Creato da votattilio2008 il 28/03/2008

A.T.T.I.L.I.O.

Attivisti Territoriali Terribilmente Incazzati Lievemente Inconsapevoli a Oltranza

 

 

« Io voto Pd, senza se e senza maZingaretti, "No a deriva... »

Quattromilioniquattrocentosedicimila seicentosettantasei

Post n°244 pubblicato il 09 Giugno 2009 da mik154
 

4.416.676. Sono i voti che il Pd ha preso in meno questa volta rispetto alle politiche dell'anno scorso. Se vediamo la distribuzione territoriale dei voti ci rendiamo conto quando il Pd regga soltanto in quelle che una volta venivano chiamate Regioni rosse. E anche lì si regge appena. In Emilia la lega sfonda la barriera che la vedeva da sempre confinata nelle Regioni del Nord. Prende voti anche in Toscana, perfino alle amministrative, segno di un radicamento che cresce. Segno che può spendere candidati credibili, che conoscono il territorio. Prende perfino un seggio alle europee nella circoscrizione Italia centrale. Mai successo prima. Il Pdl è primo partito nelle Marche, in Umbria. Nel Lazio se sommiamo i voti di Pd, Idv e Udc (sempre che siano sommabili) non arriviamo alla somma dei voti del Pd.
A Roma il Partito democratico perde quasi il 9 e mezzo per cento dei voti rispetto alle politiche. Nel Lazio quasi il 7.

E poi c'è quella cifra lì che fa paura.  4.416.676. Una volta le vittorie e le sconfitte, prima che sulle percentuali, si valutavano sulla quella cifra lì, quella dei voti assoluti. Perché ti danno una percezione netta: quella cifra ti dice quante persone in più o in meno hai convinto, non la percentuale di quelle che sono andate a votare. E' importante perché l'astensionismo è un altro sintomo di sfiducia che ha penalizzato molto il Pd. La Lega, tanto per dire, non ha risentito dell'astensionismo.

A Roma, vexata questio, perdiamo 287.110 voti. Vale a dire che il 41 per cento delle 690.340 persone che ci aveva scelto un anno fa non ha rinnovato la sua fiducia al Partito democratico.

Perdo un attimo per rispondere a chi dice che il confronto non si può fare con le politiche di un anno fa perché allora c'era il voto utile. C'era anche adesso. Sapevano tutti che né Sinistra e Libertà né Rifondazione avrebbero raggiunto la soglia del 4 per cento utile a prendere seggi. Né ci si può appellare alla presenza in lista dei radicali, un anno fa. Fino a ieri eravamo tutti concordi nel dire che i Radicali non ci avevano portato un voto, perché il loro è in gran parte un voto di opinione. Anzi, quelli che adesso per alleviare la portata della sconfitta si appellano a Pannella e Bonino, erano quelli che fino a qualche giorno fa ci spiegavano che la presenza dei radicali in lista aveva allontanato dal Pd buona parte del voto cattolico.

Né si può dire che i sondaggi fino a poco tempo fa ci davano al 21 per cento. E' falso. Sappiamo tutti che i sondaggi ci hanno dato sempre intorno al 25 per cento, salvo che in un periodo ben preciso: dopo le dimissioni di Veltroni, quando precipitammo al 22 per cento.

Ora sia ben chiaro, sono tra quelli che credevano e che credono ancora nel progetto del Partito democratico. In quello illustrato da Veltroni (non è una parolaccia si può dire anche due volte nella stessa nota). A quel progetto hanno dato fiducia 12.424.530 italiani. Poi di quel progetto si sono perse le tracce.

Un anno fa ci dicemmo che quel 33,2 per cento era la base da cui ripartire per costruire un progetto diverso per l'Italia. Adesso la base è diventata il 26,1 per cento.

Il problema è come e quando ripartire. Come tornare in campo davvero, come essere percepiti come un'alternativa credibile per governare il Paese.

Apro una parentesi, davvero a forza, sulla questione delle preferenze e di chi ha vinto o meno fra le correnti romane. Abbiamo scoperto che la somma fra rutellidi, talebani e lettiani (di stefano non va dimenticato) con qualche accordo locale con i popolari della Costa, pesa di più dei bettinidi, che da soli sostenevano la coppia Cioffredi - De Angelis. Complimenti. Intorno a noi crolla tutto, ma noi pensiamo a contarci fra di noi. Cosa sacrosanta, sia chiaro, ma quando avviene su opzioni politiche diverse, su progetti politici. E invece, secondo i nostri amici democratici, si si conta alle elezioni. Quando l'avversario dovrebbe essere fuori dal partito. Mi spiegate come si può sostenere l'alleanza fra talebani e rutellidi che hanno due visioni opposte sul Pd? Misteri democratici.

Anche in questa situazione, comunque, nel Lazio De Angelis, il candidato che fra i due era stato designato a essere eletto, prende sostanzialmente lo stesso numero di preferenze della coppia di fatto Milana Gualtieri. A Roma, a guardare le preferenze i bettinidi da soli rappresentano circa il 35 per cento del Pd. 

Ma interessa davvero a qualcuno 'sto giochetto?  A me francamente no. Vorrei poter tornare a parlare del PD che voglio contribuire a costruire, ripartendo dal basso.

Primo punto: 

1) azzeramento della classe dirigente dalle federazioni in su

2) dare centralità ai circoli, oggi semplice cinghia di trasmissione delle correnti

3) per fare questo serve un congresso vero, dove non si contano le persone, ma si confrontano opzioni politiche alternative.

Questo volevo dire. E adesso sosteniamo i democratici impegnati in ballottaggi importanti.

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/votattilio/trackback.php?msg=7201664

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
Utente non iscritto alla Community di Libero
Anonimo il 20/06/09 alle 10:36 via WEB
Cari amici, mi son reso conto che molti di voi, ricevendo la mia mail precedente, si siano interrogati: ma perchè Enrico ci dice queste cose? Che succede? ChiedendoVi scusa per la petulanza, provo a spiegare i miei sentimenti attuali e l'impellenza che sento nel doverli comunicare a coloro che immagino più disponibili a farmi il favore di ascoltare e magari a non condividere (se del caso). Di fronte ai problemi enormi che dovrebbero essere affrontati con vigore (crisi, disoccupazione, arretramento culturale e industriale del Paese, spaesamento delle nuove generazioni......etc) si assiste all'interno dei circoli del PD, delle Federazioni e della Direzione ad un pigolio che spesso ha per oggetto gli stessi amici e compagni: l'aggettivazione di coloro che la pensano diversamente (i dalemiani chiamati talebani, ad esempio, e viceversa) dichiara un degrado politico; avendo accettato il principio della contendibilità dei posti (ma senza regole precise) più che proporre un diverso modello di società, a me pare che si cerchi di collocare nei sempre più ridotti posti a disposizione non i più capaci ma quelli più "amici". E il nostro popolo che cerca da solo di darsi risposte non trova nessuno con cui confrontare le proprie ideee e le reali condizioni in cui vive. Ora, uno come me, che non ha mai voluto essere etichettato, che ha fatto del dialogo con tutti (tutti davvero..) un elemento anche di umiltà intelletuale, che forse è anche un pò demodè perchè (sarà l'età?) non riesce a scindere l'etica nè dalla vita nè dalla politica, non può assistere indifferente. Io credo di avere l'obbligo di suggerire ai miei amici e compagni che nella vita rispettano questi valori di propugnarli più apertamente e con maggior convinzione in ogni luogo è dato loro di esprimersi. Mi dispiace, ma io penso come Berlinguer, che non siamo tutti uguali, al livello più basso. Questo Paese ha sempre avuto bisogno di moralità, ma ora questa coltre di schifezza che viene stesa da coloro che dovrebbero dare l'esempio non deve arrivare a coprire le giovani generazioni, se no addio Italia. Io ho tre nipotini: vorrei lasciare loro una speranza di un mondo migliore (magari di sinistra...). Poichè non ho la presunzione di credere di essere unico portatore sano di queste idee, mi sono sentito in dovere di dire a tutti i veri amici quel che penso: aspetto conforto e continuerò a rompere le scatole, scuandomi in anticipo. Con immutato fraterno affetto. Enrico
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 

VIVI IL PD - CAMBIA L'ITALIA

 

 

INTERVENTO ALL'ASSEMBLEA DEI CIRCOLI DEL PD

 

 

 

ATTENZIONE ATTENZIONE!!!
I lettori più avvertiti l'hanno già capito da tempo, ma quelli che rivestono cariche pubbliche, si sa, tendono ad avere più difficoltà: questo non è un blog del Partito democratico o di un suo circolo, ma uno spazio libero che ospita gli sproloqui di un pericoloso criminale:  Michele Cardulli, 40 anni, giornalista, militante del Pd, libero sproloquiatore, nonché teppista della parola.
Tal figuro, ed esclusivamente lui, è responsabile politicamente e penalme
nte del contenuto dei suo scritti. Per prenderlo a testate, lo potete incontrare nei corridoio del consiglio regionale, oppure al circolo Pd di Capannelle


 

IL VIDEO SUL CORTEO



 

DEMOCRATICAMENTE IN PIAZZA

 
 

PRIMARIE SEMPRE

 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Febbraio 2023 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28          
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

FACEBOOK

 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

vivereconilparcobrigantino2008ozieboo16gian.75mefbowlingdiana_89car.bricaporaso1989FrancescaFontanaroby_vannysabatini_mpinuchetrionfo74votattilio2008
 

ULTIMI COMMENTI

stesso problema, anche io sto a 50 mt da lidl e ho un...
Inviato da: marco
il 07/01/2013 alle 21:16
 
capisco la tua gioia nel poter rinavigare dopo tanto...
Inviato da: marco
il 29/03/2012 alle 19:20
 
Le dichiarazioni anticipate sui trattamenti sanitari hanno...
Inviato da: Anonimo
il 16/01/2010 alle 11:27
 
Finarmente uno che te dice le cose come sono, poi stà dalla...
Inviato da: Anonimo
il 22/07/2009 alle 14:11
 
Nessuna visibilità per Marino nella campagna per le...
Inviato da: Anonimo
il 18/07/2009 alle 17:32
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo i membri di questo Blog possono pubblicare messaggi e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

IN QUANTI SIAMO OGGI?

Web stats powered by www.wstatslive.com