Diletta Leotta vittima di revenge porn: “Non respiravo più”

“Le mie foto in rete? È stato un momento tragico. Ho pensato che la mia vita fosse finita, che non sarei più uscita di casa perché all’idea che le persone potessero guardarmi, anche se avevo i vestiti, mi sentivo nuda.” Diletta Leotta si racconta in un’intervista a cuore aperto a Veronica Gentili durante la seconda puntata di “Buoni o Cattivi” (martedì 14 settembre su Italia 1), ripercorrendo una vicenda dolorosa.

Diletta-Leotta-1-1-630x410

E’ una donna di successo, stimata e ammirata, ma anche esposta agli insulti social, all’invidia e agli urli da stadio. Eppure, Diletta Leotta pare forte e intransigente mentre segue diretta la sua strada del successo. La conduttrice sportiva però ha anche le sue fragilità ed è stata messa a dura prova quando è stata vittima di revenge porn.

“Quel momento me lo ricordo benissimo. – racconta in tv per la prima volta la Leotta – Un mio amico mi ha detto che stavano girando delle mie foto, foto strane, e io ho risposto che sicuramente non erano mie, che non ero io, pensando a dei fotomontaggi. Lui mi ha mandato la prima foto e io ho sentito un vuoto dentro, mi si è bloccato il respiro credo per più di dieci minuti, non riuscivo proprio a respirare. È stato un momento tragico. Ho pensato che la mia vita fosse finita, che non sarei più uscita di casa perché all’idea che le persone potessero guardarmi, anche se avevo i vestiti, mi sentivo nuda. Quelle foto, in alcune ero ancora minorenne, erano foto che una ragazza si scatta con l’ingenuità di vedersi davanti a uno specchio, dopo la doccia. Non le avevo mai mandate a nessuno, erano all’interno del mio computer che è stato hackerato”.

Diletta Leotta vittima di revenge porn: “Non respiravo più”ultima modifica: 2021-09-14T17:34:22+02:00da giorgio662015
Share on Tumblr

Lascia un commento

Se possiedi già una registrazione clicca su entra, oppure lascia un commento come anonimo (Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog).
I campi obbligatori sono contrassegnati *.