Amore ed eros atto terzo

Share on Facebook

Le foto di questa anziana coppia sono una prova d'amore davvero commovente - Page 2 of 2

Snobbato dagli intellettuali e ai misogini inviso, il romanzo rosa si prende la rivincita grazie all’iniziativa editoriale di Lidia Ravera che ha creato una collana, Terzo Tempo, dedicata all’amore over 60. Spiega:

In Italia gli over 60 sono quasi il trenta per cento della popolazione. Eppure, non c’è una narrazione che veda gli ultrasessantenni protagonisti di una storia d’amore. I protagonisti delle storie d’amore hanno sempre vent’anni. Terzo Tempo nasce per modificare l’immaginario collettivo: racconta storie di amore e di eros felice fra over 60 perché si sentano forti abbastanza per inventare un nuovo linguaggio dei corpi, un nuovo galateo dei sentimenti, nuove cerimonie di coppia. Perché si riesca finalmente a immaginare un’eterna primavera delle emozioni, libera dagli stereotipi che rendono – soprattutto per le donne – così malinconico non essere più giovani. Per me avere ideato e curato questa collana è un gesto politico“.

Ne è passato di tempo da Porci con le ali, un libro che i giovani di oggi neppure capirebbero, perché tutto il loro sperimentare non è altro che un’emulazione dei video di Pornhub (per tacere dell’impegno politico che se c’è, è servo del populismo o dell’estremismo). Comunque, meglio tesaurizzare queste parole di Lidia Ravera:

“Vuoi una vita che duri tutta la vita. Ne hai diritto. E vuoi immaginarla, la penultima parte, e poi anche l’ultima. Vuoi sognarla. Perché si incomincia immaginando e sognando. E poi le cose accadono”.

Il sesso dopo i sessanta, più facile più appagante

Share on Facebook

Gianluca-Gambino-a.k.a.-Te-Nia

Lidia Ravera, ora nelle librerie con il romanzo Il terzo tempo, rassicura sui benefici psicologici e fisici del sesso nella terza età. Cito:

Un uomo è un uomo, una donna è una donna. La vecchiaia non è una categoria, non ci trasformiamo in un unicum, in un cliché. Non bisogna averne paura, né negarne l’esistenza. Io sono molto più allegra ora, lavoro, corro 40 chilometri a settimana, esco tutte le sere. Anche gli uomini finalmente hanno più tempo, diventano una compagnia migliore. Si è più liberi. Costanza, la protagonista del mio Il terzo tempo si paragona a una foglia secca che non ha più l’obbligo di essere alimentata dalla linfa, si stacca dall’albero, può essere calpestata è vero, ma ha la possibilità di volare”.

Dunque, messa al bando l’ansia da prestazione con, in più, una maggiore consapevolezza di se stessi, il sesso per gli over sessanta non dovrebbe costituire un problema né a livello psicologico né a livello fisico. A me sembra la scoperta dell’acqua calda perché gli anziani hanno sempre fatto sesso, solo che fino a qualche decennio fa non se ne parlava.

Preferisco la Lidia Ravera di Porci con le ali: sebbene troppo intellettualoide perché la sua Antonia risultasse credibile fino in fondo, qualcosa la imparammo tutti. Soprattutto come camuffare la copertina del libro per sottrarlo alla censura genitoriale.