Coronavirus, Briatore boccia Conte: «Doveva dare soldi ai cittadini non ai sindaci. È uno scandalo»

Ospite ieri sera a Non è l’Arena, trasmissione condotta da Massimo Giletti su La7, Flavio Briatore non le ha mandate a dire ancora contro il Governo presieduto da Giuseppe Conte. «Ha dato 300-400 milioni, ma i soldi non doveva darli ai comuni ma direttamente ai cittadini con il telefonino – le sue parole – perché ai sindaci? La metà di quelli del Sud è commissariata».

5142130_1210_coronavirus_briatore_giletti_video

«Quand’è che questa gente riceve i soldi? Ne hanno bisogno domani. Gli autonomi, chi lavorava in nero, sono sempre esseri umani – ha detto Briatore – Non hanno più soldi perché non fanno nulla da mesi. I soldi vanno inviati col telefonino, non dati al sindaco: così aspetteranno un mese, un mese e mezzo, poi il sindaco li darà prima a chi lo ha votato, e dopo a chi non lo ha votato. È uno scandalo».

«400 milioni per 8mila comuni sono niente, sono 50mila euro per comune: togli quelli grandi che prendono la maggior parte dei soldi, i piccoli comuni prenderanno 15-20mila euro. Per quanto tempo possono sfamare le persone con questi pochi soldi? Non bastano, non servono a niente, lo Stato deve dare soldi alle aziende e non alle banche». «Io avevo 18 ristoranti, 12mila dipendenti, ho tutti in cassa integrazione: quando dovrò ripartire avrò bisogno di cassa e di tempo, ci vogliono almeno due mesi per ricominciare. Bisogna fare debito, dare i soldi adesso alle aziende, non tra due mesi quando sarà tutto chiuso», ha detto ancora.

Coronavirus, Briatore boccia Conte: «Doveva dare soldi ai cittadini non ai sindaci. È uno scandalo»ultima modifica: 2020-04-01T11:18:33+02:00da cristina_a2016

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Se possiedi già una registrazione clicca su entra, oppure lascia un commento come anonimo (Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog).
I campi obbligatori sono contrassegnati *.