San Valentino, da Verona a Orvieto fino a Sulmona: ecco i luoghi per celebrare l’amore

«Provo un incanto, in questo paese di cui non mi posso rendere conto: è come nell’amore; e tuttavia non sono innamorato di nessuno», dichiara Stendhal parlando dell’Italia. Romantico per suggestione il Paese lo è anche per storia e tradizione, letteratura e arte, tra scorci noti e altri che lo sono meno. Mete perfette per una fuga di coppia a San Valentino e non solo, tra palazzi e opere che custodiscono memorie di passioni godute, ma pure leggende, consuetudini e riti che hanno attraversato i secoli.

5016353_1640_san_valentino_viaggi_coppia

Dalla rosa Banksiae lutea, simbolo dell’amore ideale – cresce rapidamente e resiste in condizioni difficili – alle opere d’arte, è concepito per celebrare le varie fasi del sentimento il Giardino degli Innamorati, nel parco di Castel Trauttmansdorff, a Merano, che ospitò l’imperatrice Sissi.

IL MARMO
L’iter si apre con l’abbandono all’emozione, prosegue con la promessa – un cuore in marmo è lo scenario proposto per scambiarsi giuramenti passa poi al desiderio e al per sempre.

Ad Alassio, Savona, a celebrare il batticuore è lo storico muretto, ideato da Mario Berrino con Ernest Hemingway, impreziosito da ceramiche con riproduzioni di autografi di personaggi noti e dalle opere Les amoureux di Raymond Peynet, Innamorati di Eros Pellini, Cicogne di Umberto Mastroianni. Qui anche la cassetta della posta del concorso la più bella lettera d’amore che a San Valentino si riempie di missive da tutta Europa.

A Milano, l’appuntamento è alla Pinacoteca di Brera, per Il bacio di Francesco Hayez, opera dal simbolismo articolato, divenuta icona dell’amore romantico. L’urgenza del sentimento è misurata dalle mani di lui sul viso della fanciulla e dall’abbandono di lei, prova di un desiderio malamente celato. L’amore è in mostra pure a Mantova, a Palazzo Te, opera di Giulio Romano, commissionata da Federico II Gonzaga per vivere la sua passione con Isabella Boschetti. Nella Camera di Amore e Psiche, la storia tratta da Le Metamorfosi di Apuleio.

LA DIVINA COMMEDIA
A Gradara, Pesaro e Urbino, leggenda vuole che la Rocca medievale sia stata teatro dell’amore tra Paolo e Francesca, cantato da Dante nella Divina Commedia: «Amor, ch’a nullo amato amar perdona/mi prese del costui piacer sì forte,/che, come vedi, ancor non m’abbandona». Orvieto, dal 14 al 16 febbraio, si fa teatro con Innamorati di Orvieto. Tra gli eventi, La Luna nel Pozzo: visita al Pozzo di San Patrizio, opera di Antonio da Sangallo il Giovane, performance e una luna calata nel Pozzo, eccezionalmente aperto dalle 22.30 a mezzanotte. In un itinerario sentimentale non possono mancare le mete classiche.

Ecco Verona, con il balcone di Giulietta. Ed ecco Venezia, tra gondole e canali, sulle orme di Casanova. Senza dimenticare Roma, dal Pincio a Fontana di Trevi e alla vicina Fontana degli Innamorati, la cui acqua garantirebbe un’unione solida ai fidanzati. Il sentimento è sicuro anche alla fontana dell’Acqua Acetosa, teatro degli incontri tra Ludwig I di Baviera e Marianna Florenzi, e alla fontana Carlotta, alla Garbatella, dove bere tre sorsi porterebbe fortuna alle coppie.

Sono storia e cinema a condurre a Rocca Calascio, in Abruzzo, che conserva memoria del set di Ladyhawke, diretto da Richard Donner. «Sempre insieme, eternamente divisi. Finché il sole sorgerà e tramonterà. Finché ci saranno il giorno e la notte», è l’incantesimo chiave della storia.

I CONFETTI
Nella regione merita una tappa pure Sulmona, per il rito del bacio sotto la statua di Ovidio pare assicuri felicità alle coppie – e per i confetti, simbolo di un dolce legame. Si tramanda che porti fortuna anche l’acqua della fontana degli Innamorati di Villa Lucia, a Napoli, voluta da re Ferdinando per celebrare l’amore con Lucia Migliaccio, duchessa di Floridia.

Nel marmo sono rappresentati Eros, dio dell’amore, e Imeneo, dio del matrimonio. A Vico del Gargano, in Puglia, tradizione vuole che il 14 febbraio gli innamorati mangino arance insieme. L’effetto sarebbe magico.

San Valentino, da Verona a Orvieto fino a Sulmona: ecco i luoghi per celebrare l’amoreultima modifica: 2020-01-30T22:19:11+01:00da giorgio662015
Share on Tumblr

Lascia un commento

Se possiedi già una registrazione clicca su entra, oppure lascia un commento come anonimo (Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog).
I campi obbligatori sono contrassegnati *.