La penombra tra due pagine

La mano dorme abbandonata sulle lenzuola, stringe un libro che racchiude un dito, l’indice rimasto lì a tenere il segno, a far compagnia alle parole mentre il resto del corpo sogna, e quel dito immobile nella penombra tra due pagine, quel segnalibro di carne e nervi annidato tra pareti di carta e inchiostro, passerà la notte a consultare al tempo stesso la riga che lo schiaccia, “amo da sempre, e non ho mai amato nessun’altra“, e la riga su cui poggia, “abbandonata quando avevo più bisogno di aiuto“, a interrogarsi sul loro rapporto, a cercare di conciliare istanze che persino a un dito paiono incompatibili, ma verso l’alba ecco un leggero smuoversi del corpo che dorme, e l’indice scivolare di qualche riga verso la soluzione del dilemma, o forse il suo complicarsi per sempre, poiché la pagina che si specchia sull’unghia dice “Adesso vedrai se non è vero che io“, e quella sotto il polpastrello annega in una distesa di bianco.

Sergio Claudio Perroni

La penombra tra due pagineultima modifica: 2019-06-20T15:26:32+02:00da hyponoia

6 pensieri riguardo “La penombra tra due pagine”

  1. Amore non fa differenza tra meriti e demeriti, bisogni e opulenza…sono i suoi surrogati che distinguono i primi dai secondi, ovvero “ti amo” finché non diventi un peso e in tutti gli altri casi bene che ti vada, ti tollero.

  2. “ti amo” finché non diventi un peso e in tutti gli altri casi bene che ti vada, ti tollero…

    … ahahah se ti leggesse Perroni, direbbe che tu comperi i suoi libri online per non farti riconoscere.

  3. E passarono giorni ed altri giorni
    dove il piacere sottile di far compagnia alle parole
    di accarezzarle
    di scivolare di qualche riga fra due lenzuola di carta
    si fece sempre di più prigione in una penombra eterna.
    Quel segnalibro di carne e nervi
    esausto le promise
    “se esco da qui so io dove te lo ficcherò”
    di nuovo segnalibro sarò
    fra due pagine di carne, però.

Lascia un commento

Se possiedi già una registrazione clicca su entra, oppure lascia un commento come anonimo (Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog).
I campi obbligatori sono contrassegnati *.