Creato da vflipper il 06/11/2007

l'isola che non c'è

dove rifugiarsi e ritrovarsi o ricercarsi un po'

 

 

E QUESTA E' LA LORO SICUREZZA?

Post n°181 pubblicato il 13 Giugno 2009 da vflipper


Camicia grigia o kaki, basco nero con l'aquila imperiale romana, una fascia (ovviamente nera) al braccio,pantaloni neri con striscia gialla o grigi... sinistri ricordi, partito nazionalista italiano... mah se loro credono che per me valgono come la polizia di stato, se questi credono che a me possono dire quello che vogliono si sbagliano di grosso, io non gli riconosco nessuna autorità e anzi li vedrò come nemici... stiano attenti loro, quelli che vogliono far parte di queste famigerate ronde, che anche i pubblici cittadini possono denunciare soprusi e angherie se ne vedono! perchè la legge è uguale per tutti, anche per loro che si mascherano da "forze dell'ordine", e io li terrò d'occhio e se vedo anche solo una strattonata di troppo... buffoni che si nascondono dietro a buffe divise per sentirsi forti e potenti... mentre appaiono solo ridicoli e tristi...

 

 
 
 

STRANIERO...?

Post n°180 pubblicato il 31 Maggio 2009 da vflipper

 

 

"gente diverse venute dall'est
dicevano che in fondo era uguale
credevano in un altro diverso da te
e non mi hanno fatto del male"

F. De Andrè

 
 
 

ECCOMI QUI ADESSO

Post n°179 pubblicato il 10 Maggio 2009 da vflipper

Il mondo che vorrei

 

Che s'io così mi decanto

sciogliendomi in tempo

dalla forma assoluta che "decide",

non vedere, amor mio,

dentro la povertà della mia assenza

un assenso, un consenso o solamente

una parola

da richiamare sempre,

da oppormi quasi a specchio ed a condanna

d'ogni mio moto divenuto illecito!


Ho timore di questo:

che qualcuno ricavi dal passato

un simbolo, un accenno

che mi descriva in catenata sempre

ad un unico passo...


Mobile come sono,

cinta di fughe e da sproni tremendi

e incalzanti turbata, esasperata,

non è ancora giunto per me il momento

di riposare queste membra stanche

sull'iniziale della fissità!


Il pericolo - Alda Merini

 
 
 

Inizia il futuro

Post n°178 pubblicato il 20 Gennaio 2009 da vflipper


"Cari concittadini, mi trovo qui oggi con l'umiltà per il compito che è davanti a noi. Ringrazio il presidente Bush per il servizio alla Nazione.
Quarantaquattro americani a questo punto hanno fatto il giuramento presidenziale. Il compito che mi è stato affidato viene dal sacrificio dei nostri antenati. Il fatto che siamo nel mezzo di una crisi è ben noto, la Nazione è in guerra. I dati della crisi sono ben noti a tutti noi ed è una situazione figlia di avidità e irresponsabilità. Si apre una nuova era di responsabilità. Le sfide che dobbiamo affrontare sono reali, gravi e numerose.
Per la nostra economia servono decisioni coraggiose e rapide e siamo pronti a prenderle. Creeremo infrastrutture, ammoderneremo le reti elettriche e investiremo sulle energie alternative. Useremo le tnuove ecnologie, creeremo posti di lavoro. Gli Stati Uniti combatteranno lo spettro del surriscaldamento del pianeta e ridaranno alla scienza la sua giusta collocazione.
Sappiate questo Americani, tutti i problemi saranno affrontati. Siamo qui oggi perchè abbiamo scelto la speranza sulla paura. Ci siamo riuniti per porre fine alle lamentele meschine e alla false promesse, alle recriminazioni e ai dogmi consumati che per troppo tempo hanno strangolato la nostra politica. Restiamo una nazione giovane. Ma è il momento di mettere da parte le cose infantili. Bisogna rimboccarsi le maniche per ricostruire l'America, perchè dovunque guardiamo c'è lavoro da fare. A partire da oggi dobbiamo rimetterci in moto per rifare l'America. Oggi io vi dico che le sfide che abbiamo dinanzi sono reali: che sono serie e che sono tante. Non le affronteremo facilmente nè in breve tempo. Ma sappiate questo: America, queste sfide le affronteremo.
Ci sono alcuni che mettono in dubbio la portata delle nostre ambizioni. Hanno la memoria corta, perchè hanno dimenticato ciò che ha già fatto questo Paese.
Per la sicurezza respingiamo la falsa alternativa tra ideali e sicurezza. I nostri padri hanno steso una carta con i diritti per tutti. L'America è una nazione per ciascun uomo, donna, bambino che cerchi un futuro di opportunità. Siamo pronti a guidare il mondo di nuovo.
Siamo più uniti di prima, più forti di prima per affrontare e battere il terrorismo. Ai terroristi dico: non durerete più a lungo di noi, vi sconfiggeremo. Al mondo musulmano: cerchiamo un modo per andare avanti basato sul rispetto reciproco e sul reciproco interesse. Ai leader che cercano di dare le colpe all'Occidente, sappiate che il vostro popolo vi giudicherà per quello che farete. Anche se mostrerete il pugno, noi vitenderemo la mano. Ai popoli delle nazioni povere: c'impegnamo a lavorare con voi per dar da mangiare a tutti. E alle altre nazioni che vivono a un alto livello di benessere diciamo che non possiamo più permetterci di vedere questa povertà. Il mondo è cambiato e noi dobbiamo cambiare con lui.
Sessant'anni fa un nero non sarebbe stato servito in un bar. Oggi può pronunciare il discorso più solenne. Dio bendica gli Stati Uniti d'America."



Barack Obama

 
 
 

mi piace - non mi piace

Post n°177 pubblicato il 15 Gennaio 2009 da vflipper

MI PIACE - NON MI PIACE




MI PIACE

osservare i comportamenti delle persone sull'autobus

bere una tazzona di te al limone sul divano con gli oro saiwa mangiati due alla volta

tuffare la mano in un sacco di legumi (come ad Amelie, ma è sempre più difficile
trovarne e non farsi vedere dai commercianti)

svegliarmi con il cinguettio degli uccellini e i raggi di sole che penetrano dalle tapparelle


NON MI PIACE

quelli che in ascensore non ti salutano

mettere la sveglia che automaticamente ogni 5 minuti squilla di nuovo

il molliccio della trippa sotto ai denti

e a voi?
ciao ciao Bisous

PS ah... BUON ANNO a tutti!

 
 
 
Successivi »
 

"Siate sempre capaci di sentire nel più profondo qualunque ingiustizia commessa contro chiunque
in qualunque parte del mondo"


Ernesto Che Guevara


 

SENZA PAROLE...


 

LA CANZONE DELLA SETTIMANA


le settimane precedenti...

Walk of life - Dire Straits
Hey You - Pink Floyd
Grande, grande, grande - Mina
Sally - Vasco
Silent Night - Elvis Prisley
Rome Wasn't Built In A Day - Morcheeba
La vie en rose - Edit Piaff
Remedios - Gabriella Ferri
Leggero - Luciano Ligabue
Dancing in the dark - Bruce Springsteen
Peace Frog - The Doors
Birima - Youssou N'Dour
Bloody Sunday- U2
It's wonderful - Paolo Conte
Stairway to Heaven - Led Zeppelin
Buonanotte all'Italia - Ligabue
I migliori anni della nostro vita - Renato Zero
Echoes - Pink Floyd
Bella Ciao - Modena City Ramblers
Help! - The Beatles
Centro di gravità permanente - F. Battiato
La banda del sogno interrotto - Modena City Ramblers
Riprendere Berlino - Afterhours
Behind Blue Eyes - The Who
He War - Cat Power
Fango - Jovanotti
Greek Country Music - Sirtaki
Lithium - Nirvana
Piazza Alimonda - F. Guccini
Smoke On The Water - Deep Purple
Crying - Aerosmith
Talkin bout a revolution - T. Chapman
Boa Sorte - Vanessa Da Mata
Pata Pata - Miriam Makeba
Politik - Coldplay

 

 

AREA PERSONALE

 

ULTIME VISITE AL BLOG

alessia.savilo_snorkiedesclouxrettile56marcomolinastefanoj27LACOCCINELLALILLIunamamma1dinosauro220A171957cataldodgl3Sstefy8cheguevaraeramortodexia0defgio
 

STO LEGGENDO




letture precedenti:
Gente in Cammino di Malika Mokeddem
Mille splendidi soli di Khaled Hosseini
Ragazze di Riad di Rajaa al-Sanie
La solitudine dei numeri primi di Paolo Giordano
Avventure della ragazza cattiva di Mario Vargas Losa
L'eleganza del riccio di Muriel Barbery
Come le mosche d'autunno di Irène Nèmirovsky
L'ombra del vento di Ruiz Zafon Carlos
Firmino di Sam Savage
La maga delle spezie di Chitra Banerjee Divakaruni
Non è un paese per vecchi di Cormac McCarthy
Le cose che porta il cielo di Dinaw Mengestu
I fratelli Karamazov di Fedor Dostoevskij
La tredicesima storia di Diane Setterfield
La prova del miele di Salwa Al-Neimi
Le due donne del Partenone di Karen Essex
Il gioco dell'angelo di Carlos Ruiz Zafon
Il Bambino senza nome di Mark Kurzem
Il sogno infinito di Harry Berstein
La Masserie delle Allodole di Antonia Arslan
La Strada di Smirne di Antonia Arslan
 

LA MIA AFRICA

Tiébelé - Burkina Faso
il paese degli uomini onesti

 

IL MIO FUMETTO

 
 
 

CHE RIDERE!

 

FACEBOOK

 
 

ULTIMI COMMENTI

Ciao, un bacio, buona serata
Inviato da: bruno14to
il 23/06/2009 alle 21:27
 
Ciao, le ronde sono assolutamente inutili e se certo...
Inviato da: bruno14to
il 13/06/2009 alle 18:22
 
Ciao, il mondo che vorrei è un mondo più equo e più giusto....
Inviato da: bruno14to
il 27/05/2009 alle 22:12
 
Un bacione, buon sabato. Come stai?
Inviato da: bruno14to
il 24/04/2009 alle 23:08
 
ehi... come stai?? un salutone :)
Inviato da: rudyzzo
il 09/03/2009 alle 20:08
 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom