“Dottoressa, avanti! Si cali le mutande”. Cristiana, perquisita e umiliata al concorso per magistrati

Cristiana-Sani“Agli scritti del concorso di Magistratura succede che alcune agenti della Polizia penitenziaria decidano improvvisamente (senza alcun indizio e indistintamente) di rinchiudere una concorsista alla volta in un angolo del bagno e perquisirla”.
Inizia così il racconto di Cristiana Sani, 30 anni, laureata in Giurisprudenza e volontaria in un centro antiviolenza a Massa Carrara.
Il suo post su Facebook ha provocato reazioni e sdegno, tantissime le condivisioni e tantissimi i commenti. Cristiana racconta della perquisizione subita prima del concorso per Magistrati svoltosi a Roma, l’umiliazione avvenuta in bagno di fronte agli agenti della Polizia Penitenziaria.
“La perquisizione richiede di togliersi la maglia, allentare il reggiseno, calarsi i pantaloni. E tirarsi giù le mutande”, scrive la giovane. “Dottoressa, avanti! Si cali le mutande. Ancora più giù, faccia quasi per togliersele e si giri. Cos’è? Ha il ciclo, che non se le vuole tirare giù?!”.
Una “violenza”, come la definisce Cristiana, che avrebbe colpito anche altre concorsiste come lei. “Questo è quello che oggi è successo a me e ad altre mie colleghe. Ed ha solo un nome: VIOLENZA”.

“Dottoressa, avanti! Si cali le mutande”. Cristiana, perquisita e umiliata al concorso per magistratiultima modifica: 2018-02-02T01:50:34+01:00da cristina_a2016

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Se possiedi già una registrazione clicca su entra, oppure lascia un commento come anonimo (Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog).
I campi obbligatori sono contrassegnati *.