Creato da Web_London il 15/04/2015

L'ora di follia

Come l'istinto quando si impone e la verità diventa brutale

 

« Invece del brutale elett...Al limite del piacere, a... »

Ai suoi fans importa poco cosa dice, come ad un Messia dei giorni nostri gli si chiede solo che dica qualcosa, qualsiasi cosa

Post n°772 pubblicato il 21 Luglio 2020 da Web_London


... e poi capita che ai Telegatti del 2006 gli diano una chitarra in mano e lui, con l'aria di quello che passa di lì per caso, cominci a intonare Sally lasciando il pubblico e chi guardava la tele da casa a bocca aperta e incredulo a quello a cui stava assistendo.
Tanta roba...

...

Pur avendolo amato molto per un bel pezzo della mia vita, specialmente in gioventù e riconoscendogli di essere una spanna sopra la maggior parte dei suoi colleghi, ultimamente ho l'impressione che al Vasco Nazionale non interessi più granchè avere qualcosa da dire, specialmente nei testi.
Lui sa, eccome se lo sa, che se cantasse la ricetta del baccalà alla Vicentina la "sua gente" ai suoi affollati concerti urlerebbe comunque "Mitico!" "Grande!" "Unico!" trovandoci un messaggio nascosto e una metafora di vita anche sulla ricetta del baccalà.
Ci scommetterei una mano, definirebbero la ricettà del baccalà un testo che "mette i brividi" esattamente come mette i brividi a me mangiare il baccalà con la polenta e qualcuno arriverebbe perfino a identificarsi nella ricetta del baccalà e considerarla come l'evoluzione naturale della sua storia, una specie di seguito naturale di "Siamo solo noi".

Metteteci poi una melodia indovinata, una solida base ritmica da far tremare i muri, una chitarra ispirata e un buon sax, et voilà, ecco un nuovo pezzo su cui la "sua gente" si strapperà i capelli giurando sui figli che anche questo pezzo gli ha "sconvolto la vita"
(è la ricetta del baccalà, non dimentichiamolo ...)

Secondo me Vasco si diverte un mondo a vedere come la "sua gente" lo adori e lo idolatri a prescindere da quello che canta, che sia un testo meraviglioso e originale come ne scriveva a quintali in passato oppure la ricetta del baccalà alla Vicentina.
Ai suoi fans importa poco cosa dice, come ad un Messia dei giorni nostri gli si chiede solo che dica qualcosa, qualsiasi cosa.
E loro dietro.
E sospetto che qualche volta lui, "il Messia" gli piaccia un mondo e gongoli come un bambino a vedere tutta la sua gente dentro San Siro pieno all'inverosimile a cantare a squarciagola assieme a lui la ricettà del baccalà.
(tutti in coro a cantare: "Mettere a mollo il baccalaaaà" ... "fuoco lentooo" ... "la polentaaaa" ...^_^)

Mah, che dire, alla fine della fiera penso che Vasco e Ligabue resteranno ancora per un bel po' di tempo i Re del rock italiano, due fuoriclasse come ce ne sono pochi, un po' come lo erano Coppi e Bartali, acerrimi avversari sulla strada ma che in fondo sapevano riconoscere l'uno il valore dell'altro.
Cosi è tra il Vasco nazionale e il Liga nostrano, dicono che non si possano vedere ma io non ci credo; credo invece che se si potesse andare un po' più in profondità scopriremo che, sorprendemente, al di la della loro insofferenza dell'uno verso l'altro, c'è del rispetto e una qualche forma di stima anche se, il sospetto è forte, mai, memmeno sotto tortura, lo ammetterebbero.

Vabbè dai, qui sotto adesso c'è Checco Zalone che centra alla perfezione il Vasco Nazionale degli ultimi anni
Preciso, diretto, perfetto!

E poi ditemi che non è così!


...



Checco Zalone

Vasco Rossi by Zelig

 

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/weblondon/trackback.php?msg=15040967

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
Utente non iscritto alla Community di Libero
Mat il 22/07/20 alle 14:08 via WEB
Ciao Web, grande Checco… Concordo sul fatto che Vasco e Liga restano tra gli autori e i rocker italiani più grandi e li apprezzo entrambi, pur essendo cresciuto a pane nutella e Vasco. Per quanto riguarda il baccalà, credo sia abbastanza comune in tutte quelle personalità che diventano in qualche modo degli idoli, non solo musicalmente. Se però torno indietro con i primi album che ascoltavo forse Vasco è il più coerente fin dal inizio. Pensa a canzoni come "per querllo che ho da fare" o "sono ancora in coma" sono canzoni che il senso glielo davamo noi perché, come dice lui, senso non ne han.. Buon pomeriggio e non ti curar di loro.. ;-)
 
 
Web_London
Web_London il 22/07/20 alle 18:02 via WEB
Ehi Mat, mi sa che io e te apparteniamo alla stessa generazione, come diceva Vasco, "generazione di sconvolti che non ha più santi ne eroi" ...:-)
Scherzi a parte, è vero, anch'io son cresciuto con quella musica lì e ricordo che andavo matto per i pezzi di quegli anni. Vasco mi stupiva smpre quando riusciva a fare dei pezzi completamente diversi tra di loro come "Fegato spappolato" e "Canzone", senza perdere di un millimentro la sua credibilità e restando sempre se stesso.
Un saluto
 
   
Utente non iscritto alla Community di Libero
Mat il 22/07/20 alle 21:12 via WEB
Mi sa anche a me che siamo più o meno "classe" ... già allora pendevamo dalle sud canzoni e aspettavo sempre il nuovo album per mettere la cassetta sullo stereo in spiaggia, magari con "colpa d'Alfredo" per scandalizzare i bagnanti. Mi sembra ieri che, a 17 anni, scappavamo da casa per vedere il nostro primo concerto a Zelarino. Un saluto e buona serata.
 
     
Web_London
Web_London il 22/07/20 alle 21:18 via WEB
A Zelarino??? Mio dio, ho visto un sacco di concerti al campo sportivo di Zelarino, ci passo davanti due volte al giorno, è più o meno vicino a casa mia! Ci andavo con qualche amico in motorino, ascoltavamo fuori, tanto si sentiva lo stesso, e a metà concerto aprivano i cancelli e ci facevano entrare gratis!!
Oi Mat, ma tu di dove sei di preciso?
 
     
Utente non iscritto alla Community di Libero
Mat il 22/07/20 alle 23:36 via WEB
Era il 3 agosto del 85... Ho ancora il biglietto...
 
neimieipassi
neimieipassi il 22/07/20 alle 18:13 via WEB
Eccolo, il baccalà alla vicentina XD mi era mancato :)) Grande Vasco, ho il biglietto per il suo concerto a Firenze del prossimo giugno
 
 
Web_London
Web_London il 23/07/20 alle 10:13 via WEB
Eheheh, quello, il baccalà intendo, non manca mai .. :-)
Un abbraccio ragassa ... :-)
 
Signorina_Golightly
Signorina_Golightly il 23/07/20 alle 08:03 via WEB
Mai riuscita a considerare Vasco Rossi e Ligabue i due grandi rocker italiani (aggiungo per completare la triade: mai riuscita a considerare la Nannini la rocker italiana). Per me, modesta opinione, sono rocker i personaggi, non la loro musica. Posto che qualche canzone riuscita l'han tirata fuori, per me non sono nulla in più di questo. (Ecco, ora mi prenderò le ire di entrambe le fazioni!) Detto questo, di Vasco Rossi amo C'è chi dice no, Brava Giulia e Gli Spari sopra (ma questa è una cover!)
 
 
Web_London
Web_London il 23/07/20 alle 10:15 via WEB
E secondo te io cosa dovrei fare adesso?
Invitarti gentilmente con le buone a uscire da questo blog oppure metterti in lista nera permanente??
Ahahahah, ma va bene cosi dai, evviva la tua sincerità!!!
Un saluto anche se non lo meriteresti mica sai .... :-) :-)
 
   
Signorina_Golightly
Signorina_Golightly il 23/07/20 alle 13:35 via WEB
Mannaggia, lo sapevo che con la mia lingua biforcuta mi giocavo il web! Però so ascoltare un terrapiattista che mi espone le sue teorie senza mandarlo al diavolo. Lo giuro! Vale come contrappeso?
 
     
Web_London
Web_London il 23/07/20 alle 20:16 via WEB
Ahahah, evabbè dai, se sei riuscita ad ascoltare un terrapiattista senza fiatare chapeau, io non avrei resistito un minuto ... :-)
 
 
cassetta2
cassetta2 il 09/08/20 alle 19:30 via WEB
Sottoscrivo appieno.
 
maresogno67
maresogno67 il 04/08/20 alle 10:56 via WEB
da sempre per scelta mi appassionano le canzoni e quello che ci vedo dentro, per quanto concerne chi le scrive rispetto le loro storie, ma nulla piu'. ciao, gi
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 

ULTIME VISITE AL BLOG

andreawolf13nadiaemanulb.architettodaunfioreoltre.lo.specchioNoRiKo564Web_Londonuldankbluiceeeandrix110367david2600b.fulliFerramenta_SarolliEstelle_k