Aggiornamento in Cardiologia by Xagena

Newsletter Xagena

Aggiornamento in Medicina

Terapie combinate a dose fissa con e senza Aspirina per la prevenzione primaria delle malattie cardiovascolari

In studi randomizzati controllati, è stato dimostrato che i trattamenti combinati a dose fissa o polipillole riducono un composito di esiti di malattie cardiovascolari nella prevenzione primaria.
Tuttavia, indipendentemente dal fatto che l’Aspirina ( Acido Acetilsalicilico ) debba essere inclusa o meno, non sono noti gli effetti sugli esiti specifici e gli effetti nei sottogruppi chiave.
È stata condotta una meta-analisi dei dati dei singoli partecipanti di ampi studi randomizzati e controllati ( ciascuno con 1.000 o più partecipanti e 2 anni o più di follow-up ) di una strategia di trattamento combinato a dose fissa rispetto al controllo in una popolazione di prevenzione delle malattie cardiovascolari primarie.
Sono stati inclusi studi che hanno valutato una strategia di combinazione a dose fissa di almeno due agenti per abbassare la pressione sanguigna più una statina, con o senza Aspirina, rispetto a una strategia di controllo con placebo o cure abituali.
L’esito primario era il tempo alla prima comparsa di un composito di morte cardiovascolare, infarto miocardico, ictus o rivascolarizzazione arteriosa.
Ulteriori esiti hanno incluso esiti cardiovascolari individuali e morte per qualsiasi causa.
Gli esiti sono stati valutati anche in gruppi stratificati per l’inclusione dell’Aspirina nella strategia di trattamento a dose fissa e le dimensioni dell’effetto sono state stimate in sottogruppi prespecificati sulla base dei fattori di rischio.
Per confrontare le strategie sono state utilizzate le curve di sopravvivenza di Kaplan-Meier e i modelli di regressione del rischio proporzionale di Cox.
Nell’analisi sono stati inclusi tre grandi studi randomizzati ( TIPS-3, HOPE-3 e PolyIran ), con un totale di 18.162 partecipanti.
L’età media era di 63.0 anni e 9.038 ( 49.8% ) partecipanti erano donne.
Il rischio di malattia cardiovascolare stimato a 10 anni per la popolazione è stato del 17.7%.
Durante un follow-up mediano di 5 anni, l’esito primario si è verificato in 276 partecipanti ( 3.0% ) nel gruppo con strategia di combinazione a dose fissa rispetto a 445 ( 4.9% ) nel gruppo di controllo ( hazard ratio, HR=0.62, P minore di 0.0001 ).
Sono state osservate riduzioni anche per le componenti separate dell’esito primario: infarto miocardico ( 0.52 ), rivascolarizzazione ( 0.54 ), ictus ( 0.59 ) e morte cardiovascolare ( 0.65 ).
Riduzioni significative dell’esito primario e dei suoi componenti sono state osservate nelle analisi delle strategie di combinazione a dose fissa con e senza Aspirina, con riduzioni maggiori per le strategie che includevano l’Aspirina.
Gli effetti del trattamento sono stati simili a diversi livelli di lipidi e pressione sanguigna e in presenza o assenza di diabete, fumo o obesità.
Il sanguinamento gastrointestinale è stato raro ma leggermente più frequente nella strategia di combinazione a dose fissa con il gruppo Aspirina rispetto al gruppo di controllo ( 19, 0.4%, vs 11, 0.2%, P=0.15 ).
Le frequenze di ictus emorragico ( 10, 0.2%, vs 15, 0.3% ), sanguinamento fatale ( 2, inferiore a 0.1%, vs 4, 0.1% ) e ulcera peptica ( 32, 0.7%, vs 34, 0.8% ) sono state basse e non sono variate significativamente tra i gruppi.
Le vertigini sono state più comuni con il trattamento di associazione a dose fissa ( 1.060, 11.7%, vs 834, 9.2%; P minore di 0.0001 ).
Le strategie di trattamento combinato a dose fissa riducono sostanzialmente le malattie cardiovascolari, l’infarto del miocardio, l’ictus, la rivascolarizzazione e la morte cardiovascolare nella prevenzione delle malattie cardiovascolari primarie.
Questi benefici sono coerenti indipendentemente dai fattori di rischio cardiometabolico. ( Xagena2021 )
Joseph P et al, Lancet 2021; 398: 1133-1146
Cardio2021 Farma2021

Prevenzione e Terapia dello Scompenso Cardiaco

Rischio di malattie vascolari maggiori & Biomarcatori

Newsletter Xagena

Aggiornamento in Medicina

Associazioni di adiposità, biomarcatori proteici circolanti e rischio di malattie vascolari maggiori

L’obesità è associata a un rischio più elevato di malattia cardiovascolare ( CVD ), ma poco si sa sul ruolo che i biomarcatori proteici circolanti svolgono in questa associazione.
Sono state esaminate le associazioni osservazionali e genetiche di adiposità con biomarcatori proteici circolanti e le associazioni osservazionali di proteine con malattia cardiovascolare incidente in uno studio prospettico di sottocoorte che ha incluso 628 partecipanti ad una BioBanca ( China Kadoorie Biobank ) e che non avevano una storia di tumore al basale.
La piattaforma Olink ha misurato 92 marcatori proteici nei campioni di plasma al basale.
I dati sono stati raccolti nel periodo 2004-2016.
È stato considerato l’indice di massa corporea ( BMI ) misurato durante l’indagine di riferimento e l’indice di massa corporea geneticamente derivato utilizzando 571 varianti a singolo nucleotide.
CONTINUA SU CARDIOLOGIAONLINE.NET

link: https://www.cardiologiaonline.net/articolo/associazioni-di-adiposit-biomarcatori-proteici-circolanti-e-rischio-di-malattie-vascolari-maggiori

 

CardiologiaOnline.net

 

CardiologiaOnline.net – Cardiologia Online

Cardiologia News, CardiologiaOnline.net, Cardiologia Newsletter, Newsletter Cardiologia, Aggiornamenti in Cardiologia, Medicina, Aggiornamento in Medicina, AZ Guide in Cardiologia, Terapia cardiologica :: Aggiornamenti

Colchicina per la pericardite …

Colchicina per la pericardite acuta. La Colchicina è efficace per il …

Pericardite, valutazione e …

Pericardite, valutazione e trattamento. La pericardite è la …

Esiti clinici ed emodinamici …

Esiti clinici ed emodinamici fino a 7 … 4.5 anni dopo l’impianto ) è …

Mutazioni inattivanti in …

Mutazioni inattivanti in NPC1L1 e protezione da malattia …

Endocardite infettiva

Morbilità e mortalità correlate a endocardite infettiva possono …

L’uricemia sembra essere …

L’uricemia sembra essere inversamente correlata alla …

Associazione tra uso di …

Associazione tra uso di Aspirina e … di episodi di sanguinamento …

Sostituzione della valvola …

Sostituzione della valvola aortica transcatetere o chirurgica nei …

Colchicina

Colchicina per la pericardite acuta. La Colchicina è efficace per il …

Uso di Clopidogrel con o …

Uso di Clopidogrel con o senza Aspirina nei pazienti che …

Cardiologia: Newsletter di Aggiornamento da Xagena.it

Cardiologia.net

Beneficio del Finerenone nella prevenzione cardiovascolare sia primaria che secondaria nei pazienti con malattia renale cronica e diabete di tipo 2

I nuovi dati dello studio FIDELIO hanno evidenziato che tra gli adulti con malattia renale cronica e diabete mellito di tipo 2, l’antagonista del recettore dei mineralcorticoidi Finerenone ha ridotto …


 

Sotagliflozin, un doppio inibitore di SGLT, ha mostrato benefici cardiovascolari nei pazienti con diabete di tipo 2

Gli adulti con diabete mellito di tipo 2 e peggioramento dello scompenso cardiaco o a rischio cardiovascolare assegnati a Sotagliflozin ( Zynquista ), un doppio inibitore SGLT1 / SGLT2, hanno riscontr …


 

Inibitori SGLT2 nei pazienti con insufficienza cardiaca con frazione di eiezione ridotta: meta-analisi degli studi EMPEROR-Reduced e DAPA-HF

Entrambi gli studi DAPA-HF sulla valutazione di Dapagliflozin ( Forxiga ) ed EMPEROR-Reduced sulla valutazione di Empagliflozin ( Jardiance ), hanno dimostrato che l’inibizione del co-trasportatore so …


 

Farmaci cardiovascolari e per il diabete associati a ridotta mortalità nel cancro ai polmoni

Da uno studio di coorte basato sulla popolazione è emersa una riduzione della mortalità per tumore al polmone, indipendentemente associata all’uso di Aspirina ( Acido Acetilsalicilico ), Metformina o …


 

Dapagliflozin riduce gli eventi cardiovascolari e renali nella nefropatia cronica, indipendentemente dallo stato di diabete

Nello studio DAPA-CKD, il trattamento con l’inibitore SGLT2 Dapagliflozin ( Farxiga ) ha ridotto il rischio di peggioramento della funzione renale e morte per malattia cardiovascolare o malattia renal …


 

Evolocumab abbassa il colesterolo LDL nell’ipercolesterolemia familiare eterozigote pediatrica

Dallo studio HAUSER-RCT è emerso che i bambini con ipercolesterolemia familiare eterozigote che hanno ricevuto iniezioni mensili di Evolocumab ( Repatha ) hanno presentato una maggiore riduzione dei l …


 

Studio EXPLORER-HCM: Mavacamten migliora la funzione cardiaca e i sintomi nei pazienti con cardiomiopatia ipertrofica ostruttiva

I risultati dello studio EXPLORER-HCM hanno mostrato che Mavacamten migliora la funzione cardiaca e i sintomi nei pazienti con cardiomiopatia ipertrofica ( HCM ) ostruttiva . I trattamenti medici a …


 

Empagliflozin riduce la morte cardiovascolare e i ricoveri nei pazienti con scompenso cardiaco e ridotta frazione di eiezione, indipendentemente dalla presenza di diabete

Dai risultati dello studio EMPEROR-Reduced è emerso che l’inibitore SGLT2 Empagliflozin ( Jardiance ) ha migliorato gli esiti cardiovascolari e renali nei pazienti con scompenso cardiaco con ridotta f …


 

Apixaban per il trattamento della tromboembolia venosa associata al tumore

Linee guida recenti raccomandano l’uso orale di Edoxaban o Rivaroxaban per il trattamento della tromboembolia venosa nei pazienti con tumore. Tuttavia, il beneficio di questi agenti orali è limitato …


 

Rivaroxaban dopo sostituzione transcatetere della valvola aortica

Non è chiaro se l’inibitore diretto del fattore Xa Rivaroxaban ( Xarelto ) possa prevenire eventi tromboembolici dopo la sostituzione transcatetere della valvola aortica ( TAVR ). Sono stati assegn …


 

Bloccanti del sistema renina-angiotensina-aldosterone e rischio di COVID-19

Una potenziale associazione tra l’uso di bloccanti del recettore dell’angiotensina ( ARB; sartano ) e gli inibitori dell’enzima di conversione dell’angiotensina ( ACE ) e il rischio di malattia da cor …


 

Inibitori del sistema renina–angiotensina–aldosterone e rischio di Covid-19

Esiste preoccupazione per il potenziale aumento del rischio correlato ai farmaci che agiscono sul sistema renina-angiotensina-aldosterone ( RAAS ) nei pazienti esposti alla malattia da coronavirus 201 …


 

Scompenso cardiaco con frazione di eiezione conservata: NT-pro-BNP prevede gli eventi. La combinazione Sacubitril e Valsartan ne abbassa i livelli

Una analisi dello studio PARAGON-HF ha mostrato che il frammento N-terminale del propeptide natriuretico di tipo B, al basale, nei pazienti con scompenso cardiaco con frazione di eiezione conservata h …


 

COVID-10: malattia cardiovascolare, terapia farmacologica e mortalità

La malattia da Coronavirus 2019 ( COVID-19 ) può influenzare in modo sproporzionato le persone con malattie cardiovascolari. In questo contesto clinico sono state sollevate preoccupazioni per un pot …


 

Studio VICTORIA: il trattamento con Vericiguat associato a un numero minore di decessi per cause cardiovascolari, ricovero per insufficienza cardiaca nei pazienti ad alto rischio

Lo studio, VICTORIA ( Vericiguat Global Study in Subjects with Heart Failure with Reduced Ejection Fraction ) ha mostrato che i pazienti che assumevano Vericiguat, uno stimolatore della guanilato-cicl …

Cardiologia:le novità e gli aggiornamenti da Xagena.it

Cardiologia: Novità in Cardiologia e sui Farmaci Cardiovascolari da Xagena.it

Cardiologia: Aggiornamenti e Novità in Terapia da Xagena.it

Cardiologia News: Aggiornamenti e Novità in Terapia da Xagena

CardiologiaOnline.it

Xagena Salute News – Aggiornamento in Medicina

Xagena Newsletter

 

Mantenersi AGGIORNATI in MEDICINA -> Iscrizione gratuita alle 52 Newsletter di Xagena: https://www.xagenaweb.it/

Cemiplimab nel trattamento dei pazienti con carcinoma basocellulare localmente avanzato già trattati con inibitori di Hedgehog

L’anticorpo monclonale anti-PD-1 Cemiplimab ( Libtayo ) ha mostrato una promettente attività clinica nei pazienti con carcinoma basocellulare ( anche noto come basalioma ) localmente avanzato, in prog …


 

Cancro al seno HR+/HER2- con mutazione nel gene PIK3CA: Alpelisib associato a Fulvestrant ha migliorato la sopravvivenza globale

I risultati dell’analisi finale dello studio SOLAR-1 sulla sopravvivenza globale ( OS ), che ha valutato Alpelisib ( Piqray ) in combinazione con Fulvestrant ( Faslodex ), rispetto al solo Fulvestrant …


 

Cancro al polmone non-a-piccole cellule non-squamoso, avanzato o metastatico: Sintilimab associato alla chemioterpia allunga la sopravvivenza senza progressione

L’analisi ad interim di ORIENT-11, uno studio di fase 3 randomizzato in doppio cieco, ha mostrato un aumento quasi doppio della sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) con l’aggiunta di Sintilima …


 

Studio ARAMIS: Darolutamide negli uomini con cancro alla prostata resistente alla castrazione non-metastatico ad alto rischio di sviluppare metastasi

I risultati completi di sopravvivenza globale ( OS ) dell’analisi finale prestabilita dello studio di fase III ARAMIS, relativo alla somministrazione di Darolutamide ( Nubeqa ) negli uomini con cancro …


 

Studio GEOMETRY mono-1 – Cancro al polmone: risposte complete e durature con Capmatinib, un inibitore di MET

Dallo studio di fase 2 GEOMETRY mono-1 è emerso che i pazienti con cancro al polmone non-a-piccole cellule ( NSCLC ) metastatico e portatori della mutazione dell’esone 14 di MET ( METex14 ) presenta …


 

Sindromi mielodisplastiche ad alto rischio: Pevonedistat, un inibitore selettivo dell’enzima attivante NEDD8, versus l’ipometilante Azacitidina

L’aggiunta di Pevonedistat, un inibitore selettivo dell’enzima attivante NEDD8, all’Azacitidina ( Vidaza ) migliora la sopravvivenza libera da eventi ( EFS ), aumenta i tassi di risposta completa e di …


 

Mieloma multiplo: Blenrep per il trattamento dei pazienti adulti con mieloma multiplo recidivato o refrattario

L’Agenzia regolatoria degli Stati Uniti, FDA, ha approvato con modalità accelerata Blenrep ( Belantamab mafodotin ) per i pazienti adulti con mieloma multiplo recidivato o refrattario che hanno ricev …


 

La combinazione Opdivo e Yervoy nel trattamento del mesotelioma pleurico maligno inoperabile

L’European Medicines Agency ( EMA ) ha convalidato la domanda di variazione di tipo II per Opdivo ( Nivolumab ) in associazione a Yervoy ( Ipilimumab ) per il trattamento dei pazienti con mesotelioma …


 

I tumori alla mammella, alla prostata e al pancreas sono significativamente più frequenti negli uomini con mutazioni di BRCA2

Le mutazioni nei geni BRCA1 e BRCA2 rappresentano un rilevante esempio di medicina di genere, pur essendo ereditate in ugual misura dai due sessi. Il loro ruolo nella suscettibilità alle forme eredita …


 

Rozlytrek per il trattamento dei pazienti con tumori solidi con fusione NTRK e nel cancro polmonare non-a-piccole cellule ROS1-positivo in fase avanzata

Rozlytrek ( Entrectinib ) è stato approvato dalla Commissione Europea nei pazienti con tumori solidi con positività alla fusione NTRK e nel cancro polmonare non-a-piccole cellule in stadio avanzato, R …


 

Terapia CAR-T: Tecartus per il linfoma a cellule mantellari

L’approvazione della Agenzia regolatoria degli Stati Uniti, FDA, di Tecartus ( Brexucabtagene autoleucel ) rappresenta un importante passo in avanti per il trattamento degli adulti con linfoma a cellu …


 

Difetti nel funzionamento dello spliceosoma, responsabili di più di 200 malattie tra cui 33 tipi di tumore

Uno studio dell’Istituto officina dei materiali del Consiglio nazionale delle ricerche ( Cnr-Iom ) in collaborazione con Sissa ( Scuola internazionale superiore di studi avanzati ) fa luce sul funzion …


 

Mavrilimumab: il blocco di GM-CSF può rappresentare una strategia efficace e sicura per contrastare l’infezione da SARS-CoV-2

Uno studio condotto dall’Ospedale San Raffaele di Milano ha mostrato che l’anticorpo monoclonale Mavrilimumab riduce la mortalità e accelera il miglioramento del quadro clinico nei pazienti con infezi …


 

Sindrome genetica: Emapalumab spegne l’eccessiva risposta infiammatoria nella linfoistiocitosi emofagocitica primaria

La linfoistiocitosi emofagocitica primaria è una sindrome genetica estremamente rara ad esito infausto per coloro che non riescono ad arrivare in tempo al trapianto di cellule staminali emopoietiche. …


 

COVID-19: l’analisi di 59 nuovi genomi di SARS-CoV-2 ha mostrato che l’epidemia in Italia è ascrivibile al solo lignaggio virale B.1

Una ricerca, frutto di una collaborazione tra il Laboratorio di Malattie Infettive dell’Università Statale di Milano e più di 10 tra Centri Clinici e Università del Centro e Nord Italia, tra cui Berga …


 

Trattamento precoce dei pazienti affetti da COVID-19 con Colchicina, una molecola con proprietà antinfiammatorie

E’ stata dimostrata per la prima volta la sicurezza e l’efficacia della molecola antinfiammatoria Colchicina nel trattamento precoce dei pazienti affetti da COVID-19. Il razionale che ha indotto i …


 

I pazienti con emofilia A trattati con Emicizumab possono essere sottoposti a piccoli interventi chirurgici senza ulteriore trattamento coagulante preventivo

Nuovi dati dal Congresso dell’International Society on Thrombosis and Hemostasis ( ISTH ) hanno confermato il profilo di sicurezza di Emicizumab ( Hemlibra ), un farmaco per l’emofilia A. Emicizumab …


 

Aumento della cardiomiopatia da stress durante la pandemia di COVID-19

Secondo uno studio della Cleveland Clinic, durante la pandemia da COVID-19, si sarebbe verificato un aumento dei casi di cardiomiopatia da stress, conseguenza di intense emozioni. La cardiomiopatia …


 

Terapia CAR-T: gestione della sindrome da rilascio di citochine di grado III/IV con la combinazione di emoadsorbimento, terapia renale sostitutiva continua e Tocilizumab

La sindrome da rilascio di citochine ( CRS ) è uno degli effetti collaterali più problematici associati alla terapia con cellule CAR-T. Su Critical Care Explorations, i ricercatori dell’Ospedale B …


 

CheckMate -9LA: la combinazione Nivolumab più Ipilimumab in associazione a due cicli di chemioterapia ha prolungato la sopravvivenza globale nel cancro del polmone metastatico non-a-piccole cellule

I risultati dello studio di fase 3 CheckMate -9LA hanno mostrato un beneficio di sopravvivenza statisticamente significativo e clinicamente rilevante con Nivolumab ( Opdivo ) più Ipilimumab ( Yervoy ) …


 

Sindrome mielodisplastica o beta-talassemia: Reblozyl, il primo agente di maturazione eritroide approvato in UE per l’anemia trasfusione-dipendente

La Commissione Europea ha approvato Reblozyl ( Luspatercept ) per il trattamento di: a) pazienti adulti con anemia trasfusione-dipendente dovuta a sindromi mielodisplastiche ( MDS ) a rischio molt …


 

Sicurezza ed efficacia di Anakinra, farmaco ad azione immunosoppressiva, nel contrastare le forme gravi di COVID-19

Uno studio, condotto da Giulio Cavalli, IRCCS Ospedale San Raffaele di Milano, e coordinato da Lorenzo Dagna, dell’Unità di Immunologia, reumatologia, allergologia e malattie rare, ha mostrato l’effic …


 

La terapia CAR-T nel trattamento dei linfomi

La tecnologia CAR-T si basa sull’idea di sfruttare la capacità del sistema immunitario di riconoscere il tumore, e rappresenta un passo in avanti rispetto a non molti anni fa, quando per molti tumori …


 

Melanoma: la terapia mirata a base di Dabrafenib e Trametinib in fase precoce è in grado di prevenire le recidive

La combinazione di due terapie a bersaglio molecolare, Dabrafenib ( Tafinlar ) e Trametinib ( Mekinist ), dopo rimozione chirurgica del melanoma ( terapia adiuvante ) offre un beneficio di sopravviven …


 

Parkinson: diagnosi precoce con l’esame della retina

Uno studio condotto nel Laboratorio dell’Istituto di biochimica e biologia cellulare ( Ibbc ) del Cnr di Roma, che ha coinvolto anche ricercatori del Tigem ( Telethon Institute of Genetics and Medicin …


 

Carcinoma del colon e del retto ed instabilità dei microsatelliti: efficacia di Pembrolizumab come trattamento di prima linea

Dallo studio di fase III KEYNOTE-177, l’inibitore del checkpoint immunitario, Pembrolizumab ( Keytruda ) ha raddoppiato la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ), rispetto alla chemioterapia, ne …


 

Tumore al polmone non-a-piccole cellule: Alectinib aumenta la percentuale di sopravvivenza globale

Sono stati presentati i dati aggiornati dello studio di fase III ALEX, che ha mostrato un aumento della percentuale di sopravvivenza a 5 anni con Alectinib ( Alecensa ), rispetto a Crizotinib ( Xalkor …


 

Opdivo – Yervoy: combinazione immunoterapica per il trattamento di prima linea del tumore al polmone non-a-piccole cellule PD-L1+, metastatico – Approvazione dalla FDA

La combinazione di Nivolumab ( Opdivo ) più Ipilimumab ( Yervoy ) è stata approvata dalla FDA ( Food and Drug Administration ), l’Agenzia regolatoria degli Stati Uniti, per il trattamento di prima lin …


 

COVID-19: efficacia di Anakinra nell’infiammazione polmonare causata dal virus SARS-CoV-2

Uno studio ha evidenziato la sicurezza e l’efficacia dell’uso precoce di Anakinra ( Kineret ), un farmaco antinfiammatorio che può rappresentare una alternativa a Tocilizumab ( RoActemra ), da utilizz …


 

Verzenios nel cancro al seno HR+/HER2- ritarda il ricorso alla chemioterapia e aumenta la sopravvivenza

L’Agenzia italiana del farmaco ( AIFA ) ha approvato la rimborsabilità di Verzenios ( Abemaciclib ) per le donne con il tipo di tumore al seno avanzato più frequente, quello ormono-sensibile ( HR+/HER …


 

Malattie rare – Efficacia della terapia genica nella forma grave di emofilia

L’emofilia è una malattia genetica rara che colpisce 5.000 persone in Italia, e consiste in un difetto nel sangue che ne impedisce la coagulazione, portando così ad emorragie che possono essere anche …


 

Stentrodo, l’alternativa mininvasiva agli impianti di elettrostimolazione per Parkinson e depressione

Lo stentrodo è un dispositivo che viene inserito sotto il cranio, registra i segnali cerebrali e rilascia scariche elettriche mirate. Le sue applicazioni vanno dal Parkinson, all’epilessia, alla dep …


 

Melanoma cutaneo: un algoritmo è in grado di calcolare l’aggressività di una cellula tumorale e quindi il suo potenziale metastatico

Uno studio, pubblicato sul Journal of Experimental and Clinical Cancer Research ( JECCR ), ha dimostrato per la prima volta l’utilità di misurare l’aggressività delle cellule tumorali con metodi funz …


 

Malattie genetiche del cervello: le alterazioni del gene KDM5C associate a varie patologie del neurosviluppo dall’autismo all’epilessia

Le malattie genetiche dello sviluppo del cervello, quali le encefalopatie epilettiche, le disabilità intellettive e i disturbi nello spettro autistico, sono un insieme di patologie diverse tra loro, c …


 

Melanoma in stadio III: Tafinlar e Mekinist, la prima terapia target nel setting adiuvante

L’Agenzia italiana del farmaco ( AIFA ) ha approvato la rimborsabilità della combinazione Dabrafenib ( Tafinlar ) e Trametinib ( Mekinist ) per il trattamento del melanoma adiuvante. Per il melanom …


 

Rapid Risk Assessment dell’ECDC: Enterobatteri resistenti ai carbapenemi

Il Centro Europeo per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ( ECDC ) di Stoccolma ha pubblicato il Rapid Risk Assessment ( RRA ) per aggiornare il rischio di diffusione degli Enterobatteri resi …


 

San Antonio Breast Cancer Symposium: novità degli studi APHINITY e FeDeriCa nel tumore mammario HER-2 positivo

Nel corso del San Antonio Breast Cancer Symposium sono state presentate le novità degli studi APHINITY e FeDeriCa riguardanti il tumore alla mammella. I dati dello studio APHINITY si riferiscono al f …


 

Malattia di Parkinson: novità in terapia

La malattia di Parkinson è la seconda malattia neurodegenerativa dell’adulto, dopo l’Alzheimer. In Italia, si stima che vi siano poco meno di 250.000 malati.Considerando che ogni paziente ha almeno …


 

Cabozantinib compresse per il trattamento di prima linea dei pazienti adulti con carcinoma renale avanzato a rischio intermediate o poor

L’AIFA ha approvato Cabometyx ( Cabozantinib compresse ) per il trattamento del carcinoma renale avanzato in adulti naïve-al-trattamento a rischio intermediate o poor. Cabozantinib era già stato appr …


 

Sollevatori di pesi: l’uso prolungato di steroidi androgeni anabolizzanti è associato a disfunzione ventricolare sistolica

Solo recentemente studi clinici hanno dimostrato che l’uso di steroidi androgeni anabolizzanti può causare gravi effetti avversi cardiovascolari. Uno studio ha preso in esame gli effetti dell’uso d …


 

Tumori del sistema nervoso: Stivarga nel trattamento del glioblastoma recidivato

L’Agenzia Italiana del Farmaco ( AIFA ) ha inserito Stivarga ( Regorafenib ) nell’elenco dei farmaci erogabili a carico del Servizio Sanitario Nazionale ( SSN ) nei casi di assenza di alternativa tera …


 

Efficacia di Pembrolizumab associato alla chemioterapia come prima linea nei pazienti con carcinoma al polmone non-a-piccole cellule PD-L1-negativo, in fase avanzata

Nel carcinoma del polmone non-a-piccole cellule ( NSCLC ), in fase avanzata, il trattamento di prima linea con l’inibitore del checkpoint immunitario Pembrolizumab ( Keytruda ) in combinazione con la …


 

Le Resolvine potrebbero aiutare a rallentare la malattia di Parkinson

Lo sviluppo della malattia di Parkinson potrebbe essere rallentato grazie alle Resolvine, molecole prodotte dall’organismo umano per spegnere processi infiammatori e riparare i tessuti danneggiati da …


 

Antiacidi: farmaci a base di Ranitidina contaminati da sostanze cancerogene

L’European Medicines Agency ( EMA ) ha avviato la revisione dei medicinali a base di Ranitidina dopo che alcuni test hanno evidenziato la presenza in alcuni di questi medicinali di un’impurezza denomi …


 

Pazienti anziani con diagnosi di tumore: 1 su 10 non abbandona le cattive abitudini

Un’indagine del sistema di sorveglianza PASSI d’Argento ( Progressi delle Aziende Sanitarie per la Salute in Italia ), coordinata dall’Istituto Superiore di Sanità, ha evidenziato che sono poco meno d …


 

Italia: personalizzazione dei trattamenti e della prevenzione oncologica

La spesa per i farmaci antitumorali in Italia è aumentata di oltre 650 milioni di euro in un anno: era pari a 5 miliardi nel 2017, ha raggiunto i 5 miliardi e 659 milioni nel 2018. In 5 anni ( 201 …


 

Antiacidi: farmaci a base di Ranitidina contaminati da sostanze cancerogene

La Food and Drug Administration ( FDA ) negli Stati Uniti, e l’EMA ( European Medicines Agency ) in Europa hanno dato avvio a una revisione dei medicinali a base di Ranitidina dopo che degli esami han …


 

Malattia renale policistica: l’Octreotide rallenta la crescita delle cisti

Sono stati pubblicati sulla rivista PLoS Medicine i dati di uno studio che i ricercatori dell’Istituto Mario Negri hanno condotto in collaborazione con gli Ospedali di Bergamo, Milano, Napoli, Treviso …


 

Malattia di Parkinson: la stimolazione cerebrale profonda diminuisce le complicanze nel lungo periodo

Uno studio, coordinato dal Centro Aldo Ravelli per le Neurotecnologie e le Terapie Neurologiche Innovative dell’Università Statale di Milano presso l’Ospedale Universitario San Paolo di Milano, ha val …


 

La concentrazione plasmatica dei lipidi denominati NAPE può predire lo sviluppo della malattia di Parkinson, in particolare nelle donne

Uno studio condotto da ricercatori dell’Istituto Italiano di Tecnologia ( IIT ), in collaborazione con la Fondazione Edmund Mach di San Michele all’Adige ( Trento ) e la Fondazione Santa Lucia ( FSL ) …

Cardiologia: Aggiornamenti e Novità terapeutiche da Xagena

Newsletter Xagena

Aggiornamento in Medicina

Sostituzione della valvola aortica per via transcatetere con una valvola autoespandibile nei pazienti a basso rischio

La sostituzione transcatetere della valvola aortica ( TAVR ) è una alternativa alla chirurgia nei pazienti con stenosi aortica grave che sono ad aumentato rischio di morte per intervento chirurgico; p …


 

Stent in polimero permanente a rilascio di Zotarolimus versus stent senza polimero a rilascio di Amphilimus: studio ReCre8

Gli stent a rilascio di Amphilimus privi di polimero ( PF-AES ) rappresentano una nuova tecnologia di eluizione nell’attuale era degli stent a rilascio di farmaco. La sicurezza clinica e l’efficacia …

Prevenzione e Terapia dello Scompenso Cardiaco


 

Malattia coronarica: stent ultrasottile a rilascio di farmaco di nuova generazione versus stent medicati più vecchi, più spessi, di seconda generazione

I moderni stent a rilascio di farmaco ( DES ) di seconda generazione hanno una efficacia e una sicurezza superiori rispetto agli stent di prima generazione nei pazienti sottoposti a intervento coronar …


 

Rischio di morte in seguito all’applicazione di palloncini e stent rivestiti con Paclitaxel nell’arteria femoropoplitea della gamba

Diversi studi randomizzati e controllati hanno già dimostrato che i palloncini e gli stent rivestiti con Paclitaxel riducono significativamente i tassi di ristenosi vascolare e la rivascolarizzazione …


 

Riparazione percutanea o trattamento medico per il rigurgito mitralico secondario

Nei pazienti con insufficienza cardiaca cronica con ridotta frazione di eiezione ventricolare sinistra, una grave insufficienza della valvola mitralica secondaria è associata a una prognosi sfavorevol …

Mediexplorer.itXapedia.it


 

Stent rivestito di polimero bioassorbibile a rilascio di Sirolimus rispetto a stent polimerico durevole a rilascio di Everolimus dopo intervento coronarico percutaneo: studio DESSOLVE III

MiStent è uno stent a rilascio di farmaco con un rivestimento polimerico completamente assorbibile che contiene e incorpora una forma microcristallina di Sirolimus nella parete del vaso. È stato svil …


 

Frequenza, predittori e impatto della terapia antipiastrinica combinata sul tromboembolismo venoso nei pazienti con aterosclerosi sintomatica

Studi osservazionali suggeriscono che l’aterosclerosi sintomatica può essere associata al rischio di tromboembolismo venoso ( VTE ). Precedenti studi randomizzati hanno dimostrato una significativa r …

Cardiologia:aggiornamenti ed informazioni sulle novità terapeutiche by Xagena

Cardiologia

Xagena Mappa

https://network.xagena.it/mappa/

Newsletter Xagena

Aggiornamento in Medicina

Malattia coronarica: stent ultrasottile a rilascio di farmaco di nuova generazione versus stent medicati più vecchi, più spessi, di seconda generazione

I moderni stent a rilascio di farmaco ( DES ) di seconda generazione hanno una efficacia e una sicurezza superiori rispetto agli stent di prima generazione nei pazienti sottoposti a intervento coronar …


Rischio di morte in seguito all’applicazione di palloncini e stent rivestiti con Paclitaxel nell’arteria femoropoplitea della gamba

Diversi studi randomizzati e controllati hanno già dimostrato che i palloncini e gli stent rivestiti con Paclitaxel riducono significativamente i tassi di ristenosi vascolare e la rivascolarizzazione …

Mediexplorer.it


Riparazione percutanea o trattamento medico per il rigurgito mitralico secondario

Nei pazienti con insufficienza cardiaca cronica con ridotta frazione di eiezione ventricolare sinistra, una grave insufficienza della valvola mitralica secondaria è associata a una prognosi sfavorevol …


Stent rivestito di polimero bioassorbibile a rilascio di Sirolimus rispetto a stent polimerico durevole a rilascio di Everolimus dopo intervento coronarico percutaneo: studio DESSOLVE III

MiStent è uno stent a rilascio di farmaco con un rivestimento polimerico completamente assorbibile che contiene e incorpora una forma microcristallina di Sirolimus nella parete del vaso. È stato svil …

Xagena Salute


Frequenza, predittori e impatto della terapia antipiastrinica combinata sul tromboembolismo venoso nei pazienti con aterosclerosi sintomatica

Studi osservazionali suggeriscono che l’aterosclerosi sintomatica può essere associata al rischio di tromboembolismo venoso ( VTE ). Precedenti studi randomizzati hanno dimostrato una significativa r …

1 2