Creato da Web_London il 15/04/2015

L'ora di follia

Come l'istinto quando si impone e la verità diventa brutale

 

« 20132015 »

2014

Post n°581 pubblicato il 07 Giugno 2017 da Web_London
 
Tag: 2014

 

Il 2014 cominciò con la percezione che un altro bel pezzo della mia vita se ne fosse andato per sempre
Mio padre l'anno precedente, mia madre qualche anno prima
Fu strano cominciare l'anno senza di lui, fu strano ritovarmi dentro la casa in cui fino a soli pochi anni prima ci abitavamo in cinque
Furono strane tante cose nel 2014
Da un paio d'anni avevo con me vicino l'Orsetta ma l'ultimo pezzo della mia famiglia di origine se n'era andato lasciando un vuoto che forse non si sarebbe mai colmato

Sono due sono i ricordi più belli di quell'anno, il viaggio a Londra con il mio ometto e le vacanze a Firenze con l'Orsetta
Con l'ometto organizzammo all'ultimo momento, era il suo primo viaggio in aereo e la sua eccitazione era tanta
Anche la mia, del resto, era la prima volta che prendevo l'aereo con mio figlio e avevo voglia di fargli vivere una bella esperienza
La vivemmo bene, soggiornammo in una casa tipicamente "Inglish" che più Inglish non si può tenuta da una signora e dal suo compagno
Già io ci capivo poco con la lingua ma il mio ometto che già allora con l'inglese ci faceva a pugni, (dev'essere genetica sta cosa qui ...) ad ogni cosa che la padrona di casa gli chiedeva rispondeva sempre con un incerto "Thankyou"
Il bello è che lo diceva a "qualsiasi" cosa gli venisse chiesto!
Thankyou-Thanyou, ad ogni cosa!!
Mi viene da ridere ancora adesso quando ripenso alla volta che gli controllarono lo zainetto appena arrivati a Londra.
Avevano svuotato tutto e ci avevano fatto togliere le cinture, le scarpe e si sono messi pure passare il tampone antidroga sullo zainetto e lui era come incantato pensando di essere il protagonista di "Airport Security"
A me pareva un tantino esagerato passare il tampone allo zaineto di un marmocchio di 12 anni ma tantè, qella era la regola e lui si stava divertendo pensando fosse tutto un gioco
Si è solo un po' preoccupato ed è diventato serio quando, mentre controllavano lo zainetto, scherzando gli ho detto: "Se trovano qualcosa io dico che è roba tua e così ti tengono qui e ti mettono in prigione"
"Papi, non scherzare"

Ha capito subito che scherzavo anche se, secondo me, per un momento gli è tremato un po' il culetto
Ahahah!

Verso la fine dell'estate con l'Orsetta avevamo programmato di passare qualche giorno ad Assisi
Lei, stranamente, fino ad allora non ci era mai stata ed io avevo voglia di ritornarci.
Qualche giorno prima, invece, litigammo come non avevamo mai fatto fino ad allora
Di brutto per quel che mi ricordo io.
"Vado via da solo" continuavo a ripetermi, o almeno cercavo di convincermi
Ma intanto, continuavo a tormentarmi.
La mattina dopo, nervoso come un toro chiuso dentro una gabbia che scalcia per uscire, giravo per casa preso da qualche cosa che stava bruciando in fondo e mi consumava
Era un coltello che si stava piantando nella mia carne e nella sua
Mi resi conto che a quel punto erano solo due le cose da fare; o lasciavo che il coltello si piantasse fino in fondo a squartarci le carni così da stare ancor più male e il dolore poi ci avrebbe portato chissà dove, oppure si prendeva una decisione
Andai velocemente in camera, presi una valigia e cominciai a riempirla.
Lei non voleva venire?
Bene, allora io me la sarei andata a prendere a casa sua, che lei lo volesse oppure no
"Con la forza o con dolcezza, scegli tu!" mi veniva in mente mentre riempivo la valigia
Mi sarei andato a prendere quella donna a qualunque costo.
Che lei lo volesse oppure no.

Partimmo così, al'improvviso, due stracci dentro un borsone e ce ne andammo via insieme, destinazione Firenze
Mentre guidavo lei con il tablet cercava un albergo spulciando tutti i siti pensabili.
Alla fine trovò alberghetto a pochi passi dal centro di Firenze
Passammo in Toscana, a Firenze, cinque giorni meravigliosi
Visitammo dei posti da togliere il respiro
Ridemmo come pazzi.
Mangiammo indiano assieme agli indiani, mangiammo toscano con i toscani, provammo di tutto.
E passeggiammo per Ponte Vecchio come due ragazzini

Il 2004 passò, lasciò spazio a nuove cose, a nuovi giorni e poi lentamente si eclissò

...


Beatles
Penny Lane


La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/weblondon/trackback.php?msg=13534486

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
Nessun commento
 

ULTIME VISITE AL BLOG

ormaliberaSignorina_Golightlyandrix110367ena1971avv.nicastrononsonolei67carlo_lucianeimieipassiamberle80alle1975lananto65termoprogetrinaldi.giorgio1Estelle_knadiaemanu
 

ULTIMI COMMENTI

_____________________________

 


2007
         2008

2009          2010

2011          2012

2013          2014

2015          2016

2017          2018

2019          2020