OMS: gli inibitori di IL-6 come salvavita nei pazienti con forma grave di COVID

RoActemra COVID.

L’OMS ha raccomandato gli inibitori di IL-6 come salvavita per la forma grave di COVID-19 – Actemra / RoActemra di Roche e Kevzara di Sanofi sono stati inclusi nelle linee guida aggiornate

L’OMS ha raccomandato gli inibitori dell’ interleuchina-6 ( IL-6 ) di Sanofi e di Roche come farmaci salvavita per il trattamento dei pazienti COVID-19.

Le linee guida aggiornate dell’OMS ( Organizzazione mondiale della sanità ) per la cura del paziente ora includono Actemra / RoActemra ( Tocilizumab) di Roche e Kevzara ( Sarilumab ) di Sanofi, per il trattamento dei pazienti gravi o in condizioni critiche con COVID-19, in particolare se somministrati assieme ai corticosteroidi.

Sia Actemra che Kevzara sono agonisti del recettore di IL-6 ( interleuchina-6 ) e sono più comunemente usati per trattare condizioni antinfiammatorie, inclusa l’artrite.

Si pensa che IL-6 svolga un ruolo nel guidare la risposta infiammatoria iperattiva nei polmoni dei pazienti affetti da COVID-19 in condizioni critiche e gravi.

Le raccomandazioni seguono i risultati di una meta-analisi di rete prospettica condotta dall’OMS, che ha anche preso in considerazione i dati di oltre 10.000 pazienti arruolati in 27 studi clinici.

Secondo le meta-analisi dell’OMS, quando Kevzara o Actemra / RoActemra vengono somministrati a pazienti gravemente affetti da COVID-19, questi farmaci possono ridurre il rischio di morte del 13% rispetto alle cure standard.

Inoltre, il rischio di aver bisogno di ventilazione meccanica tra questi pazienti critici diminuisce del 28% con il trattamento con inibitori di IL-6 rispetto alle cure standard.

Questi risultati si traducono in ben 28 decessi in meno ogni mille pazienti critici e 23 pazienti in meno su mille che necessitano di ventilazione meccanica.

All’inizio del 2021, uno studio condotto dall’Imperial College di Londra aveva anche scoperto che sia Actemra / RoActemra che Kevzara riducono il rischio di morte nei pazienti critici COVID-19. L’analisi dello studio REMAP-CAP aveva rilevato che sia Actemra / RoActemra che Kevzara avevano ridotto la mortalità dell’8.6%.

Inoltre si era visto che gli inibitori di IL-6 migliorano i tempi di recupero tra i pazienti gravemente malati di COVID-19.

La riduzione del rischio relativo di morte era stata del 24% quando somministrato ai pazienti entro 24 ore dall’ingresso in terapia intensiva.

In media, i pazienti trattati con questi farmaci erano stati in grado di lasciare la terapia intensiva circa una settimana prima di quelli non-trattati con questi farmaci. ( Xagena )

Fonte: OMS, 2021

FarmaExplorer

Farmaci News

https://www.farmaci.net
Farmaci e terapia farmacologica. Farmaci.net fornisce informazioni e aggiornamenti sui Medicinali.

Fondaparinus

Il Network Xagena utilizza i cookies per offrirti un …

Isavuconazolo

Cresemba nel trattamento degli adulti affetti da aspergillosi …

Erlotinib

Farmaci e terapia farmacologica. Farmaci.net fornisce …

Risultati ricerca per “Abiraterone”

Farmaci e terapia farmacologica. Farmaci.net fornisce …

Prucalopride

Resolor nel trattamento dei sintomi della costipazione cronica nei …

Ipilimumab

Farmaci e terapia farmacologica. Farmaci.net fornisce …

Xeljanz

Farmaci e terapia farmacologica. Farmaci.net fornisce …

Briviact

Farmaci e terapia farmacologica. Farmaci.net fornisce …

Brivaracetam

Farmaci e terapia farmacologica. Farmaci.net fornisce …

Effentora

Effentora per il trattamento del dolore episodico intenso nei …
OMS: gli inibitori di IL-6 come salvavita nei pazienti con forma grave di COVIDultima modifica: 2021-07-08T11:01:38+02:00da tiberis1

Lascia un commento

Se possiedi già una registrazione clicca su entra, oppure lascia un commento come anonimo (Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog).
I campi obbligatori sono contrassegnati *.