1 destino

il mio

Creato da vhagos il 10/01/2007

IL PIU BEL 10 E LODE

Un premio di dieci e lode perchè sei: Mosaico sfaccettato di pensieri e percorsi umani, fratello fedele e leale, estimatore delle pennellate incorniciate, restauratore e costruttore di torri e pilastri, voce rossa sensibile e valorosa, volto istrionico di sentimenti sinceri, giostra di colori ed emozioni
Principessapersiana

 

Contatta l'autore

Nickname: vhagos
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 52
Prov: RM
 

Lo stato è laico

 

Area personale

 

FACEBOOK

 
 

Ultime visite al Blog

marinovincenzo1958sols.kjaerbagninosalinaroninokenya1andrea.massaro1967vhagostrampolinotonantestrong_passionbenedetta.dilisageocollovaRuNaWaYbRyDecobo7elio.tagliaferriverlaine3drhause78
 
 

il bacio di un amica

immagine

Ai tuoi meravigliosi pensieri disarticolati……

Alla tua intensità nel dire le cose……..

All’amore, grande………immutato che ancora ti nutre,

ma che ti spezza in due dal dolore…

 

 

Evoluzioni linguistiche

Post n°246 pubblicato il 01 Luglio 2009 da vhagos

 

 
 
 

Precari non vi lamentate

Post n°245 pubblicato il 29 Giugno 2009 da vhagos

Questo post, è dedicato a Indianina67 e Valnerina.Sfaticate precarie,sovversive dell'ordine costituito da sua bassezza, che non riescono a farsi assumere a CTI nel giro di 5 mesi:Vergogna!!
Non fate altro che lamentarvi,eppure vi pagano lautamente;Ingrate.
Non sapete che fortuna avete.
Leggete qui: http://oknotizie.virgilio.it/go.php?us=401448a039e37043

 
 
 

IL RE

Post n°244 pubblicato il 26 Giugno 2009 da vhagos

Stamane,mentre navigavo su internet, mi è capitato di imbattermi sulle mille e mille pagine dedicate alla morte di Michael Jackson.
Ogni tipo di titoli,foto e video a non finire.Dall'infanzia alla morte,step by step.
Ognuno dice la sua,congetture,leggende metropolitane.Ognuno si spertica a scrivere ogni sorta di pezzo giornalistico o pseudo tale.
Cinquanta anni di vita in 50 righe o anche meno.
Facebook idem,si è scatenato nella creazione di gruppi e post in onore al re del pop.
Tutti lo piangono,tutti lo incensano,tutti raccontano il loro pensiero,il loro dolore.
Stasera hanno persino intervistato il suo sosia italiano.Un mentecatto(a mio avviso),
che è arrivato a fare parecchi interventi di chirurgia plastica pur di somigliargli.Il bello è che sto tipo fa anche l'infermiere,cioè si dovrebbe prendere cura di un ammalato.
Più lo ascoltavo, più scuotevo la testa e cercavo di capire come si possa arrivare a tanto quando sarebbero bastate delle sedute di psicoanalisi per risolvergli il problema.
Ma di tutto questo ,mi è fregato ben poco intendiamoci;al di la della sorpresa per la sua morte e il riconoscimento del talento artistico.E' morto,amen.
La cosa sgradevole,per non dire vomitevole è stato il fatto che la quasi totalità di giornali e siti che dovrebbero fare informazione hanno ignorato o quasi(solo piccolissimi articoli di spalla o di fondo),questa notizia:

Torino,morto operaio ustionato 90%

Era rimasto ferito in incendio divampato alla Comital mercoledi'

(ANSA) - TORINO, 26 GIU - E' morto a Torino Idrissi Aatouf Moulay Merouane, l'operaio marocchino di 32 anni ferito in un incidente sul lavoro mercoledi' scorso. Aveva riportato ustioni di terzo grado sul 90% del corpo in un incendio scoppiato nello stabilimento della Comital di Spinetta Marengo (produzione imballaggi in alluminio) e, per i medici del Cto di Torino le sue condizioni erano apparse disperate. L'uomo, sposato e padre di due figli, era il piu' grave dei quattro operai feriti nell'incidente.

Ora mi chiedo:Come cazzo pretendiamo di cambiare sta merda di società se poi si ignorano notizie del genere e ci impegnamo ad incensare chi nella vita pur avendo avuto un dono ha saputo gettarlo via,mentre c'è chi muore ancora sul lavoro nella totale indifferenza.
Molti di quei rincoglioniti che hanno scritto che da ieri si sentono un pò orfani per la morte del loro idolo,vadano a spiegarlo ai figli di quel povero Cristo che per dargli un futuro migliore era venuto qui in Italia a rompersi la schiena e a lasciarci la pelle nel modo peggiore.

Per me il re morto è Idrissi, di Michael (pace all'anima sua per carità)nun me ne pò fregà de meno.

IL RE E' MORTO:: VIVA IL RE

 

 
 
 

L'occasione mancata

Post n°243 pubblicato il 11 Giugno 2009 da vhagos

 

 

Venticinque anni fa,molto prima del muro di Berlino,non ci rendevamo conto che insieme ad un piccolo,mite ,introverso uomo di Sassari era caduta l'illusione di molti di noi.Su quel palco di Padova si spegneva l'ultima voce autorevole,forte,ferma di un grande partito di massa.Un uomo che aveva sdoganato il pci dall'orbita dell'urss.Che aveva dato un volto diverso  al Comunismo Europeo,che riusciva ad unire le masse,che ti rendeva orgoglioso di essere un operaio.Aveva infuso in tutti la speranza che anche la classe operaia potesse andare in paradiso.
Quel giorno non ci accorgemmo invece che era iniziata la fine.La fine di una speranza,un sogno quasi concreto.Ci ha lasciato così,in punta dei piedi come era nel suo stile.Quel giorno io c'ero a Roma,confuso tra quei 2 milioni di persone.
Pensare che da solo aveva il 35% dei consensi.Mi chiedo dove siano finite tutte quelle persone.Dove cazzo hanno buttato il loro ideale.Fa così tristezza vedere che in pochissimi anni i cosidetti discepoli siano riusciti a dissipare una così grande eredità morale e  politica.Ora è tutto un pout pourrì di di pseudo politici che sgomitano come galline che razzolano le briciole del cortile.Gentaglia che ha dimenticato la questione morale,che si fatta spesso prendere con le mani nel sacco andando a dire in giro :"Noi siamo diversi".Cazzo ce ne vuoledi coraggio a dire certe cose.Sono esattamente uguali a lui,lo psiconano.Gli hanno salvato il culo in troppe occasioni perchè conniventi.
Mi viene il vomito a guardarli.Che peccato,venticinque anni fa abbiamo perso la nostra unica occasione.

Enrico se tu ci fossi ancora
ci basterebbe un sorriso
per un abbraccio di un'ora
il mondo cambia
ha scelto la bandiera
l'unica cosa che resta
e' un'ingiustizia piu' vera
qui tutti gridano
qui tutti noi siamo diversi
ma se li senti parlare
sono da sempre gli stessi
quante bugie
quanti segreti in fondo al mare
pensi davvero che un giorno
noi li vedremo affiorare
oh no non dirmi no
dimmi che quel giorno ci saro'
chiudo gli occhi e penso a te
dolce enrico
nel mio cuore accanto a me
tu sei vivo
chiudo gli occhi e tu ci sei
dolce enrico
tu sorridi accanto a me
a san giovanni stanotte
la piazza e' tutta vuota
ma quanta gente che c'e'
sotto la grande bandiera
e quante bugie
quanti segreti in fondo al mare
pensi davvero che un giorno
noi li vedremo affiorare
oh no non dirmi no
dimmi che quel giorno ci saro'

chiudo gli occhi e penso a te
dolce enrico
nel mio cuore accanto a me
tu sei vivo
chiudo gli occhi e tu ci sei
dolce enrico
tu sorridi accanto a me
tu sorridi accanto a me

 
 
 

Gli indifferenti

Post n°242 pubblicato il 08 Giugno 2009 da vhagos

Odio gli indifferenti, perchè mi dà noia il loro piagnisteo di eterni innocenti. Domando conto ad ognuno di essi come ha svolto il compito che la vita gli ha posto e gli pone quotidianamente, di ciò che ha fatto e specialmente di ciò che non ha fatto. E sento di poter essere inesorabile, di non dover sprecare la mia pietà, di non dover spartire con loro le mie lacrime… vivo. Sono partigiano. Perciò odio chi non parteggia, odio gli indifferenti.

da Scritti giovanili Antonio Gramsci

Grazie a questi indifferenti anche questa volta l'Italia non s'è desta ma seduta a guardarsi i piedi e a prenderlo nel culo.. Complimenti..

 
 
 

IO STO CON GAZA!

 

Il mio motore di ricerca

 

QUE VIVA FIDEL

 

lider maximo

 

con la luz de tu sonrisa

 

visto da una principessa

Tu, con l'espressione malinconica
e quel sorriso in più,
cosa mi fai ?
Stai cosí vicino, cosí immobile
parla qualcosa,
non ti ascolto mai.
I maschi disegnati sui metro
confondono le linee di Miro.
Dalle vetrine, dietro ai Bistrot
Bistrot.
Ogni carezza della notte
è quasi amor.
I maschi innamorati dentro ai bar
ci chiamano dai muri di città
Dalle vetrine, dietro ai juke box
Box.
Ogni carezza della notte
è quasi amor.
Tu sotto la giacca,
cosa avrai di più,
quando fa sera
e il cuore si scatena.
Mi va, sulle scale poi te lo lo darò
geb ich dir,
quello che sento
parlami ancora un po'.
I maschi innamorati dentro ai bar ......
Ai maschi innamorati come me
ai maschi innamorati come te
quali emozioni, quante bugie,

ma questa notte voglio farti le pazzie.
Ai maschi innamorati come me
ai maschi allucinanti più di te
non è mai ora a dirti addio
tutta la notte voglio ancora farvi mio


immagine

 
 

qualità nel nome