro che hanno un reddito visibile cioè i dipendenti e i pensionati. La vera sfida dovrebbe invece essere quella di ricercare gli evasori e far pagare loro quel che devono. Visto che abbiamo tanti giovani a spasso, perché non assumerli con un contratto a termine, piazzarli davanti a un p.c. e chiedere loro di cominciare a fare dei controlli incrociati fra reddito, propietà, aumento dei beni negli anni e pagarli con un minimo dicendo che prenderanno una percentuale su tutto quello che riusciranno a trovare di sommerso. E magari dare a noi cittadini la possibilità di scaricare TUTTE le spese, partendo magari da una cifra elevata (come per le spese veterinarie che si possono detrarre a partire da 200 euro). Non credi che tutti ci faremmo dare la ricevuta fiscale dato che avremmo la possibilità di detrarre le spese? Mi sembrano idee banali nella loro semplicità ma magari riusciremmo a far uscir fuori qualche evasore. Quanto all'età pensionabile ti assicuro che è la cosa che mi fa più male: in un anno mi sono ritrovata dal dover andare in pensione fra 5 anni ad andarci ora fra 12...un bel grazie ai nostri governanti! :))
 
   
roseilmare
roseilmare il 10/12/11 alle 21:50 via WEB
No, non sono per nulla d'accordo. Non è un lavoro da affidare agli ultimi arrivati. Il Nucleo di Polizia Tributaria prepara per anni i propri militari a questo tipo di controllo. Il punto è che non lo vogliono fare. Tutto qui. E non capisco il perchè. Mi hai fatto venire in mente gli ausiliari del traffico che sono più carogne dei vigili urbani.
 
ilio_2009
ilio_2009 il 08/12/11 alle 19:55 via WEB
«Bisogna prendere il denaro dove si trova: presso i poveri. Hanno poco, ma sono in tanti». Ettore Petrolini
 
 
veuve_cliquot
veuve_cliquot il 10/12/11 alle 11:49 via WEB
Nelle corti medioevali, il buffone era l'unico che avesse il diritto di dire la verità davanti al signore. E la frase che riporti è senza dubbio estremamente veritiera anche se molto amara! :))
 
ginkobae
ginkobae il 08/12/11 alle 20:03 via WEB
Sante parole.
 
avvbia
avvbia il 09/12/11 alle 00:35 via WEB
Avevo fatto cara veuve un lungo comm. ma non lo trovo. Maledizione,naledizione,maledizione.tre volte. ripeto allora 1 bisogna pagare le tasse,è un dovere.giusto e punto 2 detto ciò lo stato deve pure,però,mostrarsi giusto nel senso di non sprecare,nno sperperare,non perpetuare la casta dei politici e degli stipendi ultramilionari a certi suo dipednenti.. 3 la tua indignazione,detto ciò,è pure legittima. ciao..
 
 
veuve_cliquot
veuve_cliquot il 10/12/11 alle 11:56 via WEB
Anche a me viene una rabbia terribile quando, dopo aver scritto qualche cosa, tutto sparisce. E anche se lo riscrivo, non sono soddisfatta come la prima volta! In Italia esiste un mix terribile dato dalla somma dei nostri politici (maestri dello spreco inutile) e chi evade le tasse (maestri del glissare i loro doveri civici). Ed è questo mix che ci ha portato al punto in cui siamo. Proporrei misure "americane": galera per chi evade le tasse e ritiro a vita dalla politica per gli altri. Ma sembra che noi italianici siamo così tanto assuefatti ad entrambe le categorie che non abbiamo nemmeno più voglia di indignarci, come se queste due categorie siano un male ineluttabile della nostra società. :))
 
avvbia
avvbia il 10/12/11 alle 12:20 via WEB
si cara ed avevo detto un sacco di cose che RIPROPONGO!i1 io,ripeto,sono per i lpagamento delle GIUSTE tasse,sono 2 però lo stato DEVE essere efficiente,deve darti qualcosa:servizi,giustizia.sanità ecc. :non come adesso dove NULLA funziona. 3 più che sul pagamento fiscale(che è pure elevato) bisognerbbe Soffermarsi sulla cattiveria di questo stato ripeto inefficiente,srecone eccetera. Ecco il punto:pagare tutti ma RIDURRE le spese pubbliche e RAZIONALIZZARLE esempio non pagando somme paze ai suoi manager.. o addirittura ai commessi del palramento!!! 4 infine in america si va in galere per le tasse ma l'america è un paese un pco più efficiente(un poco.) RICCO ecc. 5 altra ultima cosa: io-da perfetto ilberale.-sono per uno stato snello,non un MOLOCH,nn prepotente e con POCHI ma efficienti servizi... ciao ciao... gino
 
 
veuve_cliquot
veuve_cliquot il 11/12/11 alle 13:40 via WEB
Proprio questa mattina ho letto sul corsera la notizia che "finalmente" c'è un gruppo di italiani che si ribella contro le norme varate dal governo. Era ora! E io che pensavo che nessun italiano avrebbe osato ribellarsi a queste norma che ci chiedono "lacrime e sangue", io che pensavo che il seme della rivolta fosse ormai inaridito per far spazio alla rassegnazione e all'accettazione dell'invitabile! E invece no, qualcuno si ribella: i nostri deputati e senatori e la norma verrà rinviata all'apposita commissione...ma fanno proprio schifo!!!! Ma mi auguro che i giornali pubblichino i nomi dei "signori" che voteranno contro questa norma e spero che gli italiani non li votino alle prossime elezioni e se vengono messi in lista dai rispettivi partiti, che non votino il partito! :))
 
ziryabb
ziryabb il 10/12/11 alle 15:14 via WEB
Oggigiorno gli stati moderni si vantano tutti di essere liberali.Lo stato si comporta quindi come una azienda privata.Paga generosamente manager e buone uscite come lo farebbe qualsiasi azienda privata.Usa il marketing per farsi pubblicità e eroga servizi a pagamento come farebbe qualsiasi azienda privata.Se quest'ultima ha i conti in rosso,fallirebbe,licenzierebbe i dipendenti e chiuderebbe la baracca.Lo stato "Liberale",sleale e incoerente, quando ha i conti in rosso non fallisce,non licenzia i dipendenti e pareggia i conti prelevando le tasse qua e là.E questo sarebbe lo stato liberale? Incapace di badare a se stesso? O si privatizza tutto o si socializza tutto.
 
 
veuve_cliquot
veuve_cliquot il 11/12/11 alle 13:49 via WEB
Credo dipenda anche dall'uso delle parole, è molto chic chiamarsi azienda, manager, dirigente. Ma i dirigenti statali sono dirigenti senza dividendi e premi di produzione, pur avendo acquisito il diritto di non aver pagati gli straordinari. Gli ospedali si chiamano aziende come se il fine dell'ospedale fosse produrre per trarre profitto: negli ospedali si produce salute e questa non è un bene vendibile come i bulloni da cui trarre profitto. Invece poi diventa pietista e buonista non valutando a nessuno il merito e permettendo che abbia lo stesso stipendio il buon lavoratore e il fancazzista sempre in mutua. Diciamo che lo stato sogna la conduzione aziendale agendo però come la caritas. Ma come giustamente fai notare ha sempre una via d'uscita: le tasche dei contribuenti, cosa che le aziende non hanno! :))
 
   
ziryabb
ziryabb il 14/12/11 alle 14:52 via WEB
Mi riferivo alle grandi imprese controllate dal tesoro ,seppure quotate,ma pubbliche che lo stato non vuole ancora mollare perché servono ai partiti per piazzare amici e parenti e di cui si è chiacchierato molto ultimamente:Finemeccanica,RAI,FS,ENI...
 
Lolablu7
Lolablu7 il 10/12/11 alle 15:25 via WEB
Ascolta,cara. Si rompe il motorino di una saracinesca.Mio marito chiama una persona che conosce da tempo la quale dopo un'ora, a lavoro fatto, gli chiede 230 euro di motorino e 120 di compenso.Mio marito paga senza battere ciglio maPretendiamo la ricevuta che giunge dopo mille peripezie e solo con l'avviso che ci saremmo rivolti ai Carabinieri.Il pezzo costava 90 euro,la ricevuta era retro datata e lui ha reso il denaro eccedente.Nulla abbiamo preteso dal suo compenso!Abbiamo solo pensato che forse conviene cambiare lavoro, Ho saltato per ragioni di sintesi tutti i passaggi della vicenda,ma sono incredibili.Siamo a questo punto per assoluta mancanza di coscienza civica e senso dell'onestà.Noi siamo risultati i cattivi e lui la vittima!Oggi così va il mondo.Benvenuto il dottor Monti,spero in lui.Buona domenica,Grazia:-))
 
 
veuve_cliquot
veuve_cliquot il 11/12/11 alle 13:53 via WEB
Si finisce quasi con l'apparire noi i cattivi che chiediamo la ricevuta fiscale e loro i poveri diavoli che dopo che hanno "duramente" lavorato si vedono "derubare" da noi, ricchi dipendenti, il magro guadagno. E pensano: che se ne fanno della ricevuta fiscale se non la possono nemmeno detrarre? Ma è pura cattiveria!!!! E' un modo di pensare che dobbiamo assolutamente cancellare dalla nostra testa e dirci: se ora pago più tasse è per colpa loro! :))
 
lorifu
lorifu il 10/12/11 alle 22:40 via WEB
Voglio sperare che questa manovra “lacrime e sangue” per l’italiano medio sia solo frutto di extrema ratio, altrimenti non avrebbe alcun senso. Credo che gli italiani stiano ingoiando questo boccone amaro solo perché la prospettiva sarebbe stata il tracollo completo, il fallimento dell’azienda Italia con tutte le ripercussioni su stipendi e pensioni non più garantiti nei pagamenti. Ma perché siamo dovuti arrivare a questo? Non sapevamo che stavamo vivendo al di sopra delle nostre possibilità e che prima o poi ne avremo pagato lo scotto? Potrei scrivere un dossier su quello che ho visto nella scuola visto che ho insegnato per oltre 30 anni sempre nello stesso Istituto. C’è stato un tempo in cui si poteva andare in pensione con 15 anni, sei mesi e un giorno, poi sono venuti i 19, sei mesi e un giorno, poi i 25… Ricordo un collega, libero professionista, con tanto di studio commerciale che andò in pensione con nove anni puri di insegnamento perché aveva riscattato gli anni universitari e goduto di alcuni anni come profugo. Nello stesso periodo, chissà come, tra un quadrimestre e l’altro, finiti gli scrutini compariva una malattia contagiosa, l’esaurimento nervoso, che faceva decine di vittime soprattutto tra i colleghi più abbienti che per una quindicina di giorni andavano rigorosamente a curarsi chi al mare, chi ai monti, chi a Cortina, in Kenia, negli Stati Uniti. E ricordo che per aver rinunciato a tutte quelle agevolazioni venivo guardata…con sospetto.
 
 
veuve_cliquot
veuve_cliquot il 11/12/11 alle 14:00 via WEB
Questa è un'altra piaga che colpisce tutti: quella dei dipendenti sempre in mutua per ogni minima bua, le gravidanze a rischio delle dipendenti statali che iniziano dal primo mese di gravidanza (stranamente c'è un altissimo rischio di aborto nelle dipendenti statali che invece è minimo nelle dipendenti private. Misteri della natura!!!!), i congendi per i figli per cui rimane sempre a casa il genitore dipendente statale e mai quello dipendente privato...e vedo che tu hai aggiunto altre "chicche" del settore che conosci meglio. Se siamo a questo punto è anche colpa di tutte le agevolazioni di cui hanno usufruito le generazioni precedenti e che ora si trovano a pagare le successive. E poi magari sono proprio costoro quelli che si lamentano che i figli non trovano lavoro: l'idea che possa essere anche colpa loro, non li sfiora nemmeno! :))
 
 
acetosella5
acetosella5 il 11/12/11 alle 23:43 via WEB
Mi intrometto per ricordare anche io un collega architetto, che insegnava e contemporaneamente progettava tombe e altari, guadagnando cifre che non conosco ma che gli permettevano di condurre vita da nababbo, non credo proprio dichiarata al fisco!
 
coccoildrillo
coccoildrillo il 11/12/11 alle 08:06 via WEB
NO, Non sono ottimista, questo governo è abusivo ed illegittimo, continua a spolpare i soliti lasciando inalterate le caste , ed ora ho deciso di difendermi in modo assoluto: solo artigiani senza ricevuta fiscale, solo ristoranti senza scontrini ecc.ecc. ci DEVE essere un punto di STOP oltre al quale non andare, questo punto non lo trova certo un governo fantoccio frutto d'incesto tra PD e PDL.....
 
 
veuve_cliquot
veuve_cliquot il 11/12/11 alle 13:33 via WEB
Ma guarda che al punto di stop ci siamo molto vicini: quando lo stato non riuscirà più a pagare gli stipendi a dipendenti, insegnanti, poliziotti, e le pensioni. Mi auguro che tu non appartenga a nessuna di queste categorie e che non hai bisogno degli ospedali : senza stipendi o soldi per medicinali e consumo di materiale, anche quelli potrebbero chiudere. Mi auguro che tu possegga un bell'orto, un frutteto, un campo di grano e un oliveto e magari che tua moglie allevi galline, oche , maiali e anche una mucca per il latte e i vitellini da carne. In piena autarchia potrai anche vivere e far vivere (magari con il baratto) anche i vari artigiani e ristoratori che non chiedono lo scontrino. Perché anche loro potrebbero vedersela male perché senza gli stipendi erogati dallo stato rischiano di rimanere anche loro senza i soldi che chiedono non rilasciando lo scontrino fiscale. :)) p.s. e magari fornisciti anche di un fucile per fermare chi vuol entrare a rubare nelle tue proprietà, senza poliziotti e con la fame che ci sarebbe in giro, potrebbe essere facile che questo succeda!
 
acetosella5
acetosella5 il 11/12/11 alle 11:07 via WEB
Più che giusto. Personalmente faccio la mia battagli tutte le volte che posso: medici, artigiani, e pure quelli che non accennano a darmi lo scontrino del caffè al bar..rimango immobile fino a quando non capiscono l'antifona. Qualche tempo fa qualcuno aveva anche il coraggio di dirmi " cosa voleva d'altro?" Adesso è un po' di tempo che abbozzano e mi danno lo scontrino giacente lì dal cliente prima che non lo aveva chiesto. Mi ripugnano!
 
 
veuve_cliquot
veuve_cliquot il 11/12/11 alle 14:08 via WEB
Sinceramente, a Torino, non ho mai incontrato un commerciante che non mi rilasciasse lo scontrino fiscale, al contrario di artigiani e liberi professionisti che invece se lo devono sempre far chiedere. Ma io ormai non derogo con nessuno, dopo che chiedo quanto devo, chiedo immediatamente la ricevuta fiscale. Ho invece cambiato dentista quando mi disse: con la ricevuta fa tanto, senza fa quest'altra cifra. Lo trovo insopportabile, preferisco che mi facciano pagare di più ma non mi dicano in questo modo. E' un ricatto vergognoso che si basa sul fatto che è difficile da non accettare perché risparmiare qualche euro fa comodo a tutti e colpisce principalmente i poveri diavoli. :))
 
coccoildrillo
coccoildrillo il 12/12/11 alle 07:36 via WEB
fate bene, anzi benissimo. io dopo 40 annidi versamenti pazzeschi ) ho deciso che è ora di dire basta. I tumori vanno estirpati chirurgicamente non curati con camomilla....
 
 
veuve_cliquot
veuve_cliquot il 12/12/11 alle 08:16 via WEB
Evidentemente, visto che sei tra i fortunati che possono vantare 40 anni di versamenti, andrai in pensione con una "pazzesca" pensione retributiva e non come quelli che dovranno accontentarsi di una misera pensione contributiba per una banale ragione anagrafica! :))
 
   
Vince198
Vince198 il 12/12/11 alle 10:05 via WEB
Io sono uno degli ultimi "fortunati", veuve_cliquot.. Mia moglie che è una.. ragazza del '56, invece dovrà tirare i "botti" e non sai quanto mi spiace: me lo dice tutti i giorni ed io cerco di consolarla perchè altro non posso fare. I sindacati, poi, sono il peggior male di questo mondo, visto che fanno finta - pure - di scioperare. Ipocriti come non mai: se avesse varato queste norme il governo Berlusconi, sarebbe accaduto di tutto, il peggio del peggio e per tre mesi, almeno, altro che per tre orette di passeggiata recitando sotto la pioggia le solite sceneggiate stantìe.. Mandi, Vince ^___^
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 

QUESTO BLOG

Perché un altro blog? Non credo che il mondo ne abbia necessità ed esso non nasce nemmeno da un mio bisogno di esprimere fatti o sensazioni personali.

Non sarà quindi né un diario personale, né una valvola di sfogo di sentimenti ed emozioni.

Scriverò di fatti, articoli di giornali, libri, frasi che mi hanno fatto pensare, ragionare, riflettere, che mi sono piaciuti o non piaciuti, che hanno risvegliato il mio senso critico e anche qualche rotellina un po' arrugginita del mio cervello.

Sarà il blog di una persona che ritiene ancora di avere un cervello pensante libero da ideologie, dottrine, fedi e prese di posizione o di campo acefale.

 

ULTIMI COMMENTI

ULTIME VISITE AL BLOG

Jabel.RLess.is.morePachinoExpresstrixtytastoexploraserena202ziryabbavvbiaSuprpanda69oceanomare14veuve_cliquotestimatoredipiedisoncebozliberty670giacomobravi
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Novembre 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30