una corretta comunicazione

8_136_20160418093402

In un momento in cui servirebbe soprattutto un’informazione chiara e corretta, quello che mi preoccupa di più è l’estrema confusione generata proprio dai media perché quando si parla di stragrande maggioranza di regioni rosse sento tanti anziani che dicono: “finalmente!”.
Spieghiamogli che “regioni rosse” non ha nulla a che vedere con quello che intendono loro, ma solo e, purtroppo, col Covid.
Così come, quando si parla d’intensificare la campagna vaccinale sento tanti, stavolta giovani, che dicono: “ma come si fa ad intensificarla se poi ci fanno stare chiusi in casa?”.
Spieghiamogli che si parla di campagna “vaccinale”. Con due ci, non con la gi.
una corretta comunicazioneultima modifica: 2021-03-25T15:42:24+01:00da arienpassant

7 pensieri riguardo “una corretta comunicazione”

    1. …dei sogni e nei casi più gravi della speranza. Oggi parlavo con due commercianti, hanno preferito sospendere il giudizio. Quando la gente non ha più neanche la voglia di commentare, capisci che i più fortunati sono quelli che hanno fede.

        1. hahahah geniale, l’avevo dimenticata…ok, gli scemi del villaggio hanno la prerogativa e la fortuna di non accorgersi di nulla e fanno gruppo a sé, ma chi ha fede ha comunque un aiuto non da poco. Quelli che invece la fede non l’hanno, nei momenti peggiori, possono fare affidamento solo su se stessi, e non sempre può bastare…

  1. Hai fatto il punto. G, ancora una volta. Solo a te poteva venire in mente una roba del genere che ha almeno il merito di sdrammatizzare una situazione che si è fatta davvero pesante. 🙂

Lascia un commento

Se possiedi già una registrazione clicca su entra, oppure lascia un commento come anonimo (Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog).
I campi obbligatori sono contrassegnati *.