Aggiornamento in Endocrinologia: Oftalmopatia tiroidea & Teprotumumab

Newsletter Xagena

Aggiornamento in Medicina

Oftalmopatia tiroidea attiva & Teprotumumab

La malattia oculare tiroidea manifesta infiammazione e proptosi e diplopia resistenti al trattamento.
Teprotumumab ( Tepezza ), un anticorpo monoclonale che inibisce il recettore del fattore di crescita 1 insulino-simile ( IGF-1R ), è stato approvato negli Stati Uniti il 21 gennaio 2020, sulla base di due studi randomizzati.
In una analisi è stata valutata la risposta aggregata a breve e lungo termine a Teprotumumab dai due studi, concentrandosi su proptosi e diplopia.
Sono stati analizzati gli esiti integrati e i dati di follow-up di due studi randomizzati, in doppio cieco, controllati con placebo, multicentrici, condotti in 28 centri specializzati di riferimento accademici per la malattia oculare tiroidea o cliniche orbitali, o entrambi, in Europa e negli Stati Uniti.
I partecipanti erano pazienti adulti con diagnosi di malattia di Graves e malattia oculare attiva della tiroide da moderata a grave ( punteggio di attività clinica CAS maggiore o uguale a 4 ).
I pazienti hanno ricevuto 8 infusioni endovenose di Teprotumumab ( 10 mg/kg di peso corporeo per la prima infusione, 20 mg/kg per le infusioni successive ) oppure placebo ogni 3 settimane.
La visita finale dello studio è stata alla settimana 24, 3 settimane dopo l’infusione finale. ( CONTINUA SU ENDOCRINOLOGIA.NET  )
 endocrinologianet

Endocrinologia.net – Endocrinologia

Xagena. Chi siamo · News (IT) · News (EN) · MedicinaNews · MedicineNews · Mappa · Partner · Mappa; Cardiologia. News · Farmaci · Focus. Oncologia

Levotiroxina

Effetti ematologici della Levotiroxina sui pazienti con …

Focus

Studio DECISION: Sorafenib migliora la sopravvivenza senza …

Ipertiroidismo

La malattia di Graves è la principale causa di …

Funzione tiroidea e morte …

Funzione tiroidea e morte cardiaca … il rischio di morte cardiaca …

Aggiornamento sul Metabolismo by Xagena

Newsletter Xagena

Aggiornamento in Medicina

Vitamina D & Malattia coronarica, ictus e mortalità per tutte le cause

Gli studi randomizzati sull’integrazione di Vitamina-D per le malattie cardiovascolari e la mortalità per tutte le cause hanno generalmente riportato risultati nulli.
Tuttavia, la generalizzabilità dei risultati agli individui con un basso stato di Vitamina-D non è ben definita.
Sono state caratterizzate le relazioni dose-risposta tra le concentrazioni di 25-idrossivitamina-D ( 25-OH-D ) e il rischio di malattia coronarica, ictus e mortalità per tutte le cause in contesti osservazionali e di randomizzazione mendeliana.
Sono state effettuate analisi osservazionali utilizzando i dati di 33 studi prospettici comprendenti 500.962 individui senza storia nota di malattia coronarica o ictus al basale.
Le analisi di randomizzazione mendeliana sono state eseguite in quattro studi di coorte basati sulla popolazione ( UK Biobank, EPIC-CVD e due studi basati sulla popolazione di Copenaghen ) comprendenti 386.406 individui di mezza età di origini europee, tra cui 33.546 persone che hanno sviluppato una malattia coronarica, 18.166 persone che hanno avuto un ictus e 27.885 persone che sono morte. ……

CONTINUA SU METABOLISMO.NET – LINK: https://www.metabolismo.net/articolo/relazioni-stimate-dose-risposta-per-la-vitamina-d-con-malattia-coronarica-ictus-e-mortalit-per-tutte-le-cause

 Metabolismo.net

Metabolismo – Metabolismo.net News 

Metabolismo News – Metabolismo Terapia, Farmaci per il metabolismo – Newsletter Metabolismo, Effetto delle terapie antiriassorbimento sul metabolismo del glucosio: analisi degli studi FIT, HORIZON-PFT e FREEDOM

Farmaci

Valutazione degli effetti anti-osteoporotici di Metformina e …

Ipercolesterolemia

Pazienti con diabete di tipo 2 e ipercolesterolemia: la …

Grasso corporeo

Risultati ricerca per “Grasso corporeo”. Ruolo della leptina in …

Tiazolidinedioni

I glitazoni, anche noti tiazolidinedioni, appaiono …

Pamidronato

Malattia di Paget: l’effetto analgesico del Pamidronato …

Obesità addominale

Studio RIO-Lipids: Rimonabant efficace nel ridurre l’obesità …

Ronacaleret

Gli effetti di Ronacaleret, antagonista del recettore calcio …

Farmaci anti-obesità

I nuovi farmaci anti-obesità, scarsa efficacia e tanti effetti indesiderati.

Fratture femorali

Individuato un segnale di sicurezza tra bifosfonati e …

Calo ponderale

Cerca. Risultati ricerca per “Calo ponderale”. Dieta ad alto o a …

Il feocromocitoma non-riconosciuto e non-trattato è associato a un rischio sostanzialmente più elevato di complicanze materne o fetali

Newsletter Xagena

Aggiornamento in Medicina

Feocromocitoma nelle donne in gravidanza: esiti materni e fetali 

Il feocromocitoma o paraganglioma ( noto collettivamente come PPGL ) nelle donne in gravidanza può portare a gravi complicazioni e morte a causa dell’eccesso di catecolamine associato.
Sono stati identificati i fattori associati agli esiti materni e fetali nelle donne con PPGL durante la gravidanza.
È stato condotto uno studio multicentrico e retrospettivo su pazienti con PPGL e gravidanza tra il 1980 e il 2019 nel Registro IPPR ( International Pheochromocytoma and Pregnancy Registry ), ed è stata eseguita una revisione sistematica degli studi pubblicati tra il 2005 e il 2019 su almeno 5 casi.
I criteri di inclusione erano la gravidanza dopo il 1980 e PPGL prima o durante la gravidanza o entro 12 mesi dopo il parto……….

CONTINUA SU ENDOCRINOLOGIA.NET

https://www.endocrinologia.net/articolo/feocromocitoma-in-gravidanza-esiti-materni-e-fetali

 

endocrinologianet

Endocrinologia News

https://www.endocrinologia.net
Endocrinologia, le Novità in Endocrinologia. Endocrinologia.net fornisce informazioni e aggiornamenti sulle Malattie endocrine. Focus su Malattie tiroidee.

Aggiornamento in Medicina

Newsletter Xagena · Risultati ricerca per “Vitamina-D” · La …

Farmaci

Due ampi studi randomizzati su pazienti con tumore tiroideo ben …

Tumori neuroendocrini

I tumori neuroendocrini del pancreas ( pNET ) sono …

Ipertiroidismo

La malattia di Graves viene abitualmente trattata con …

Iperprolattinemia

Esistono timori sul fatto che l’uso a lungo termine di farmaci …

Focus

Una bassa dose di Iodio radioattivo dopo l’intervento …

Trattamento dell’orbitopatia di Graves: Teprotumumab

Xagena Mappa

https://network.xagena.it/mappa

Newsletter Xagena

Aggiornamento in Medicina

Teprotumumab per i pazienti con malattia oculare tiroidea attiva

La malattia oculare tiroidea manifesta infiammazione e proptosi e diplopia resistenti al trattamento.
Teprotumumab ( Tepezza ), un anticorpo monoclonale che inibisce il recettore del fattore di crescita 1 insulino-simile ( IGF-1R ), è stato approvato negli Stati Uniti il 21 gennaio 2020, sulla base di due studi randomizzati.
In una analisi è stata valutata la risposta aggregata a breve e lungo termine a Teprotumumab dai due studi, concentrandosi su proptosi e diplopia.
Sono stati analizzati gli esiti integrati e i dati di follow-up di due studi randomizzati, in doppio cieco, controllati con placebo, multicentrici, condotti in 28 centri specializzati di riferimento accademici per la malattia oculare tiroidea o cliniche orbitali, o entrambi, in Europa e negli Stati Uniti.
I partecipanti erano pazienti adulti con diagnosi di malattia di Graves e malattia oculare attiva della tiroide da moderata a grave ( punteggio di attività clinica CAS maggiore o uguale a 4 ).
I pazienti hanno ricevuto 8 infusioni endovenose di Teprotumumab ( 10 mg/kg di peso corporeo per la prima infusione, 20 mg/kg per le infusioni successive ) oppure placebo ogni 3 settimane.
La visita finale dello studio è stata alla settimana 24, 3 settimane dopo l’infusione finale.
Nella analisi, l’esito primario prespecificato era la differenza tra i gruppi dal basale alla settimana 24 nella proporzione di pazienti con una risposta della proptosi ( riduzione di 2 mm o più nell’occhio dello studio senza deterioramento simile nell’altro occhio alla settimana 24 ) stratificando per assenza di uso di tabacco e uso attuale.
Gli endpoint secondari alla settimana 24 erano la percentuale di pazienti con diplopia migliorata ( grado Bahn-Gorman 1 o superiore ) ……
CONTINUA SU ENDOCRINOLOGIA.NET: 
https://www.endocrinologia.net/articolo/teprotumumab-riduce-la-proptosi-e-la-diplopia-nellorbitopatia-di-graves
endocrinologianet

Endocrinologia News

https://www.endocrinologia.net
Endocrinologia, le Novità in Endocrinologia. Endocrinologia.net fornisce informazioni e aggiornamenti sulle Malattie endocrine. Focus su Malattie tiroidee.

Aggiornamento in Medicina

Endocrinologia, le Novità in Endocrinologia. Endocrinologia …

Ipertiroidismo

Endocrinologia, le Novità in Endocrinologia. Endocrinologia …

Farmaci

Endocrinologia, le Novità in Endocrinologia. Endocrinologia …

Focus

Una bassa dose di Iodio radioattivo dopo l’intervento …

Tumori neuroendocrini

Endocrinologia, le Novità in Endocrinologia. Endocrinologia …

Iperprolattinemia

Endocrinologia, le Novità in Endocrinologia. Endocrinologia …

Teprotumumab per i pazienti con malattia oculare tiroidea attiva

La malattia oculare tiroidea manifesta infiammazione e proptosi e diplopia resistenti al trattamento.
Teprotumumab ( Tepezza ), un anticorpo monoclonale che inibisce il recettore del fattore di crescita 1 insulino-simile ( IGF-1R ), è stato approvato negli Stati Uniti il 21 gennaio 2020, sulla base di due studi randomizzati.
In una analisi è stata valutata la risposta aggregata a breve e lungo termine a Teprotumumab dai due studi, concentrandosi su proptosi e diplopia.

Sono stati analizzati gli esiti integrati e i dati di follow-up di due studi randomizzati, in doppio cieco, controllati con placebo, multicentrici, condotti in 28 centri specializzati di riferimento accademici per la malattia oculare tiroidea o cliniche orbitali, o entrambi, in Europa e negli Stati Uniti.

I partecipanti erano pazienti adulti con diagnosi di malattia di Graves e malattia oculare attiva della tiroide da moderata a grave ( punteggio di attività clinica CAS maggiore o uguale a 4 ).
I pazienti hanno ricevuto 8 infusioni endovenose di Teprotumumab ( 10 mg/kg di peso corporeo per la prima infusione, 20 mg/kg per le infusioni successive ) oppure placebo ogni 3 settimane.
La visita finale dello studio è stata alla settimana 24, 3 settimane dopo l’infusione finale.

Nella analisi, l’esito primario prespecificato era la differenza tra i gruppi dal basale alla settimana 24 nella proporzione di pazienti con una risposta della proptosi ( riduzione di 2 mm o più nell’occhio dello studio senza deterioramento simile nell’altro occhio alla settimana 24 ) stratificando per assenza di uso di tabacco e uso attuale. CONTINUA:  https://www.endocrinologia.net/articolo/teprotumumab-riduce-la-proptosi-e-la-diplopia-nellorbitopatia-di-graves   ENDOCRINOLOGIA XAGENA: ENDOCRINOLOGIA.NET 

 

endocrinologianet

Endocrinologia.net – Endocrinologia

Xagena. Chi siamo · News (IT) · News (EN) · MedicinaNews · MedicineNews · Mappa · Partner · Mappa; Cardiologia. News · Farmaci · Focus. Oncologia

Levotiroxina

Effetti ematologici della Levotiroxina sui pazienti con …

Focus

Studio DECISION: Sorafenib migliora la sopravvivenza senza …

Ipertiroidismo

La malattia di Graves è la principale causa di …

Funzione tiroidea e morte …

Funzione tiroidea e morte cardiaca … il rischio di morte cardiaca …

 

 

Xagena Newsletter

Metabolismo:le novità da Xagena.it

Endocrinologia:novità ed aggiornamenti da Xagena.it

Metabolismo:novità ed aggiornamenti da Xagena.it

Metabolismo:gli ultimi aggiornamenti e le novità da Xagena.it

Metabolismo: Aggiornamenti e Novità in Medicina da Xagena

1 2