Colite Ulcerosa: Informazioni Mediche & Terapie by Xagena

Colite Ulcerosa Notizie

CeliachiaOnline.net | ColiteUlcerosa.net | CrohnOnline.net | Epatologia.it | Epatologia.net Gastroenterologia.net |

 

Gastroenterologia Xagena

Beneficio a lungo termine della Mesalazina in granuli per pazienti che hanno raggiunto remissione della colite ulcerosa indotta da corticosteroidi

I pazienti con colite ulcerosa che raggiungono la remissione con corticosteroidi spesso recidivano dopo riduzione o interruzione dei farmaci; sarebbero utili trattamenti alternativi che limitano l’esp …

Trattamento di mantenimento con Azatioprina nella colite ulcerosa: esiti e fattori predittivi dopo interruzione del farmaco

Non è chiaro se la durata del trattamento di mantenimento con Azatioprina ( Imuran ) influenzi l’esito della colite ulcerosa.I Ricercatori dell’Ospedale Universitario Luigi Sacco di …

Trattamento, complicazioni e recidiva nei pazienti con colite ulcerosa da moderata a grave all’avvio della terapia con immunomodulatore

I trattamenti con immunomodulatore per la colite ulcerosa non sono curativi e causano un aumento del rischio di complicazioni, portando a volte a cambiamenti di terapia, riduzione dei benefici del tra …


Epatologia: Notizie & Aggiornamenti by Xagena

Informazioni mediche sull’Epatologia: Diagnosi & Terapia: Epatologia.net

CeliachiaOnline.net | ColiteUlcerosa.net | CrohnOnline.net | Epatologia.it | Epatologia.net | Gastroenterologia.net |

 

Risultati immagini per epatologia xagena

I driver di steatosi epatica non-alcolica possono anche promuovere lo sviluppo e la progressione di malattia cardiovascolare

La malattia cardiovascolare nei pazienti con steatosi epatica non-alcolica è risultata essere associata a tradizionali fattori di rischio cardiovascolari, ma anche a fattori non-tradizionali come l’au …

Alfa-fetoproteina durante il trattamento è un marcatore tumorale specifico per il tumore epatocellulare nei pazienti con epatite B cronica trattati con Entecavir

L’alfa-fetoproteina ( AFP ) è il biomarcatore più utilizzato per la sorveglianza del carcinoma epatocellulare, criticato perché né sensibile né specifico nella epatite attiva e nella cirrosi epatica. …

Una bassa carica virale del virus della epatite C predice esiti migliori nei pazienti che si sottopongono a resezione del carcinoma epatocellulare indipendentemente dalla eradicazione sierologica di HCV

L’infezione da virus della epatite C ( HCV ) è un potente fattore di rischio per la ricorrenza post-operatoria del carcinoma epatocellulare.Tuttavia, sono disponibili pochi dati sull’impatto della car …


Calvizie Farmaci: Informazioni Notizie Terapie

Newsletter Xagena

Aggiornamento in Medicina

Xagena Farmaci

Terapia pulsata con corticosteroidi ad alto dosaggio associati a Metotrexato per forma grave di alopecia areata

La combinazione di corticosteroidi sistemici pulsati e Metotrexato nel trattamento della alopecia areata grave non è mai stata riportata. L’obiettivo di uno studio è stato quello di fornire elementi r …

Alopecia androgenetica maschile: un nuovo farmaco, la Finasteride

La Finasteride ( Propecia ) è un inibitore della 5-alfa-reduttasi di tipo 2. Nei soggetti con alopecia androgenetica la Finasteride ha prodotto una ricrescita dei capelli. Diversi studi clinici hanno …

Endocrinologia:: Notizie,Informazioni & Aggiornamenti

Notizie Informazioni Aggiornamenti  in Endocrinologia

Aggiornamento in Medicina

Le persone con normale tolleranza al glucosio ma con alta glicemia a 1 ora dopo carico glicemico presentano un rischio 4 volte maggiore rispetto ai normoglicemici di sviluppare diabete conclamato entro 5 anni

Ricercatori dell’Università Magna Graecia di Catanzaro e dell’Università di Roma Tor Vergata, coordinati da Giorgio Sesti, hanno esaminato se i soggetti NGT con alta glicemia a 1 ora presentassero dif …

Esiti della chirurgia con risparmio delle ghiandole surrenali o della surrenectomia totale nel feocromocitoma associato a neoplasia endocrina multipla di tipo 2

La prevenzione del carcinoma midollare della tiroide in pazienti con neoplasia endocrina multipla di tipo 2 ( MEN2 ) ha dimostrato la capacità della diagnosi molecolare e della chirurgia preventiva di …

La densità minerale ossea non viene significativamente ridotta nei pazienti adulti in terapia sostitutiva con glucocorticoidi a basso dosaggio

I pazienti con insufficienza surrenalica primaria ( PAI ) e i pazienti con iperplasia surrenalica congenita ( CAH ) ricevono la terapia sostitutiva con glucocorticoidi, che potrebbe causare osteoporos …

 Mediexplorer.itOncoBase.it

Xagena Medicina

Cardiologia: Aggiornamenti & Informazioni scientifiche

Risultati immagini per cardiologia xagena

Stent ultrasottili a base di polimeri bioriassorbibili a rilascio di Sirolimus versus stent sottili in polimero durevole a rilascio di Everolimus in pazienti sottoposti a rivascolarizzazione coronarica

Lo sviluppo di stent coronarici a rilascio di farmaco ha incluso l’uso di nuove leghe metalliche, cambiamenti nell’architettura dello stent e l’uso di polimeri bioriassorbibili.
Non è stato dimostrato in precedenti studi randomizzati se questi progressi migliorino la sicurezza clinica e l’efficacia.
Sono stati esaminati i risultati clinici di uno stent in polimero bioriassorbibile a rilascio di Sirolimus rispetto a uno stent in polimero durevole a rilascio di Everolimus in una ampia popolazione di pazienti sottoposti a intervento coronarico percutaneo ( PCI ).

BIOFLOW V era uno studio internazionale randomizzato condotto in pazienti sottoposti a intervento coronarico percutaneo elettivo e urgente in 90 ospedali in 13 Paesi ( Australia, Belgio, Canada, Danimarca, Germania, Ungheria, Israele, Paesi Bassi, Nuova Zelanda, Corea del Sud, Spagna, Svizzera e Stati Uniti ).
I pazienti eleggibili erano di età pari o superiore a 18 anni con cardiopatia ischemica sottoposti a impianto di stent pianificato in lesioni coronariche native de novo.

I pazienti sono stati assegnati in modo casuale a uno stent ultrasottile ( 60 microm ) in polimero bioriassorbibile a rilascio di Sirolimus o a uno stent in polimero durevole a rilascio di Everolimus.

L’endpoint primario era il fallimento della lesione target a 12 mesi.

L’analisi è stata intention-to-treat ( ITT ).

Tra il 2015 e il 2016, 4.772 pazienti sono stati reclutati nello studio. 1.334 pazienti hanno soddisfatto i criteri di inclusione e sono stati assegnati in modo casuale al trattamento con stent in polimero bioriassorbibile a rilascio di Sirolimus ( n=884 ) oppure a stent in polimero durevole a eluizione di Everolimus ( n=450 ). ( CONTINUA )

 

Aritmologia Notizie

Nuovo punteggio di rischio di sanguinamento ABC basato su età, biomarcatori e storia clinica per i pazienti con fibrillazione atriale

Il vantaggio degli anticoagulanti orali nella fibrillazione atriale si basa su un equilibrio tra riduzione di ictus ischemico e aumento di sanguinamento maggiore. E’ stato sviluppato e validato un n …


Esiti di ablazione transcatetere della tachicardia ventricolare nella cardiomiopatia dilatativa ischemica e nella cardiomiopatia ischemica

I dati sugli esiti di ablazione della tachicardia ventricolare ( VT ) nella cardiomiopatia dilatativa non-ischemica sono insufficienti. Lo studio HELP-VT ( Heart Center of Leipzig VT ) è stato condo …


Rischio di danno alla arteria coronaria da ablazione con radiofrequenza e crioablazione di vie accessorie epicardiche posterosettali nel sistema venoso coronarico

L’ablazione delle vie accessorie epicardiche posterosettali ( EpiPSAP ) richiede ablazione all’interno del sistema venoso coronarico. È stato calcolato il rischio di lesioni della arteria coronaria co …