0Si è staccato da tutto e ha vinto tutto: il vero me.0

giudizio
Share via emailSubmit to redditShare on Tumblr

 

 

Storia della bambola del sale

Negli ultimi tempi abbiamo dedicato le nostre riflessioni quasi esclusivamente alle questioni ambientali e alle sfide che il cambiamento climatico comporta per il futuro della nostra civiltà, della produzione e del consumo.

Non è questo il motivo per cui dobbiamo trascurare i problemi quotidiani, la continua costruzione della nostra identità e la formazione del nostro senso dell’essere. È un compito che non finisce mai. Ci sono diverse sfide in esso, due delle quali ci sfidano in modo permanente e dobbiamo affrontarle: l’accettazione dei propri limiti e la capacità di distaccarsi.

Viviamo tutti in una situazione esistenziale che, per sua stessa natura, è limitata nelle possibilità e impone a noi barriere di ogni tipo, luogo, professione, intelligenza, salute, economia, tempo. C’è sempre un divario tra il desiderio e la sua realizzazione. A volte ci sentiamo impotenti nei confronti di fatti che non possiamo cambiare, come la presenza di uno schizofrenico con i suoi alti e bassi o quello di un malato terminale. Dobbiamo rassegnarci a questa limitazione ineludibile. Non è questo il motivo per cui dobbiamo vivere tristi o impediti dal crescere. Devi essere rassegnato in modo creativo. Invece di crescere, possiamo crescere interiormente, mentre creiamo un centro dove tutte le cose si uniscono e scopriamo come possiamo imparare da tutto. Ben detto saggezza orientale: “Se qualcuno sente profondamente l’altro, lo percepirà anche se si trova a migliaia di chilometri di distanza ». Se ti modifichi nel tuo centro, nascerà in te una fonte di luce che irradierà agli altri.

L’altro compito dell’auto-realizzazione è la capacità di distaccarsi. Il Buddismo Zen pone come prova della maturità personale e della libertà interiore la capacità di staccare e prendere congedo. Se guardiamo da vicino, il distacco appartiene alla logica della vita: abbiamo salutato il grembo, poi l’infanzia, la gioventù, la scuola, la casa di famiglia, i parenti e amata. In età adulta abbiamo salutato posti di lavoro, le professioni, il vigore del corpo e la lucidità della mente, che sono indossati irrefrenabile di dire addio alla propria vita. In questi addii ci stiamo lasciando alle spalle un po ‘di noi stessi.

Qual è il significato di questo lento addio al mondo? Mera irreversibile fatalità della legge universale di entropia? Questa dimensione è indiscutibile, ma non sarà che mantiene un significato esistenziale, che deve essere esplorato dallo spirito? Se fenomenologicamente siamo un progetto infinito e un vuoto abissale che grida per pienezza, non essere distaccato significa creare le condizioni per un Maggiore che viene a riempirci? Potrebbe essere che l’Essere Supremo, fatto di amore e di gentilezza, ci stia portando via tutto per poter ottenere tutto, oltre la vita, quando la nostra ricerca riposerà finalmente?

Quando perdiamo, vinciamo e quando ci svuotiamo ci riempiamo. Alcuni dicono che questa era la via di Gesù, del Buddha, di Francesco d’Assisi, di Gandhi e di Madre Teresa, tra le altre persone.

Forse una storia degli antichi maestri spirituali chiarisce il significato di questa perdita che si trasforma in guadagno.

«C’era una volta una bambola di sale. Dopo aver fatto un pellegrinaggio attraverso terre aride, è venuto a scoprire il mare che non aveva mai visto prima ed è per questo che non riusciva a capirlo. La bambola del sale gli chiese: «Chi sei?» E il mare gli rispose: «Io sono il mare». La bambola di sale tornò a chiedere: «Ma cos’è il mare?» E il mare rispose: «Sono io». “Non capisco”, disse la bambola di sale, “ma mi piacerebbe molto capirti. Cosa posso fare? “Il mare ha semplicemente detto:” toccami “. Poi la bambola di sale, timidamente, toccò il mare con le punte dei piedi e notò che stava cominciando a essere comprensibile, ma poi si rese conto che la punta dei suoi piedi era scomparsa. “O mare, guarda cosa mi hai fatto!” E il mare gli rispose: “Mi hai dato qualcosa di te e ti ho dato comprensione. Devi dare tutto per capire tutto ». E la bambola di sale cominciò lentamente ad entrare nel mare, lentamente e solennemente, come qualcuno che sta per fare la cosa più importante della sua vita. Mentre entravamo, stavo anche diluendo e comprendendo il mare sempre di più. La bambola del sale continuava a chiedere: “Cos’è il mare?” Fino a quando un’onda lo coprì completamente. All’ultimo momento, prima di dissolversi nel mare, poteva ancora dire: «Sono io».

Si è staccato da tutto e ha vinto tutto: il vero me.

0Si è staccato da tutto e ha vinto tutto: il vero me.0ultima modifica: 2017-11-03T14:01:45+01:00da UNICAMENTEROMANA