L’antivirale anti-COVID di Pfizer efficace al 90% se assunto precocemente. Ha ancora senso vaccinarsi ?

Pfizer Nuovo Logo

 

Pfizer: l’antivirale anti-Covid Paxlovid riduce dell’89% il rischio di morte e di ricovero ospedaliero

Pfizer ha comunicato che la propria pillola antivirale sperimentale contro il COVID-19 riduce dell’89% il rischio di ospedalizzazione o di decesso nei pazienti trattati.

La pillola di Pfizer, che sarà venduta con il marchio Paxlovid, è stata valutata su un gruppo di volontari che hanno iniziato il trattamento entro 3 giorni dallo sviluppo dei sintomi. Paxlovid ha ridotto dell’89% i rischi di morte o di ricovero ospedaliero.

Visti i benefici, il Comitato indipendente ha consigliato di interrompere la sperimentazione.

Il campione era composto da oltre 1200 adulti del Nord e Sud America, Asia, Europa e Africa, trattati con Paxlovid oppure con placebo dopo aver contratto il COVID.

I volontari scelti dovevano rispettare due criteri: non aver ricevuto il vaccino e avere almeno una caratteristica che li metteva a maggior rischio di ammalarsi gravemente se contagiati ( obesità, diabete mellito ).

Lo 0.8% dei soggetti trattati con Paxlovid è stato ricoverato entro 28 giorni dalla somministrazione, contro il 7% di quelli che hanno ricevuto il placebo.

Nessun decesso è stato segnalato tra chi aveva ricevuto Paxlovid, contro 10 tra i pazienti a cui era stato somministrato il placebo.

Il Paxlovid agisce come un inibitore della proteasi Sars-CoV-2, un enzima essenziale per la replicazione del virus.

La co-somministrazione con una bassa dose di Ritonavir aiuta a rallentare il metabolismo del principio attivo del Paxlovid, facendo in modo che resti attivo nell’organismo per periodi di tempo più lunghi

La Pfizer presenterà i dati alla Agenzia regolatoria degli Stati Uniti, FDA ( Food and Drug Administration ), per richiedere l’autorizzazione all’uso di Paxlovid negli Stati Uniti.

Il New York Times ha riferito che il Governo statunitense ha negoziato con Pfizer l’acquisto di una quantità di pillole per 1.7 milioni di cicli di terapia, con una opzione aggiuntiva per 3.3 milioni.

L’antivirale di Pfizer arriva secondo dopo Molnupiravir, l’antivirale della Merck / MSD, che è stato approvato il 5 novembre 2021 dall’Agenzia britannica del farmaco, MHRA.

Rispetto a Paxlovid, l’antivirale della Merck / MSD ha dimostrato una riduzione dei rischi del 50% se somministrato entro 5 giorni dall’insorgenza dei sintomi.

L’antivirale anti-COVID di Pfizer efficace al 90% se assunto precocemente. Ha ancora senso vaccinarsi ?ultima modifica: 2021-11-09T20:35:37+01:00da tiberis1

Lascia un commento

Se possiedi già una registrazione clicca su entra, oppure lascia un commento come anonimo (Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog).
I campi obbligatori sono contrassegnati *.