Protocollo autoimmune di Sarah Ballantyne. Parte 1

La dottoressa Sarah Ballantyne spiega da un punto di vista scientifico l’impatto dell’alimentazione sulla nostra salute, in particolare sulle malattie autoimmuni, che lei stessa ha sperimentato.

Nel nostro tempo, le malattie autoimmuni sono diventate una vera e propria epidemia, con circa 50 milioni di persone che ne soffrono solo in America. Ma questa situazione non è fuori controllo. Lo sviluppo delle malattie autoimmuni dipende non tanto dalla predisposizione genetica (1/3 del rischio), ma dallo stile di vita, dall’alimentazione e dall’ambiente (2/3 del rischio). In effetti, vi sono prove crescenti che la dieta è uno dei principali fattori scatenanti per lo sviluppo di malattie autoimmuni, come nel caso del diabete di tipo 2, delle malattie cardiovascolari e dell’obesità.

Ciò significa che qualunque sia una malattia autoimmune, è direttamente correlata alle nostre scelte alimentari quotidiane e al nostro stile di vita in generale.

E la buona notizia, come avrete intuito, è che possiamo gestire e arrestare lo sviluppo di malattie autoimmuni modificando la nostra alimentazione abitudini e abitudini legate al sonno, al rilassamento e allo stress.

Ci sono oltre un centinaio di malattie autoimmuni confermate in totale e molte altre malattie che sono radicate nella risposta autoimmune. Le cause di tutte le malattie autoimmuni sono le stesse: il nostro sistema immunitario, invece di proteggerci dai “parassiti” che hanno invaso il nostro territorio, inizia ad attaccare le nostre stesse proteine, cellule e tessuti.

L’attacco di vari tessuti, cellule e proteine determina la natura della malattia e i suoi sintomi:

  • La tiroidite autoimmune (tiroidite di Hashimoto) colpisce la ghiandola tiroidea.
  • Nell’artrite reumatoide, tessuti articolari.
  • Nella psoriasi, proteine presenti nelle cellule della pelle.

In tutti i casi, la causa principale è la stessa. Il Paleo Autoimmune Protocol (AIP in breve) è una potente strategia che utilizza la dieta e lo stile di vita come strumenti di gestione per aiutare a porre fine agli infiniti attacchi del sistema immunitario e consentire al corpo di guarire.

Cos’è il protocollo autoimmune?

Come propaggine della dieta paleo, il protocollo autoimmune si concentra maggiormente sugli alimenti ricchi di nutrienti e su severe restrizioni sugli alimenti che promuovono le malattie.

Il cibo in questo protocollo è considerato in termini di effetto sul corpo: mantenimento della salute o peggioramento.

Alcuni alimenti ovviamente migliorano le condizioni del corpo, poiché contengono molti componenti utili e pochissimi (o nessuno) componenti che minano la salute: la carne è un buon esempio frattaglie, frutti di mare e la maggior parte delle verdure.

Alcuni gruppi alimentari, invece, lasciano molto a desiderare e contengono molti ingredienti problematici, come glutine, arachidi e la maggior parte dei prodotti a base di soia. Ma ci sono anche prodotti che stanno nel mezzo tra i due estremi. Alimenti come i pomodori, ad esempio, contengono nutrienti benefici insieme a diverse sostanze che stimolano la risposta immunitaria nel corpo (tali sostanze sono utilizzate nei vaccini per aumentare la risposta immunitaria all’immunogeno a cui era destinato il vaccino).

La principale differenza tra la dieta Paleo e il protocollo autoimmune è dove tracciamo il confine tra cibi consentiti e proibiti. Questa differenza dipende da la gravità della malattia Le persone più sane possono permettersi di più e viceversa. Puoi pensare al protocollo autoimmune come a una versione più selettiva della paleodieta, che presenta solo i chiari vincitori.

L’obiettivo principale del protocollo autoimmune è fornire al corpo sostanze nutritive e liberarlo dagli effetti di cibi indesiderati che innescano una risposta autoimmune. In questo protocollo utilizziamo il metodo dell’eliminazione di quegli alimenti che ci impediscono di essere completamente sani.

Tuttavia, dopo un periodo di restrizione, alcuni alimenti esclusi (soprattutto quelli ricchi di nutrienti), nonostante contengano componenti potenzialmente dannosi, possono essere restituiti alla dieta (maggiori informazioni su questo un po’ più tardi).

Spesso la dieta Paleo è vista come una moda passeggera e la prossima innovazione, ma ci sono molti studi che dimostrano l’impatto positivo di una tale dieta sulla salute. Questi studi confermano l’efficacia della dieta Paleo nella perdita di peso, nella gestione del diabete e mostrano anche il potenziale terapeutico delle malattie autoimmuni.

In uno studio recente, 15 pazienti con malattia infiammatoria intestinale attiva sono passati gradualmente a un protocollo autoimmune per un periodo di 6 settimane e hanno continuato a seguire questa dieta per 5 settimane ( infatti, hanno ricevuto il mio The Paleo Approach: How to Reverse Autoimmune Diseases and Heal Your Body, come fonte di informazioni sul protocollo). Di conseguenza, i miglioramenti si sono verificati dopo 6 settimane in 11 partecipanti su 15 (e questo è il 73%!) E la remissione è continuata durante l’esperimento (altre 5 settimane).

Come funziona il protocollo autoimmune?

Il Protocollo Paleo Autoimmune (di seguito AIP) affronta 4 aree principali che sono importanti nelle malattie croniche e autoimmuni. Sulla base di oltre 1200 studi scientifici, ho evidenziato le seguenti raccomandazioni:

  1. Saturazione nutrizionale.
    Il nostro sistema immunitario (e ogni altro sistema del nostro corpo) richiede un insieme specifico di vitamine, minerali, antiossidanti, acidi grassi essenziali e amminoacidi per funzionare correttamente. Le carenze e gli squilibri di micronutrienti sono fattori chiave nello sviluppo e nella progressione delle malattie autoimmuni. L’attenzione al consumo degli alimenti più ricchi di nutrienti consente di correggere le carenze e gli squilibri del sistema immunitario, ormonale, escretore e nervoso attraverso l’effetto sinergico di vitamine e minerali in eccesso. Inoltre, una quantità sufficiente di nutrienti contribuisce al ripristino del tessuto danneggiato dalla risposta autoimmune.
  2. Intestino sano.
    La disbatteriosi e la sindrome dell’intestino permeabile sono i principali fattori scatenanti nello sviluppo di una malattia autoimmune. I prodotti consigliati da AIP supportano livelli sani di microrganismi benefici. Sono completamente esclusi gli alimenti che danneggiano o distruggono la mucosa intestinale, mentre nella dieta sono inclusi i gruppi di alimenti antinfiammatori.
  3. Regolazione ormonale.
    Cosa mangiamo e come influisce su un numero enorme di ormoni che sono anche associati al sistema immunitario. Ad esempio, quando mangiamo troppo zucchero, sconvolge l’equilibrio degli ormoni e stimola il sistema immunitario. La nutrizione su AIP è costruita in modo tale da restituire l’equilibrio, influenzando contemporaneamente il sistema immunitario attraverso il sistema ormonale. Inoltre, gli ormoni associati al sistema immunitario dipendono dalla durata del nostro sonno, dal numero di ore trascorse all’aria aperta, dal tipo di attività di cui è piena la nostra giornata e dalla capacità di far fronte allo stress.
  4. Regolazione del sistema immunitario.
    La regolazione immunitaria si ottiene ripristinando la naturale diversità e abbondanza di microrganismi nell’intestino, ripristinando la barriera protettiva dell’intestino, fornendo nutrienti sufficienti per il sistema immunitario e anche regolando gli ormoni chiave che influenzano direttamente il sistema immunitario.

L’infiammazione fa parte di qualsiasi malattia cronica ed è un’area in cui gli alimenti possono fare un’enorme differenza. In alcuni casi, un sistema immunitario che non si autoregola correttamente provoca direttamente la malattia; in altri casi l’infiammazione è solo una parte della malattia, ma, in ogni caso, abbiamo la possibilità di aiutarci. Dando al sistema immunitario le risorse per autoregolarsi in modo sano, possiamo aiutare il corpo a entrare in una remissione duratura.

Le malattie croniche rispondono molto bene ai cambiamenti nello stile di vita e nell’alimentazione, motivo per cui è importante monitorare ciò che mangiamo, quanto bene dormiamo, quanto siamo stressati e quanto siamo attivi.

Il cibo ha un effetto terapeutico per qualsiasi caso cronico – questo è un dato di fatto, ma non confondere il cibo con la medicina. Il grado di influenza della nutrizione sul corpo – da un semplice miglioramento della qualità della vita, dalla sospensione dei sintomi alla completa cura della malattia, dipende dalla malattia stessa: da quanto tempo la combatti, quanto è aggressiva la malattia è e cos’altro hai a che fare lungo la strada.

Il cibo non è una pillola miracolosa per tutto, ma è uno strumento dannatamente potente che porta a risultati davvero impressionanti.

In AIP, la tua attenzione nelle scelte alimentari si sposta gradualmente verso quegli alimenti che contengono componenti che aiutano il corpo a regolare il sistema immunitario, riparare i tessuti danneggiati e liberarsi dell’infiammazione: proteine, carboidrati e grassi necessari per mantenere il normale metabolismo, costruire nuovi tessuti, produrre ormoni e molecole segnale; così come una gamma completa di vitamine, minerali e antiossidanti liposolubili e idrosolubili.

Continua qui.

Traduzione di Yulia Krasinskaya

 

Ti piacciono i nostri testi? Seguici sui social network per tenerti aggiornato su tutte le ultime e le più interessanti!

Instagram Facebook VK
Telegramma

Protocollo autoimmune di Sarah Ballantyne. Parte 1ultima modifica: 2023-11-30T05:35:02+01:00da eldonis032

Lascia un commento

Se possiedi già una registrazione clicca su entra, oppure lascia un commento come anonimo (Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog).
I campi obbligatori sono contrassegnati *.