Poesia: la befana

Poesia: La befana

 

Cara adorabile vecchina dai capelli neri

Che voli sulla scopa tra l’oggi e lo ieri

del 5 gennaio nella notte buia

e tra quella del 6 sempre in fretta e furia

 

per portare i regali a  tutti noi

se ci consideri bravi lo sapremo poi

Sai ti vogliamo bene cara strega befana

Dai forza anche se sei un po’ anziana

 

sei vestita come sempre di una ampia gonna

sulle spalle hai uno scialle come la nonna

un cappello nero oppur un foulard sulla testa

Con le scarpe grosse ma sei sempre desta

 

E voli a cavallo di una scopa in pieno gennaio

Nel cielo freddo notturno come dice il calendario

Dai appendiamo tutti la nostra calzina

Che non sia ne troppo grossa ne troppo piccolina

 

Un po’ piccola per non fare la figura dell’esagerato

Ma anche un po’ grande per non essere al gioir  negato

La appendiamo vicino alla stufa o al camino

Aspettando regali, dolciumi e qualche cioccolatino

 

Cosa ci porterà la cara befana

Forse una filosofia più buona ancor più umana

Che della fantasia ci sia sempre il bisogno

E che bisogna credere anche ad ogni sogno

 

Oppur dolci e giocattoli e qualche torrone

Se siam stati cattivi invece legno e nero carbone

 

Sai ti vogliamo ugualmente bene cara vecchina

Questo perché assomigli alla nostra nonnina

 

Per la gioia di qualche bambinetto

Che sia felice anche se è un poveretto

Come hanno fatto i magi ed anche tu

Che han portato regali al bambino e di più

 

I giorni di festa tutti quanti ce li porta via

Ma torneranno un domani per tutti e chicchessia

A voi l’augurio comunque di una bella epifania

Da viver tutti in buona e allegra compagnia

 

Fine

Milano, 30 Maggio 2009

Autore: Egidio Zippone

 

Poesia: la befanaultima modifica: 2019-03-15T11:01:02+01:00da scrittore59

Lascia un commento

Se possiedi già una registrazione clicca su entra, oppure lascia un commento come anonimo (Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog).
I campi obbligatori sono contrassegnati *.