Sospesa la distribuzione del cocktail di anticorpi anti-COVID-2 di Eli Lilly negli Stati Uniti perchè non-efficaci nei confronti delle varianti brasiliana e sudafricana

COVID Anticorpi Monoclonali

Gli Stati Uniti hanno sospeso la distribuzione della combinazione di anticorpi anti-COVID-19 di Eli Lilly a base di Bamlanivimab ed Etesevimab fino a nuovo avviso, non funzionano contro le variante Gamma ( brasiliana ) e Beta ( sudafricana )

Secondo il CDC, la variante SARS-COV-2 Gamma, identificata per la prima volta in Brasile, e la variante Beta, originariamente emersa in Sudafrica, costituiscono, assieme, oltre l’11% dei casi sequenziati di coronavirus negli Stati Uniti.

L’incidenza di queste 2 varianti è in forte crescita.

Lilly era stata la prima Società farmaceutica a ottenere l’autorizzazione di emergenza della FDA per un anticorpo monoclonale anti-COVID-19.

I test in vitro hanno dimostrato che Bamlanivimab ed Etesvimab insieme non sono attivi contro nessuna delle due varianti.

Al posto della combinazione di anticorpi di Lilly, gli Stati Uniti raccomandano ai medic di passare ad altri anticorpali monoclonali autorizzati come il cocktail REGEN-COV di Regeneron e Sotrovimab di GlaxoSmithKline e Vir Biotechnology.

I dati dei test in vitro hanno dimostrato che REGN-COV e Sotrovimab possono mantenere attività contro entrambe le varianti Gamma e Beta

La notizia non è una sorpresa completa, poiché la distribuzione del cocktail di anticorpi di Eli Lilly era stata sospesa in numerosi Stati per il timore di ridotta efficacia contro le varianti.

Tuttavia, l’interruzione a livello nazionale è un duro colpo per la strategia a base di anticorpi monoclonali di Eli Lilly. All’inizio dell’anno, la Società prevedeva vendite da 1 a 2 miliardi di dollari per i suoi anticorpi contro il coronavirus. Durante il primo trimestre, la combinazione di Lilly ha registrato ricavi per 810 milioni di dollari.

Durante il quarto trimestre dello scorso anno, Lilly ha registrato vendite di anticorpi COVID per 871 milioni di dollari.

Nel frattempo, l’anticorpo COVID di Regeneron è andato avanti, ottenendo di recente l’approvazione della FDA per una dose più bassa e un’opzione di dosaggio per iniezione sottocutanea.

La concorrenza è aumentata con l’autorizzazione all’uso di emergenza di Sotrovimab di GlaxoSmithKline e Vir Biotechnology alla fine di maggio. ( Fonte. FiercePharma )

Virologia News

https://www.virologia.net
Virologia, le novità in Virologia. Virologia.net fornisce informazioni e aggiornamenti sulle Malattie virali. Papillomavirus, HIV, Virus epatite C, Herpes virus.

Sindrome respiratoria

Sindrome respiratoria mediorientale da coronavirus …

Virologia Farmaci

Newsletter Xagena. Aggiornamento in Medicina …

Infezione da SARS-CoV-2

Lopinavir – Ritonavir negli adulti ricoverati in ospedale con Covid …

Nevirapina

Terapie antiretrovirali in donne dopo esposizione a singola …

PegInterferone alfa-2a

Pegasys nel trattamento dei pazienti con co-infezione HIV …

Zovirax

Valaciclovir nel trattamento dell’herpes genitale e dell’herpes …

Valcyte

Virologia, le novità in Virologia. Virologia.net fornisce …

Viramune

Terapie antiretrovirali in donne dopo esposizione a singola …

Malattia di Kawasaki

Malattia di Kawasaki e COVID-19. La rapida diffusione della …

Coronavirus

Virologia, le novità in Virologia. Virologia.net fornisce …
Sospesa la distribuzione del cocktail di anticorpi anti-COVID-2 di Eli Lilly negli Stati Uniti perchè non-efficaci nei confronti delle varianti brasiliana e sudafricanaultima modifica: 2021-07-01T17:40:53+02:00da tiberis1

Lascia un commento

Se possiedi già una registrazione clicca su entra, oppure lascia un commento come anonimo (Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog).
I campi obbligatori sono contrassegnati *.