Tea Falco pronta per ‘1993’: “Le critiche non mi interessano, vado avanti”

1429268140_c0796ab600Cento progetti, mille sogni e una nuova avventura a puntate in arrivo. Tea Falco sta vivendo un periodo d’oro
in attesa dell’arrivo in tv di 1993, sequel di 1992 con Stefano Accorsi, in onda il 16 maggio su Sky Atlantic
HD.
Al Cortinametraggio ha ripercorso il suo viaggio artistico prima di tornare nei panni di Bibi Mainaghi, un
ruolo che l’ha resa un caso mediatico. Che si ami o che si odi il suo personaggio, una cosa è certa: non si può
far a meno di parlare di lei. Che cosa ci si aspetta da “1993”? «Se 1992 era bello allora 1993 lo sarà ancora
di più. E non ho alcun timore a tornare ad essere Bibi, nonostante le critiche. Ognuno deve esprimere il suo
giudizio, d’altronde viviamo in un paese libero, ma io ho deciso di non leggere quello che si dice di me».
Perché? «L’educazione ricevuta in famiglia mi ha insegnato che non si devono ferire gli altri e che una critica
è giusta se è volta ad un miglioramento». L’hanno criticata per la pronuncia. «Ho cercato di fare qualcosa di
nuovo, con una voce diversa dalla mia, ed è stato un percorso che in pochi attori fanno ed evidentemente non
sempre viene apprezzata una novità ma per ottenere un cambiamento prima o poi questo scontro con il vecchio
serve». Ha sempre tanti progetti in ballo, non sarà mica iperattiva? «No, ho un deficit d’attenzione quindi mi
stufo in fretta. A breve debutto alla prima regia nel documentario di Sky Arte Ceci n’est pas un Cannolo,
parafrasando Magritte, un esperimento sociale su uno spaccato della Sicilia». Quando ha deciso di fare
l’attrice? «A quattro materie dalla laurea a Catania mi sono chiesta: “Che sto facendo?”. E ho mollato tutto,
fidanzato incluso, per andare a Roma». Prossima tappa? «Mi divido tra Francia e Los Angeles, vorrei lavorare
con i più grandi, come Javier Dolan e i Coen, Garrone e Sorrentino o magari di nuovo per Bertolucci».

Tea Falco pronta per ‘1993’: “Le critiche non mi interessano, vado avanti”ultima modifica: 2017-04-12T01:11:28+02:00da cristina_a2016

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Se possiedi già una registrazione clicca su entra, oppure lascia un commento come anonimo (Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog).
I campi obbligatori sono contrassegnati *.