Kelly Lebrock, “La signora in rosso”: «Dopo il film una vita impossibile»

Kelly LeBrock è diventata famosa con la sua interpretazione nel film “La signora in rossa”, con Gene Wider. La scena in cui una folata di vento alza la sua gonna è diventata leggendaria, ma la vita per Kelly LeBrock dopo la partecipazione alla pellicola, che poi si è rivelata una straordinario successo, è decisamente cambiata.

5537599_1645_kelly_lebrock_signora_in_rosso

Quando ha iniziato la carriera non era in cerca del successo: “Il successo fu accidentale – ha fatto sapere in un’intervista a “Chi” – avrei potuto fare film prima ma non ci tenevo. Nuotavo a buon livello, avevo avuto un’offerta dalla squadra olimpionica di nuoto inglese, ma non mi interessava. Non mi è mai interessata la ribalta. Il mio eroe da piccola era una zia suora, lei sì che faceva cose importanti”.

Ilaria D’Amico racconta il suo grave lutto: «La mia vita è cambiata per sempre»

Quando è esplosa la notorietà, sono arrivati i problemi: “Era un personaggio monodimensionale, una fantasia, che per me ha significato tre cose: una vita diventata impossibile, perché io ero timida e alle premiere mi venivano gli attacchi di panico; la possibilità di conoscere ai gala grandi personaggi e infine la determinazione a lavorare sempre più duro che mai perché la gente non si fermasse al mi aspetto esteriore”.

102604782-e19ff7ef-614c-4c08-852c-cca1450adadd

E la famosa scena della gonna non è stato affatto facile da girare: “Recitare quella scena iconica era un rischio, sul set quel giorno eravamo tutti nervosi. In più il vestito non si alzava bene, i tacchi mi si incastravano nella grata, sentivo su di me una tensione… E ho avuto un’illuminazione. Ho mandato una costumista in un sexy shop a comprarmi una cosa che ho poi infilato negli hot pants rossi sotto al vestito: al ciack, sollevando la gonna, tutti hanno visto che avevo preso un vibratore, sono scoppiati a ridere e da lì in poi niente tensione sul set”.

Kelly Lebrock, “La signora in rosso”: «Dopo il film una vita impossibile»ultima modifica: 2020-10-22T11:58:01+02:00da giorgio662015
Share on Tumblr

Lascia un commento

Se possiedi già una registrazione clicca su entra, oppure lascia un commento come anonimo (Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog).
I campi obbligatori sono contrassegnati *.