Vaccino COVID Pfizer: l’efficacia nel ridurre i ricoveri cala sensibilmente dopo 4 mesi dalla seconda iniezione

 

CDC US

Il CDC ( Centers for Disease Control and Prevention ) degli Stati Uniti ha diffuso dati che dimostrano che «l’efficacia del vaccino Pfizer-BioNTech contro i ricoveri da COVID cala significativamente dopo 4 mesi dalla seconda dose».

Dallo studio del CDC, riportato dal New York Times, il vaccino Pfizer è efficace al 91% nel prevenire i ricoveri fino a 4 mesi dopo la seconda dose. Trascorso questo periodo l’efficacia del vaccino cala al 77%.

Diverso è quanto emerge invece dai dati relativi al vaccino Moderna che hanno mostrato come questo vaccino rimanga «efficace contro i ricoveri anche dopo 4 mesi». Secondo lo studio del CDC, l’efficacia contro i ricoveri dopo 120 giorni resta al 92%, del tutto simile a quella iniziale che è pari al 93%.

Lo studio del CDC è stato condotto sull’analisi di 3.700 adulti ricoverati negli Stati Uniti fra marzo e agosto 2021.

Per quanto riguarda invece l’efficacia del vaccino Janssen ( Johnson & Johnson ) a 4 mesi dalla somministrazione, pare non ci siano ancora sufficienti dati comparabili. ( Fonte: CDC https://www.cdc.gov/ )

Vaccino COVID Pfizer: l’efficacia nel ridurre i ricoveri cala sensibilmente dopo 4 mesi dalla seconda iniezioneultima modifica: 2021-09-18T21:06:10+02:00da tiberis1

Lascia un commento

Se possiedi già una registrazione clicca su entra, oppure lascia un commento come anonimo (Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog).
I campi obbligatori sono contrassegnati *.