Creato da Web_London il 15/04/2015

L'ora di follia

Come l'istinto quando si impone e la verità diventa brutale

 

« «Noi siamo i nostri limi...Certe volte hai solo bis... »

Diana - "Amarcord"

Post n°209 pubblicato il 12 Aprile 2016 da Web_London


Anche per oggi, questo è il Blog di Diana
Ola

Web. L.


...

Amarcord
By Diana

 

 

Ci sono giornate che sono fatte a posta per segnare un momento che rimarrà nella storia della vita.
Non che accada qualcosa di particolare. Semplicemente senti che stai per attraversare un confine, che qualcosa sta finalmente cambiando dopo tanto tempo che patisci, soprattutto l'impotenza.

Un'azienda che chiude è un lutto.
Combatti contro qualcosa che è talmente grande e assurdo, burocrazia, menti contorte per non definirle sadiche, e personaggi ambigui e pieni di livore verso il mondo.
In tutto questo, impantanata da quasi un anno, subisco i colpi affrontandoli con lo stoicismo di un obeso che vuole fare la IronMan.
Ogni giorno gli stessi rituali. Arrivare in ufficio, prendere le consegne, reprimere un moto di schifo e nausea, affrontare la vita e i suoi colpi.
Tornare a casa dolorante e stanca.
E pensare che rivoglio la mia vita, la mia tranquillità, il mio spazio.
A febbraio di quest'anno è andata via Miriam.
Lei era una donna davvero speciale.
Bella, di classe, intelligente, colta, divertente.
Una donna che a disegnarla ci riuscirebbe solo Leone Frollo.
Miriam, tanto tempo fa mi disse: "Diana la qualità della vita è più importante della vita stessa".
Aveva ragione.
A modo mio ho sempre investito nella qualità. Cercando di elevare me stessa, anche in modi non convenzionali.
Dopo la morte di mia mamma, ho promesso a lei e a me che avrei investito in emozioni, cultura, forza, struttura. Che la mia vita l'avrei vissuta in modo pieno, rendendola degna di essere raccontata.
Così è stato fino ad un anno fa. Il crollo di molte certezze, la paura per il futuro, momenti di prostrazione e scoramento.
Diventa complicato vivere emozioni. Il timore per l'avvicendarsi degli eventi, non permette di assaporare le belle cose. Non profondamente come vorresti.
L'alternativa è l'anestesia dei sentimenti.
E' per questo che se tutto non gira come una macchina ben oliata, non si gode della vita.
Se va male il lavoro, non si vive l'amore o la salute, se va male la salute, tutto entra in discussione, se va male l'amore...
Che ve lo dico a fare?
Ieri era una di quelle giornate dove il cambiamento era a un passo.
E per un istante ho quasi assaporato la libertà da questo giogo.
Stamattina però ero ancora qui, ad affrontare fornitori incazzati, un padre incapace di affrontare la realtà.
E la nostalgia di una vita.
Come lo zio Teo salirò su di un albero e urlerò...

"Ri_Voglio la mia vitaaaaa"

La mia fottuta vita di qualità.

Adesso.


...

 


Arctic Monkeys - I Wanna Be Yours

 

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/weblondon/trackback.php?msg=13386245

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
>> Turismo musicale su BLOGGO NOTES
Ricevuto in data 12/04/16 @ 21:58
Ieri sera sono andato in centro a Verona. In mezzo a centinaia di persone che si aggiravano per g...

 
Commenti al Post:
maresogno67
maresogno67 il 12/04/16 alle 22:43 via WEB
a in fondo la vita non altro che passaggi della mente,, ciao, gi
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 

ULTIME VISITE AL BLOG

peo1974Estelle_kalfonsomarrazzo59andrix110367je_est_un_autrelisa.dagli_occhi_bluamistad.siemprerealcarslascrivanaLequi_libristacassetta2NoRiKo564nadiaemanuUSAGA1
 

_____________________________

 
 

_____________________________