Meghan e Harry, il giallo del nome Lilibet: «Non hanno chiesto il permesso alla Regina». Ma arriva la smentita

La regina Elisabetta non sapeva che la sua undicesima pronipote, la figlia del nipote Harry e della moglie Meghan, si chiamasse Lilibet, come viene chiamata lei stessa in famiglia. Il duca e la duchessa del Sussex non le hanno infatti chiesto di poter usare per la propria figlia il nome affettuoso con il quale i suoi cari si rivolgono a sua maestà fin da quando era una bambina. Lo scrive la Bbc citando proprie fonti a Buckingam Palace, secondo le quali ”non è mai stato chiesto” alla regina nulla in merito.

60c07bcd3b00002800ec2603

L’origine del nome Lilibet
Il primo a chiamare la regina Elisabetta ‘Lilibet’ era stato suo nonno, il re Giorgio V, imitando i suoi tentativi di pronunciare correttamente il suo nome. La regina ha firmato come Lilibet la corona funebre per uno dei suoi amici più cari, Earl Mountbatten. Anche il defunto marito della regina, il duca di Edimburgo, la chiamava così.

La smentita
Una portavoce dei duchi di Sussex ha smentito oggi formalmente quanto riferito alla Bbc da una fonte ufficiosa di palazzo sul fatto che Harry e Meghan non abbiano chiesto il permesso alla regina Elisabetta di chiamare Lilibet la loro secondogenita e che anzi il nome non sarebbe stato neppure menzionato in una telefonata pure avuta da Harry con sua nonna. «Il duca – ha replicato la portavoce – ha parlato con la famiglia prima dell’annuncio, con sua nonna per prima. Nella conversazione ha comunicato di sperare di poter chiamare la figlia Lilibet in suo onore. Se ella non fosse stata d’accordo, il nome non sarebbe stato mai usato».

Meghan e Harry, il giallo del nome Lilibet: «Non hanno chiesto il permesso alla Regina». Ma arriva la smentitaultima modifica: 2021-06-09T12:07:19+02:00da giorgio662015
Share on Tumblr

One thought on “Meghan e Harry, il giallo del nome Lilibet: «Non hanno chiesto il permesso alla Regina». Ma arriva la smentita

  1. Cari Harry e Meghan ma chi ve lo ha fatto fare di chiamare la bimsa anche col nome della regina – assurdo che bisognava chiederle il permesso – bastava DIANA, alla faccia della regina, che DIANA non l’amava.

Lascia un commento

Se possiedi già una registrazione clicca su entra, oppure lascia un commento come anonimo (Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog).
I campi obbligatori sono contrassegnati *.