Otaku per caso: impressioni su ANGEL SANCTUARY

 

Alexiel-angel-sanctuary

Alexiel, l’angelo organico.

Voi, che tingete il mare del colore dello zinco, che trasformate il bosco in un deserto giallo e il vento in un fumo da polvere da sparo, che bruciate il cielo…
Voi, che cercate di ripetere l’atto malvagio di Lilith, la donna senza limitazioni, che fu la prima moglie di Adamo e diventò sposa del Diavolo…
Voi che tentate di ripetere la rivolta provocata da quello splendido Lucifero che era… il più brillante nel cielo… Ascoltate l’afflizione della sottospecie alata che vola alta nel cielo.

[incipit del manga]

 

Angel Sanctuary è stato uno dei primi manga che ho letto e devo ammettere che mi è piaciuto nonostante tutto. Anche se la trama è piuttosto contorta, mi sono piaciuti i temi forti trattati, i tanti personaggi secondari e i disegni molto dettagliati. Mi è piaciuto in un certo senso la messa in discussione del concetto bene-male, gli angeli che si comportano da demoni e viceversa. Ciò che mi è piaciuto meno probabilmente è l’anime, anche se riporta fedelmente i primi 5 capitoli del manga. Non mi è piaciuto proprio il non proseguimento che a mio modesto dire andava sicuramente fatto. Quindi dovendo esprimere un parere complessivo direi che la sufficienza è meritata.

 

GIUDIZIO PERSONALE: 6.5/10

 

Otaku per caso: impressioni su ANGEL SANCTUARYultima modifica: 2017-09-18T15:58:09+02:00da AleKuroNeko

2 thoughts on “Otaku per caso: impressioni su ANGEL SANCTUARY

Lascia un commento

Se possiedi già una registrazione clicca su entra, oppure lascia un commento come anonimo (Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog).
I campi obbligatori sono contrassegnati *.