C’è vita durante la menopausa 5 consigli per alleviare i sintomi della menopausa

Secondo le statistiche, all’età di 45-50 anni, la maggior parte delle donne va in menopausa. Per alcuni passa quasi impercettibilmente, mentre qualcuno lo sperimenta in modo molto acuto, cercando di far fronte a sensazioni spiacevoli, sbalzi d’umore, vampate di calore, perdita di forza, mancanza di libido e sudorazione notturna. Come prepararsi in anticipo alla menopausa per alleviarne i sintomi e cercare di godersi davvero la vita? Racconta Anna Ivashkevich, nutrizionista, membro dell’Associazione dei Medici di Medicina Integrale Preventiva e Anti-Aging “PreventAge”.

1. Sapere cosa aspettarsi

La menopausa è una parte naturale dell’aspetto riproduttivo della salute, ma se le madri di solito parlano delle prime mestruazioni con le ragazze e spiegano loro quali cambiamenti accadranno presto ai loro corpi e perché, allora qui di regola nessuno prepara le donne alla menopausa.

Una donna dovrebbe capire cosa succede quando arriva il momento – per lo meno, agirà in base alla situazione e risolverà i problemi man mano che si presentano. Per questo motivo, molti semplicemente non capiscono cosa devono affrontare e attribuiscono alcune manifestazioni alla normale stanchezza dovuta al lavoro, allo stress, all’assunzione di antibiotici o altri farmaci, all’esacerbazione di malattie croniche, ad esempio la cistite.

Le donne con menopausa precoce prima dei quarant’anni sono particolarmente vulnerabili a questo proposito, poiché a questa età è molto difficile sospettare i sintomi della menopausa – le donne semplicemente non lo fanno aspettatelo così prematuramente. Pertanto, è fondamentale prepararsi in anticipo per il passaggio alla menopausa, prima di tutto armati di tutte le informazioni necessarie. Cosa succede al corpo durante questo periodo? Perché le fluttuazioni ormonali influenzano così tanto il tuo benessere? Quanto durerà la ristrutturazione e cosa attende il corpo dopo la menopausa? Tutte queste sono domande assolutamente normali e non vergognose, il cui studio renderà più facile sopravvivere a una fase difficile.

2. Regola l’alimentazione

Molte donne sperimentano sovrappeso durante la menopausa, che spesso si trasforma in obesità, e sfavorevole – viscerale, che è associato ad un aumentato rischio sia di diabete mellito di tipo II che di malattie cardiovascolari e persino una serie di malattie oncologiche, come il cancro al seno e il cancro dell’endometrio.

L’aumento di chili di troppo è spesso associato a una diminuzione del livello di estrogeni, un ormone coinvolto nei processi di controllo del peso, nonché a un rallentamento del metabolismo e alla perdita di massa muscolare. Pertanto, il corpo ha bisogno di aiuto: riconsiderare la dieta abituale, introdurre più verdure e prodotti proteici, ridurre i carboidrati semplici, lo zucchero e l’amido, anche se prima si poteva facilmente mangiare qualsiasi cosa e non aumentare di peso.

3. Monitora lo stato vitaminico

Perché il sovrappeso è un fattore di rischio per la carenza di vitamina D, si consiglia alle donne durante la menopausa di monitorare il livello di questa vitamina e, se necessario, regolarlo. Inoltre, aumenta la probabilità di sviluppare osteoporosi postmenopausale e fratture.

Gli studi dimostrano che la vitamina D fornisce una mineralizzazione ossea di alta qualità, quindi gli integratori di calcio e vitamina D sono sempre prescritti per prevenire o curare l’osteoporosi. Particolarmente efficace < b >una forma idrosolubile di vitamina D che non richiede la partecipazione degli acidi biliari all’assorbimento, che è particolarmente importante per le donne con problemi digestivi.

Per prevenire la carenza e l’insufficienza di vitamina D, così come le donne con un livello indeterminato di questa vitamina, si raccomanda un’assunzione giornaliera di 1500-2000 UI, mentre è meglio scegliere un farmaco: in questo modo puoi essere certo che tutti gli standard qualitativi siano rispettati.

Inoltre, le vitamine A, E e C e l’acido folico diventeranno importanti oligoelementi durante questo periodo: hanno un effetto rinforzante generale sul corpo, aiutano a far fronte agli sbalzi d’umore e al gonfiore.

4. Fai lo sport giusto

Uno stile di vita attivo è utile non solo per stabilizzare il proprio stato psico-emotivo, ma anche per tenere sotto controllo il proprio peso. Non devono essere allenamenti estenuanti ed estenuanti: è meglio scegliere uno sport che ti permetta di mantenerti in forma e allo stesso tempo porti gioia e pace.

Il nordic walking si adatta bene: è un ottimo esercizio aerobico che brucia più calorie per ora di allenamento rispetto al classico jogging o al ciclismo, mentre il carico d’urto sulle articolazioni è notevolmente ridotto, e questo è di fondamentale importanza per coloro che sono a rischio di osteoporosi. Sono adatti anche yoga, acquagym, nuoto, lunghe passeggiate all’aria aperta, stretching.

5. Crea nuove abitudini e sbarazzati di quelle vecchie

I cambiamenti che si verificano con il corpo possono essere un’ottima ragione per riconsiderare il tuo stile di vita. Innanzitutto, è necessario normalizzare la routine quotidiana e dormire almeno otto ore. In secondo luogo, si consiglia di evitare sigarette, alcol, cibi piccanti e fritti, cacao, caffè e altre bevande energetiche, poiché aumentano le vampate di calore – improvvisi attacchi di calore, accompagnati da un battito cardiaco accelerato. Lo stesso vale per bagni caldi, bagni e saune, lunga esposizione alla luce solare diretta: tutto ciò rende le vampate di calore più intense.

È bene prendere l’abitudine di prestare attenzione a se stessi, soprattutto se prima si è trascurata la propria salute e il proprio benessere. Pianifica visite regolari dal ginecologo e dall’endocrinologo. Inoltre, vale la pena trovare il tempo che puoi dedicare solo a te stesso e ciò che porta piacere: fai un massaggio rilassante, prendi un hobby, vai dove desideri da tempo.

Un altro elemento importante in questo elenco sarà una “revisione” dei contatti sociali: è meglio evitare le persone tossiche che si rifiutano di accettare e comprendere i cambiamenti che ti stanno accadendo , almeno temporaneamente. Va ricordato che anche le persone più vicine potrebbero non essere pronte per i tuoi sbalzi emotivi, per il fatto che diventerà più difficile per te dare qualcosa che prima non ha causato difficoltà, quindi dovresti parlare francamente, ad esempio, con tuo marito e bambini e spiega loro cosa stai passando e come possono aiutarti.

C’è vita durante la menopausa 5 consigli per alleviare i sintomi della menopausaultima modifica: 2024-06-12T12:35:55+02:00da eldonis032

Lascia un commento

Se possiedi già una registrazione clicca su entra, oppure lascia un commento come anonimo (Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog).
I campi obbligatori sono contrassegnati *.