Creato da votattilio2008 il 28/03/2008

A.T.T.I.L.I.O.

Attivisti Territoriali Terribilmente Incazzati Lievemente Inconsapevoli a Oltranza

 

 

« Incontro con Ignazio Mar...Reddito minimo: le doman... »

Due propostine operative per la mozione Marino

Post n°257 pubblicato il 03 Agosto 2009 da votattilio2008

1)      Il partito orizzontale.

L’idea di partito come si è sviluppata nel corso del ‘900, prevedeva una forte verticalità della struttura. La stessa concezione del classico “attivo” di sezione era di per sé fortemente improntata al verticismo: introduzione del segretario di sezione, dibattito, conclusioni del funzionario inviato dalla federazione. Indiscutibili e definitive.

Questa idea funzionava in una società che non aveva gli strumenti di comunicazione di cui disponiamo oggi, non aveva la complessità che oggi tutti viviamo. Era improntata sullo schema “lavoro-famiglia-chiesa”. Per cui anche gli organismi sociali che si sono sviluppati erano incasellati in quello schema. Sindacati, partiti, organizzazioni parallele della chiesa, tutti i cosiddetti corpi intermedi rispondono a questa trilogia che comincia a crollare negli anni ’70, vive una profonda crisi dai ’90 in poi. E adesso viene completamente travolta nella cosiddetta società della comunicazione. Da qui la crisi del partito verticale e di massa e il passaggio al “partito del leader”, una risposta di destra che abbiamo provato di tanto in tanto a scimmiottare. Con scarsissimi risultati a dire il vero.

 

Perdonate l’analisi sociologica da bar, ma non mi voglio dilungare troppo.

 

Serve una risposta di sinistra e mi trovo d’accordo con quello che Enzo Puro definisce il “partito open source”, un modello di partito, cioè, in cui i livelli di direzione e la circolazione di idee e di proposte assume direzioni diverse da quella classica “vertice-base”. A me piace definirlo partito orizzontale, ma il concetto è molto simile. Si tratta di un partito dove il vertice non è più il terminale assoluto, ma dove la base, nel nostro caso i circoli, creano modalità di comunicazione e di organizzazione assolutamente orizzontali. Lo abbiamo fatto, molto a fatica, nel Pd, quando abbiamo creato siti, gruppi su fb, che hanno permesso lo scambio di informazioni, di opinioni, di documenti, in modalità assolutamente autogestita. A Roma questo è successo anche per l’assoluta latitanza del livello federale del Pd. Quello che dovrebbe essere il tramite fra vertici nazionali e circoli ha clamorosamente fallito il suo compito. E il vuoto in politica tende sempre ad essere riempito.

Si tratta di un fenomeno assolutamente caotico, che si scontra contro l’unica forma di organizzazione vera esistente: quella delle correnti. Eppure si tratta anche dell’unico vero antidoto a questa. Nel senso che soltanto creando dei luoghi in cui ci si ritrova al di là della famiglia di appartenenza, si riesce ad unire quello che, apparentemente, tenderebbe a restare separato.

 

Ora si tratta di dare sistematicità e legittimità a questa organizzazione orizzontale. Si potrebbe pensare intanto a una sorta di “portale dei circoli”, ma anche questa è una forma embrionale: servono luoghi e sedi stabili, non la semplice assemblea dei segretari dei circoli che, al massimo, diventa luogo per mettersi sotto le luci dei riflettori e non luogo di elaborazione collettiva.

 

2)      Le liste del “passo indietro”

A ottobre avremo le primarie. Anche questa volta su collegi molto grandi, con liste bloccate. Sempre meglio delle preferenze che le trasformerebbero in una competizione selvaggia fra consiglieri municipali, ma anche molto lontano dall’idea di democrazia che ho. Trattandosi di fenomeno, molto mediatico, infatti, tutte le mozioni tenderanno a mettere ai primi posti delle liste personaggi altrettanto mediatici. Lo hanno già fatto Franceschini, Bersani e, in misura minore, anche Marino, nella partita dei segretari regionali. Ci fosse un candidato che è cresciuto in questi anni sul territorio, che magari ha fatto il responsabile dell’organizzazione in federazione. Tutti deputati, consiglieri, addirittura vertici istituzionali come sindaci o presidenti di Provincia.

Premesso che non chiederò di essere candidato, e così mettiamo preventivamente a tacere le malilingue...

La mia proposta è semplice: almeno per quanto riguarda le liste alle primarie, i “soliti noti” facciano un passo indietro. Mettiamo nei primi posti delle liste, a tutti i livelli, persone che siano espressione del territorio, di quelli che danno il fritto giorno dopo giorno, ma non se li incula mai nessuno. I deputati, i consiglieri regionali, provinciali, comunali, municipali, possono anche stare, per una volta nelle posizioni di lista immediatamente successive. Possono aiutare nuove leve, non tanto in senso anagrafico quanto in senso mentale, a emergere, a essere protagonisti, a vivere – per davvero – il Partito Democratico. In questa maniera, facendo un passo indietro, forse il passo in avanti lo farebbe il Pd.

 
Commenta il Post:
* Tuo nome
Utente Libero? Effettua il Login
* Tua e-mail
La tua mail non verrà pubblicata
Tuo sito
Es. http://www.tuosito.it
 
* Testo
 
Sono consentiti i tag html: <a href="">, <b>, <i>, <p>, <br>
Il testo del messaggio non può superare i 30000 caratteri.
Ricorda che puoi inviare i commenti ai messaggi anche via SMS.
Invia al numero 3202023203 scrivendo prima del messaggio:
#numero_messaggio#nome_moblog

*campo obbligatorio

Copia qui:
 

VIVI IL PD - CAMBIA L'ITALIA

 

 

INTERVENTO ALL'ASSEMBLEA DEI CIRCOLI DEL PD

 

 

 

ATTENZIONE ATTENZIONE!!!
I lettori più avvertiti l'hanno già capito da tempo, ma quelli che rivestono cariche pubbliche, si sa, tendono ad avere più difficoltà: questo non è un blog del Partito democratico o di un suo circolo, ma uno spazio libero che ospita gli sproloqui di un pericoloso criminale:  Michele Cardulli, 40 anni, giornalista, militante del Pd, libero sproloquiatore, nonché teppista della parola.
Tal figuro, ed esclusivamente lui, è responsabile politicamente e penalme
nte del contenuto dei suo scritti. Per prenderlo a testate, lo potete incontrare nei corridoio del consiglio regionale, oppure al circolo Pd di Capannelle


 

IL VIDEO SUL CORTEO



 

DEMOCRATICAMENTE IN PIAZZA

 
 

PRIMARIE SEMPRE

 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Novembre 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30        
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

FACEBOOK

 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

vivereconilparcobrigantino2008ozieboo16gian.75mefbowlingdiana_89car.bricaporaso1989FrancescaFontanaroby_vannysabatini_mpinuchetrionfo74votattilio2008
 

ULTIMI COMMENTI

stesso problema, anche io sto a 50 mt da lidl e ho un...
Inviato da: marco
il 07/01/2013 alle 21:16
 
capisco la tua gioia nel poter rinavigare dopo tanto...
Inviato da: marco
il 29/03/2012 alle 19:20
 
Le dichiarazioni anticipate sui trattamenti sanitari hanno...
Inviato da: Anonimo
il 16/01/2010 alle 11:27
 
Finarmente uno che te dice le cose come sono, poi stà dalla...
Inviato da: Anonimo
il 22/07/2009 alle 14:11
 
Nessuna visibilità per Marino nella campagna per le...
Inviato da: Anonimo
il 18/07/2009 alle 17:32
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo i membri di questo Blog possono pubblicare messaggi e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

IN QUANTI SIAMO OGGI?

Web stats powered by www.wstatslive.com