Aggiornamento in Infettivologia: ACE inibitori & COVID

Newsletter Xagena

Aggiornamento in Medicina

COVID-19: interruzione versus continuazione degli inibitori del sistema renina-angiotensina. Studio ACEI-COVID

L’ingresso del virus SARS-CoV-2 nelle cellule umane dipende dall’enzima di conversione dell’angiotensina 2 ( ACE2 ), che può essere sovraregolato dagli inibitori del sistema renina-angiotensina ( RAS ).
È stata esaminata l’ipotesi secondo cui l’interruzione del trattamento cronico con ACE-inibitori ( ACEI ) o bloccanti del recettore dell’angiotensina II ( ARB; sartani ) attenui il decorso della COVID-19 di recente insorgenza.
ACEI-COVID era uno studio a gruppi paralleli, randomizzato, controllato, in aperto, condotto in 35 Centri in Austria e Germania.
Sono stati arruolati pazienti di età pari o superiore a 18 anni che presentavano una recente infezione sintomatica da virus SARS-CoV-2 e venivano trattati cronicamente con inibitori ACE o sartani.
I pazienti sono stati assegnati in modo casuale all’interruzione o alla continuazione dell’inibizione di RAS per 30 giorni.

CONTINUA SU INFETTIVOLOGIA.NET – LINK: https://www.infettivologia.net/articolo/covid-19-interruzione-versus-continuazione-degli-inibitori-del-sistema-renina-angiotensina-studio-acei-covid

 

Infettivologia.net


Infettivologia News

https://www.infettivologia.net
Malattie infettive – Novità in InfettivologiaInfettivologia.net fornisce informazioni e aggiornamenti sulle Malattie infettive.

Candida

Malattie infettive – Novità in Infettivologia. Infettivologia.net …

Tigeciclina

Malattie infettive – Novità in Infettivologia. Infettivologia.net …

Farmaci

Le proprietà antibatteriche, antinfiammatorie e antivirali …

Ridinilazolo

L’infezione da Clostridium difficile è l’infezione più comunemente …

Polmonite

Malattie infettive – Novità in Infettivologia. Infettivologia.net …

Tamiflu

L’influenza è una malattia provocata dai virus influenzali …

La sospensione degli Ace inibitori e dei sartani non ha avuto effetti significativi sulla gravità massima di COVID-19 ma può portare a una guarigione più rapida e migliore

Newsletter Xagena

Aggiornamento in Medicina

COVID-19: interruzione versus continuazione degli inibitori del sistema renina-angiotensina. Studio ACEI-COVID

L’ingresso del virus SARS-CoV-2 nelle cellule umane dipende dall’enzima di conversione dell’angiotensina 2 ( ACE2 ), che può essere sovraregolato dagli inibitori del sistema renina-angiotensina ( RAS ).
È stata esaminata l’ipotesi secondo cui l’interruzione del trattamento cronico con ACE-inibitori ( ACEI ) o bloccanti del recettore dell’angiotensina II ( ARB; sartani ) attenui il decorso della COVID-19 di recente insorgenza.
ACEI-COVID era uno studio a gruppi paralleli, randomizzato, controllato, in aperto, condotto in 35 Centri in Austria e Germania.
Sono stati arruolati pazienti di età pari o superiore a 18 anni che presentavano una recente infezione sintomatica da virus SARS-CoV-2 e venivano trattati cronicamente con inibitori ACE o sartani.
I pazienti sono stati assegnati in modo casuale all’interruzione o alla continuazione dell’inibizione di RAS per 30 giorni.
L’esito primario era il punteggio massimo di valutazione dell’insufficienza d’organo sequenziale ( SOFA ) entro 30 giorni, in cui la morte è stata valutata con il punteggio SOFA massimo ottenibile.
Gli endpoint secondari erano l’area sotto il punteggio SOFA aggiustato per la morte ( AUC SOFA ), il punteggio SOFA medio, l’ammissione alla terapia intensiva, la ventilazione meccanica e la morte.
Le analisi sono state effettuate su base intention-to-treat modificata. ……

 

CONTINUA SU INFETTIVOLOGIA.NET

https://www.infettivologia.net/articolo/covid-19-interruzione-versus-continuazione-degli-inibitori-del-sistema-renina-angiotensina-studio-acei-covid

 

Infettivologia.net

Infettivologia News

https://www.infettivologia.net
Malattie infettive – Novità in InfettivologiaInfettivologia.net fornisce informazioni e aggiornamenti sulle Malattie infettive.

Candida

Malattie infettive – Novità in Infettivologia. Infettivologia.net …

Ridinilazolo

Efficacia e sicurezza di Ridinilazolo rispetto a …

SARS

I FANS non peggiorano il COVID-19 nei pazienti ospedalizzati.

Infezione da SARS-CoV-2

Newsletter Xagena · Risultati ricerca per “Infezione da SARS …

Tigeciclina

Malattie infettive – Novità in Infettivologia. Infettivologia.net …

Scabbia

Malattie infettive – Novità in Infettivologia. Infettivologia.net …

Polmonite

Malattie infettive – Novità in Infettivologia. Infettivologia.net …

Poliovirus

La poliomielite è un’infezione prodotta dai poliovirus , virus a …

Clorochina

La Tafenochina, una terapia monodose per la malaria da …

Virus del Nilo Occidentale

Malattie infettive – Novità in Infettivologia. Infettivologia.net …

 

Isavuconazolo nel trattamento della sinusite fungina invasiva

Newsletter Xagena

Aggiornamento in Medicina

I pazienti trattati con Isavuconazolo ( Cresemba ) come terapia primaria o di salvataggio per la sinusite fungina invasiva hanno registrato tassi di sopravvivenza globale dell’82% a 42 giorni e del 70% a 84 giorni. I risultati provengono da una analisi post-hoc di due studi di fase 3 su Isavuconazolo, che hanno identificato 50 pazienti affetti da sinusite fungina invasiva

E’ stata effettuata una analisi post-hoc degli studi internazionali di fase 3 SECURE e VITAL che hanno arruolato pazienti dal 2007 al 2013 ( SECURE ) e dal 2008 al 2013 ( VITAL ).
SECURE aveva confrontato Isavuconazolo e Voriconazolo come trattamento primario per la malattia fungina invasiva negli adulti dovuta ad Aspergillus e ad altri funghi filamentosi, mentre VITAL aveva valutato il trattamento primario o di salvataggio con Isavuconazolo negli adulti con aspergillosi invasiva con insufficienza renale o adulti con malattia fungina invasiva a causa di muffe rare.

Sono stati esaminati i dati di tutti i pazienti in entrambi gli studi trattati con Isavuconazolo e con almeno un sito sinusale di malattia fungina invasiva.
I principali risultati dello studio erano la sopravvivenza globale e la risposta clinica e globale all’Isavuconazolo.

Dei 50 pazienti inclusi nello studio, 44 avevano sinusite fungina invasiva diagnosticata mediante biopsia sinusale ( 43 ) o cerebrale ( 1 ) e 6 avevano probabile malattia fungina invasiva in un sito remoto ma …..

CONTINUA SU MICOSI.NET: https://www.micosi.net/articolo/pazienti-con-sinusite-fungina-invasiva-trattati-con-successo-con-isavuconazolo

Infettivologia:aggiornamenti e novità da Xagena.it

Infettivologia: Aggiornamenti e Informazioni sulle Novità terapeutiche by Xagena

AidsOnline.it | Epatite.net | Infettivologia.it | Infettivologia.net | Micosi.net | Vaccini.net | Virologia.net

 

Frequenza e fattori di rischio per infezione genitale cancerogena da papillomavirus umano persistente nelle donne sessualmente attive

Uno studio di coorte nel Regno Unito ha esaminato i fattori di frequenza e di rischio per l’infezione persistente da papillomavirus umano ( HPV ) in giovani donne prima della introduzione della vaccin …

Infusione duodenale di feci da donatore per infezione ricorrente da Clostridium difficile

L’infezione ricorrente da Clostridium difficile è difficile da trattare e i tassi di fallimento per la terapia antibiotica sono elevati.È stato valutato l’effetto dell’infusione duodenale di feci da d …

Xapedia.itBiomedicina.it

La frequente presenza di retinite da citomegalovirus durante la ricostituzione immunitaria richiede uno screening oftalmico regolare nei bambini ad alto rischio che subiscono trapianto allogenico di cellule staminali ematopoietiche

Sebbene la retinite da citomegalovirus sia una complicanza ben conosciuta dopo trapianto allogenico di cellule staminali ematopoietiche ( HSCT ), le procedure operative standard per il controllo oftal …

Trapianto di microbiota fecale per infezione recidivante da Clostridium difficile usando un inoculo congelato da donatori non-imparentati

L’infezione da Clostridium difficile ( CDI ) ricorrente con scarsa risposta alla terapia antimicrobica standard è un problema medico in crescita. Sono stati studiati gli esiti del trapianto di mic …

OncoBase.itImmunoterapia Oncologica

Effetto della minima concentrazione inibente di Vancomicina sugli esiti di endocardite da Staphylococcus aureus sensibile alla Meticillina

L’endocardite da Staphylococcus aureus ha un alto tasso di mortalità. La concentrazione minima inibitoria di Vancomicina ( MIC ) ha dimostrato di influenzare l’esito della batteriemia da Staphylococ …

Anticorpi per papillomavirus umano e rischio futuro di cancro anogenitale

Il papillomavirus umano ( HPV ) di tipo 16 ( HPV16 ) provoca cancro in diversi siti anatomici. Nello studio European Prospective Investigation Into Cancer and Nutrition, la sieropositività a HPV16 E …

Mediexplorer.itAlleanza Mediterranea Oncologica in Rete

Profilazione immunologica della sindrome infiammatoria da ricostituzione immunitaria associata a tubercolosi e decesso non-IRIS negli adulti affetti da HIV con tubercolosi polmonare durante terapia antiretrovirale

I pazienti co-infettati con virus HIV e tubercolosi sono a rischio di sindrome infiammatoria da immunoricostituzione ( IRIS ) associata a tubercolosi e morte poco dopo l’inizio della terapia antiretro …