Cardiologia Newsletter by Xagena

Cardiologia.net

ALERT Cardiologia !
Top News / Genitourinary Cancers Symposium – ASCO ( American Society of Clinical Oncology )
 –

L’Aspirina può ridurre il rischio di morte per cancro alla prostata

Uno studio osservazionale di ampie dimensioni ha mostrato che gli uomini che assumono Acido Acetilsalicilico ( Aspirina ) possono avere un minor rischio di morire a causa di cancro alla prostata. …

News

Bivalirudina non-inferiore all’Eparina nei pazienti sottoposti a sostituzione della valvola aortica per via transcatetere

L’impiego della Bivalirudina ( Angiox ) come anticoagulante nei pazienti con grave stenosi aortica sintomatica sottoposti a sostituzione della valvola aortica per via transcatetere ( TAVR ) è risultat …

I sanguinamenti cerebrali con i nuovi anticoagulanti orali sono spesso mortali: mortalità a 90 giorni pari al 28%

Uno studio coordinato da ricercatori dell’University of Heidelberg in Germania, ha trovato che le emorragie cerebrali che si verificano nei pazienti trattati con i nuovi anticoagulanti orali ( NOAC …

Ipertensione arteriosa polmonare: Selexipag è efficace, ma non riduce la mortalità

E’ stata valutata la sicurezza e l’efficacia di Selexipag ( Uptravi ) nei pazienti con ipertensione arteriosa polmonare. GRIPHON ( Prostacyclin [ PGI2 ] Receptor Agonist in Pulmonary Arterial Hyper …

Cilostazolo migliora gli esiti nei pazienti in emodialisi affetti da arteriopatia periferica

I pazienti con malattia arteriosa periferica in emodialisi hanno presentato una riduzione significativa del rischio di eventi avversi maggiori cardiovascolari e nell’arto quando sono stati trattati co …

CardioBase.

Cardiology Online

Cancer itself may damage heart muscle irrespective of exposure to cancer drug therapies

Research presented at EuroEcho-Imaging 2015 raises the possibility that cancer itself may damage heart muscle irrespective of exposure to cancer drug therapies. Researchers ( Venneri L et al ) from t …

In heart failure patients with diabetes and/or chronic kidney disease, Finerenone, a non-steroidal mineralocorticoid receptor antagonist, may offer more pronounced end-organ protection than Eplerenone

In heart failure patients with diabetes mellitus and/or chronic kidney disease, a new, non-steroidal mineralocorticoid receptor antagonist ( MRA ) called Finerenone was no more effective than the curr …

Uncontrolled hypertension: combination of Amiloride and Hydrochlorothiazide, each at half dose, reduces blood pressure without the side-effects caused by full doses of either alone

Researchers from the PATHWAY 3 study have found that the combination of two commonly used diuretics, each at half dose, can significantly reduce blood pressure without the side-effects caused by full …

FarmaExplorer

Anticoagulanti: la sospensione del Warfarin aumenta il rischio di ictus nei pazienti con fibrillazione atriale

La sospensione degli antagonisti della vitamina K si traduce in un eccesso di circa 5 ictus per 100 persone nei 3 anni successivi all’interruzione del trattamento rispetto al mantenimento della terapia con antagonisti della vitamina K. Queste le … Leggi

Vorapaxar nei pazienti con diabete mellito e precedente infarto miocardico

Vorapaxar ( Zontivity ) riduce la morte cardiovascolare, l’infarto del miocardio, o l’ictus nei pazienti con precedente infarto miocardico, aumentando il sanguinamento. I pazienti con diabete mellito sono ad alto rischio di eventi trombotici … Leggi

La Liraglutide, un agonista GLP-1, non migliora la stabilità clinica post-ospedalizzazione nei pazienti con scompenso cardiaco avanzato

L’agonista GLP-1 Liraglutide ( Victoza ) non ha migliorato la stabilità clinica a 6 mesi in 300 pazienti con insufficienza cardiaca avanzata e frazione di eiezione ridotta nello studio FIGHT ( Functional Impact of GLP-1 for Heart Failure … Leggi

ARTICOLI RECENTI

 

Cardiologia Newsletter by Xagena

Cardiologia.net

ALERT Cardiologia !

 –

Top News / Ulteriori conferme riguardo all’associazione tra disfunzione erettile e malattia cardiovascolare 

La disfunzione erettile è in grado di predire in modo indipendente gli eventi cardiovascolari

Da uno studio è emerso che la disfunzione erettile è un predittore indipendente di futuri eventi di malattia cardiovascolare. Il rischio associato con la disfunzione erettile e gli eventi cardiovasco …

Angiografia

Esiti dopo angiografia: nessun beneficio dalla somministrazione del Bicarbonato di sodio e dell’Acetilcisteina

Il Bicarbonato di sodio per via endovenosa e l’Acetilcisteina per via orale sono ampiamente utilizzati per prevenire lesioni renali acute ed esiti avversi associati dopo l’angiografia senza prove defi …

Rischio cardiovascolare

Il testosterone alla base del rischio cardiovascolare nelle donne in postmenopausa

Il rapporto testosterone / estradiolo nelle donne in postmenopausa è risultato associato a un maggior rischio di infarto miocardico, ictus e insufficienza cardiaca nell’arco di 12 anni. E’ anche emer …

Scompenso cardiaco

Studio real-world: la combinazione di Sacubitril e Valsartan migliora lo stato di salute nei pazienti con insufficienza cardiaca e frazione di eiezione ridotta

In una coorte prospettica del mondo reale ( Registro CHAMP-HF ), i pazienti con insufficienza cardiaca e frazione di eiezione ridotta ( HFrEF ), trattati con la combinazione Sacubitril e Valsartan ( E …

Studio EMPA-REG: Empagliflozin riduce gli eventi renali nei pazienti con scompenso cardiaco

I pazienti con e senza insufficienza cardiaca al basale che sono stati trattati con Empagliflozin ( Jardiance ) hanno mostrato un rischio ridotto di eventi renali clinicamente rilevanti rispetto a que …

Lo strain longitudinale globale predice la mortalità nell’insufficienza cardiaca acuta

Uno studio ha dimostrato che lo strain longitudinale globale è in grado di predire in modo più accurato la mortalità rispetto alla frazione di eiezione ventricolare sinistra ( FEVS ) nei pazienti con …

Sindrome coronarica acuta

Alirocumab associato alle statine riduce gli eventi cardiaci nei pazienti con diabete mellito e sindrome coronarica acuta

In una nuova analisi dello studio ODYSSEY Outcomes, i pazienti con recente sindrome coronarica acuta e diabete mellito hanno tratto il maggior beneficio, in termini di eventi avversi cardiaci maggior …

MediExplorer.it

Il Magnesio nella dieta associato a ridotto rischio di scompenso cardiaco, ictus e diabete mellito di tipo 2

Una meta-analisi, compiuta sui dati di più di un milione di persone di nove Paesi, ha mostrato che una dieta…

I farmaci antinfiammatori, incluso il Naproxene, possono aumentare il rischio di infarto miocardico acuto

L’impiego dei farmaci antinfiammatori ( FANS ), incluso il Naproxene, è associato a un aumento del rischio di infarto miocardico…

La Caffeina non aumenta il rischio a breve termine di aritmie nei pazienti con insufficienza cardiaca

Non è stata trovata alcuna associazione tra assunzione di Caffeina e gli episodi aritmici in pazienti cardiopatici. I risultati provengono…

Cardiologia: Aggiornamenti e Novità terapeutiche da Xagena

Newsletter Xagena

Aggiornamento in Medicina

Sostituzione della valvola aortica per via transcatetere con una valvola autoespandibile nei pazienti a basso rischio

La sostituzione transcatetere della valvola aortica ( TAVR ) è una alternativa alla chirurgia nei pazienti con stenosi aortica grave che sono ad aumentato rischio di morte per intervento chirurgico; p …


 

Stent in polimero permanente a rilascio di Zotarolimus versus stent senza polimero a rilascio di Amphilimus: studio ReCre8

Gli stent a rilascio di Amphilimus privi di polimero ( PF-AES ) rappresentano una nuova tecnologia di eluizione nell’attuale era degli stent a rilascio di farmaco. La sicurezza clinica e l’efficacia …

Prevenzione e Terapia dello Scompenso Cardiaco


 

Malattia coronarica: stent ultrasottile a rilascio di farmaco di nuova generazione versus stent medicati più vecchi, più spessi, di seconda generazione

I moderni stent a rilascio di farmaco ( DES ) di seconda generazione hanno una efficacia e una sicurezza superiori rispetto agli stent di prima generazione nei pazienti sottoposti a intervento coronar …


 

Rischio di morte in seguito all’applicazione di palloncini e stent rivestiti con Paclitaxel nell’arteria femoropoplitea della gamba

Diversi studi randomizzati e controllati hanno già dimostrato che i palloncini e gli stent rivestiti con Paclitaxel riducono significativamente i tassi di ristenosi vascolare e la rivascolarizzazione …


 

Riparazione percutanea o trattamento medico per il rigurgito mitralico secondario

Nei pazienti con insufficienza cardiaca cronica con ridotta frazione di eiezione ventricolare sinistra, una grave insufficienza della valvola mitralica secondaria è associata a una prognosi sfavorevol …

Mediexplorer.itXapedia.it


 

Stent rivestito di polimero bioassorbibile a rilascio di Sirolimus rispetto a stent polimerico durevole a rilascio di Everolimus dopo intervento coronarico percutaneo: studio DESSOLVE III

MiStent è uno stent a rilascio di farmaco con un rivestimento polimerico completamente assorbibile che contiene e incorpora una forma microcristallina di Sirolimus nella parete del vaso. È stato svil …


 

Frequenza, predittori e impatto della terapia antipiastrinica combinata sul tromboembolismo venoso nei pazienti con aterosclerosi sintomatica

Studi osservazionali suggeriscono che l’aterosclerosi sintomatica può essere associata al rischio di tromboembolismo venoso ( VTE ). Precedenti studi randomizzati hanno dimostrato una significativa r …

Cardiologia ALERT by Xagena

CardiologiaOnline.it
ALERT Cardiologia !
 –
European Society of Cardiology ( ESC ) Congress
 –

Una bassa pressione arteriosa associata a esiti avversi cardiovascolari nei pazienti ad alto rischio

Dal registro CLARIFY è emerso che nei pazienti con malattia coronarica stabile, la pressione arteriosa sistolica inferiore a 120 mmHg o diastolica inferiore a 70 mmHg è risultata associata a rischio e …

Pazienti sottoposti a intervento coronarico percutaneo: stent medicati non-superiori agli stent di metallo nudo riguardo a mortalità e infarto miocardico

Dallo studio randomizzato NORSTENT è emerso che gli stent medicati di seconda generazione e gli stent di metallo nudo presentavano tassi simili di mortalità e infarto miocardico. Tuttavia, i pazien …

Edoxaban non-inferiore alla terapia anticoagulante standard nei pazienti con fibrillazione atriale sottoposti a cardioversione

I dati dello studio ENSURE-AF hanno mostrato che nei pazienti con fibrillazione atriale sottoposti a cardioversione, Edoxaban ( Lixiana; negli Stati Uniti: Savaysa ), un inibitore orale del Fattore Xa …

Focus: Obesità & Insufficienza cardiaca

L’obesità può essere associata in modo indipendente all’insufficienza cardiaca incidente, ma non alla malattia coronarica o all’ictus

L’obesità sembra essere significativamente associata con l’insufficienza cardiaca incidente, ma non ad altri sottotipi di malattia cardiovascolare, e questo legame persiste dopo aggiustamento per altr …

Focus: Chiusura del forame ovale pervio 

AAN non raccomanda la chiusura di routine del forame ovale pervio per la prevenzione secondaria dell’ictus

L’American Academy of Neurology ( AAN ) non consiglia l’uso di routine della chiusura con catetere ( Starflex o AMPLATZER PFO Occluder ) del forame ovale pervio nei pazienti con storia di ictus ischem …

American Heart Association ( AHA ) Statement

AHA: farmaci che possono causare o peggiorare lo scompenso cardiaco

Secondo l’American Heart Association ( AHA ) diversi farmaci comunemente utilizzati e integratori alimentari possono causare o peggiorare lo scompenso cardiaco. Le persone affette da scompenso card …

 FarmaExplorer

Studio SPRINT, dati preliminari: abbassare la pressione sistolica a un valore inferiore a 120 mmHg riduce di un terzo i casi di infarto miocardico, scompenso cardiaco e di ictus

Un trattamento più aggressivo della pressione arteriosa, con un obiettivo per la sistolica inferiore a 120 mmHg, riduce i tassi di malattia cardiovascolare, e abbassa il rischio di mortalità nei soggetti di 50 anni o età superiore con alti valori … Leggi

La forma grave di apnea del sonno associata a più alto rischio di fibrillazione atriale nei pazienti con pacemaker

Nei pazienti con pacemaker, la grave apnea del sonno è un predittore significativo di fibrillazione atriale. Sebbene l’apnea del sonno sia un noto fattore di rischio per la fibrillazione atriale, c’erano pochi dati sull’associazione tra apnea … Leggi

Gli Acidi grassi Omega-3 ad alto dosaggio riducono il rimodellamento inverso dopo infarto miocardico

I risultati dello studio OMEGA-REMODEL ( Omega-3 Acid Ethyl Esters on Left Ventricular Remodeling After Acute Myocardial Infarction ) tra i pazienti con infarto miocardico acuto, hanno mostrato che gli alti dosaggi di Acidi grassi Omega-3 sono … Leggi

Aggiornamenti in Cardiologia by Xagena

Cardiologia.net

ALERT Cardiologia !

Top News / Rischio di infarto miocardico acuto con gli antinfiammatori

I farmaci antinfiammatori, incluso il Naproxene, possono aumentare il rischio di infarto miocardico acuto

L’impiego dei farmaci antinfiammatori ( FANS ), incluso il Naproxene, è associato a un aumento del rischio di infarto miocardico acuto ( IMA ), con l’inizio del rischio che si verifica durante la prim …

 

Studio CVD-Real: gli inibitori di SGLT-2 riducono significativamente l’ospedalizzazione per scompenso cardiaco e la mortalità

Sono stati presentati i risultati del CVD-Real, un ampio studio real-world evidence che ha valutato il rischio di ospedalizzazione per scompenso cardiaco e mortalità per tutte le cause in pazienti con …

Alcuni farmaci per il diabete riducono i rischi cardiovascolari, ma sono necessari giudizi clinici

Studi clinici hanno mostrato che alcuni farmaci per il diabete riducono il rischio cardiovascolare. Metformina Per la maggior parte dei pazienti, la Metformina è attualmente una monoterapia di …

Focus: Fibrillazione atriale & Rischio di ictus

L’uso prolungato dell’Aspirina non riduce il rischio di ictus nei pazienti con fibrillazione atriale a basso rischio

Uno studio, condotto da ricercatori presso l’Intermountain Medical Center Heart Institute di Salt Lake City ( Stati Uniti ), ha dimostrato che l’uso di una terapia a lungo termine a base di Aspirina …

News

I beta-bloccanti riducono la mortalità nell’insufficienza cardiaca associata a ridotta frazione di eiezione nei pazienti in ritmo sinusale

I beta-bloccanti riducono la morbilità e la mortalità nei pazienti in ritmo sinusale con insufficienza cardiaca e frazione di eiezione ridotta [ HFrEF ]. Non è chiaro se il meccanismo chiave alla bas …

Il rischio di scompenso cardiaco può essere maggiore nelle donne in postmenopausa

Le donne in postmenopausa con un periodo riproduttivo più breve hanno mostrato un più alto rischio di scompenso cardiaco incidente e le donne, che non avevano mai partorito, hanno presentato un aument …

 

CardioBase.

Cardiologia Newsletter

Cardiologia.net
ALERT Cardiologia !
Top News / Diuretici tiazidici & Rischio di melanoma

Il diuretico Idroclorotiazide può aumentare il rischio di melanoma

I pazienti classificati come grandi utilizzatori di Idroclorotiazide hanno mostrato un rischio più elevato di melanoma. Uno studio, pubblicato nel 2016 sul Journal of American College of Cardiology …

Focus: Infiammazione & Rischio cardiovascolare

Rischio di malattia cardiaca nei pazienti con malattia infiammatoria intestinale

I pazienti con malattia infiammatoria intestinale presentano un rischio più elevato di infarto miocardico acuto e di insufficienza cardiaca, anche se non hanno una più alta prevalenza dei tradizionali …

Fibrillazione atriale

La soppressione della fibrillazione atriale con l’impiego della Tossina botulinica si mantiene a 3 anni

I pazienti che hanno ricevuto una iniezione di Tossina botulinica nei cuscinetti adiposi epicardici durante il bypass coronarico ( CABG ) hanno presentato una incidenza più bassa di tachiaritmie atria …

Infarto miocardico

Gli antagonisti dell’aldosterone riducono il rischio di mortalità nei pazienti con infarto STEMI

Uno studio ha mostrato che la terapia con antagonisti dell’aldosterone offre un sostanziale beneficio di mortalità nei pazienti con infarto del miocardio con sopraslivellamento del tratto ST ( STEMI ) …

Scompenso cardiaco

L’inibizione della Neprilisina può ridurre il deterioramento della funzione renale nei pazienti con diabete mellito di tipo 2 e insufficienza cardiaca cronica

L’inibizione della Neprilisina attenua il deterioramento della funzionalità renale in soggetti con diabete mellito di tipo 2 e insufficienza cardiaca cronica quando il sistema renina-angiotensina vien …

FarmaExplorer.it

AHA: farmaci che possono causare o peggiorare lo scompenso cardiaco

Secondo l’American Heart Association ( AHA ) diversi farmaci comunemente utilizzati e integratori alimentari possono causare o peggiorare lo scompenso…

Aumentato rischio di ricovero ospedaliero per scompenso cardiaco con alcuni farmaci antinfiammatori non-streroidei

L’uso di farmaci antinfiammatori non-steroidei ( FANS ) è stato associato a un aumento del rischio di scompenso cardiaco in…

Il regime antiaggregante e anticoagulante orale diretto efficace nell’infarto STEMI, ma non in altre sindromi coronariche acute

I benefici clinici degli anticoagulanti orali diretti in aggiunta alla terapia antipiastrinica come prevenzione secondaria dopo sindrome coronarica acuta possono…