Creato da Aldus_r il 27/12/2011
Blog di Aldo Rabbiati

Ultimi commenti

A TUTTI GLI ESTIMATORI DI CARLO DE BENEDETTI: I quali...
Inviato da: nonnapapera69
il 04/07/2018 alle 23:16
 
Caro Aldo, leggo sempre i tuoi scritti e mi riferisco ora...
Inviato da: nonnapapera69
il 28/06/2017 alle 12:56
 
E' ragionavole pensarlo. Ciao
Inviato da: Aldus_r
il 26/09/2014 alle 22:03
 
Mi trovi d'accordo, ahimé...
Inviato da: surfinia60
il 24/09/2014 alle 16:59
 
Noi italiani siamo bravi a fare "il tifo", a...
Inviato da: Aldus_r
il 16/05/2014 alle 00:27
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 6
 

Ultime visite al Blog

Aldus_rgallughccleportedinapolipinolinopunkzooteamsilma2008liboriandriullisimonetta.tognoliniprearo.danielaannam.marcantoniolore.gillioismaelevisentinlemusecurnocorrado20021albert.z
 

Area personale

 

FACEBOOK

 
 

FACEBOOK

 
 

Archivio messaggi

 
 << Novembre 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30            
 
 

Chi puņ scrivere sul blog

Solo l'autore puņ pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

« La Sicilia nel mondo sto...Cosa significa globalizz... »

Federico II di Svevia, Scuola Siciliana, Dante Alighieri

 Tutti ricordano Dante Alighieri come il padre della lingua italiana, dimnenticamdo che nella prima parte del 13° secolo Federico II di Svevia, a Palermo, istitui alla sua corte una scuola poetica ispirata ai modelli provenzali,la cui produzione era in volgare siciliano. Fu chiamata "Scuola siciliana". Ad essa fecero parte Cielo (o Clullo) dd'Alcamo, Giacomo da Lentini, Giovanni di Brienne ed altri.

Dante Alighieri, alla fine del 13° secolo, scrisse n volgare fiorentino la "Commedia", che successivamente diovenne lingua ufficiale.

Che gli albori della lingua italiana si manifestarono alla "Scuola siciliana", lo riconobbe lo staesso Dante, il quale considerava il volgare siciliano "lingua illustre".

Il Dolce Stil Novo fu una scuola poetica che nacque a Bologna fra la fine del Duecento e l’inizio del Trecento. IIl termine fu ricavato dal 24° canto del Purgatorio di Dante nel quale parla proprio di una nuova poetica letteraria che ebbe la sua massima fioritura nella Firenze del 1300. I maggiori rappresentanti del "dolce stil novo" furono, Giudo Cavalccanti, Giudo Guinizzelli e lo stesso Dante.

Il siciliano, secondo Dante Alighieri, una lingua illustre.

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Commenti al Post:
Nessun Commento