Le bariste servono in bik. ini: il bar accusato di sfruttamento delle donne

slider-img-4 (1)Indossano mini sl. ip e adesivi sui se. ni: sono le bariste del Bik. ini Bean Espresso. Il locale ha riscosso molto successo sui social media per il codice di abbigliamento previsto, ma un consigliere di Washington ha accusato la catena di sfruttamento del corpo femminile.
I clienti vengono attirati da donne bellissime e semi nu. de in un’attività che ha diverse filiali in giro per gli Stati Uniti. Sul web ha anche guadagnato cinque stelle per il servizio. L’imprenditore Carlie Jo difende il bar con orgoglio sostenendo che non è un passo indietro nell’affermare i diritti delle donne e la parità di genere, ma un mezzo per ribadire il potere femminile. Il modello di business ha successo sui social media e gli internauti non fanno altro che apprezzare le forme del personale.

Le bariste servono in bik. ini: il bar accusato di sfruttamento delle donneultima modifica: 2017-03-20T02:57:50+01:00da cristina_a2016

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Se possiedi già una registrazione clicca su entra, oppure lascia un commento come anonimo (Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog).
I campi obbligatori sono contrassegnati *.