Il bacio

il bacio bronzo

 – A. Rodin, The Kiss, bronze 1884 ca, Legion of Honor  –

E le labbra cercano nuovamente, d’istinto, il punto preciso, delicato e profondissimo, dell’immenso nel piccolo, accolgono il momento come tale, non come qualcosa da svelare, ma come un mistero a cui credere. Accolto così si scioglie nell’esistenza.

§

Il calice dell’anima

12507540_944123498990407_7188381670863159066_n

Nell’atmosfera più sensibile, nel dominio liberissimo della notte, in cui soltanto lo spirito comanda, dove tutto ciò che è rumore, pioggia e tempesta si smorza in dolcezza, fulminio precipiti nel cuore, purezza primitiva, segreta profondità. Qui dimori e diffondi magia di mutamento, pulsioni remote. Esitante ricevo l’imperfetta espressione del desiderio che veste di un’altra pelle la vita, fecondo di gesti la realtà, fragile quando manca di te, per concepire con te Amore. Il calice dell’anima ne traboccherebbe fino a spegnere le stelle.

§

Nebbia rosa

nebbia rosa

Nello spazio della nebbia che si è tinta di rosa forse per non lasciarsi alle spalle l’alba, nella voce del silenzio, quando tutto è ancora ovattato, negli alberi domestici che aspettano il sorgere del giorno, nel senso di condivisione aperto al cielo, ci sei tu..

E’ così naturale, a volte commovente e i flutti del sentimento sfiorano la fantasia, non ho certezze, ma mi sorprendo a scoprire nelle cose le affinità e le relazioni più inverosimili, così facendo mi lascio andare all’inatteso che si svela dolce, delicato e lento, appena un poco impacciato a contrasto con la luce del sole.

§

Teorema degli spazi

abbraccio

L’armonia per cui il movimento non dilaga dai confini è data da queste mani atte ad abbracciare, creando quella stretta che non potrebbe essere più sicura e piena, oltre la quale la fantasia, sotto lo stimolo del sangue, si accosta al sensuale, tanto più febbrile e impetuosa, quando più vicina è la fiamma del cuore. Se indiscutibile è il calore d’anima, si dimostra pur vero che non è possibile non riconoscere l’indugiare accanto a questo raccolto tepore.

§

Profumo di cuore

00559023

Uno sguardo che si stempera nell’arancione, fino a diventare una carezza, ti accarezzavo a somiglianza del mare, mi sembravi superficie marina e mi piacevi più del mare, come una realtà vera che irrompe lungo il silenzio dell’anima, per smorzarsi solo in fondo al cuore.

§


Fluidità

20060502124651_rosa%20bianca

L’hai vissuta anche tu, lo so, questa sensazione, tra luce e sogno, affinando i sensi e acuendo i desideri, quasi circolassero tra le fibre della notte, la sensibilità, la tenerezza, la dolcezza, la passione e l’intelligenza. Sembra si faccia pronta ad accogliere, accarezzando fuggevole, ma facendo vibrare il cuore oltre la ferma concretezza. Sembra inseguire il battito per arrestarne un palpito di reciproca attrazione.

§

 

Così, proprio così.

so-po

A perdita d’occhio alberi, alberi, alberi. Su tutto, giochi di luce e di brezze. Ogni cosa sembra essere al suo posto, la danza di una foglia, il tonfo di una bacca, il ronzare di un insetto, anche il timido raggio di luna al suo arrivo..

Così, proprio così.

L’influsso è un fluido , cui occorre lasciare la sua libertà, perché possa agire, e come iniziati ad un segreto, ci lasciamo travolgere da questa coerenza di colori e suoni..

E poi?

Il prodigio di un libro aperto, che ogni sera rivela il misterioso erompere della vita. Al termine di ogni racconto, chiudiamo gli occhi, pensosi, in quella mescolanza di speranze, fantasie e meditazioni.

Dove fa caldo e buio.

Così, proprio così.

§

Canto

7ac40c0448_5050350_med

Fu quello il momento in cui tutto cominciò.

Si accorsero di esistere.

Il dialogo interiore era molto vicino a quella vertigine di vibrazioni che si espande creando un raro potere di seduzione.

Due anime, dalle quali un misterioso archetto trae un accordo perfetto, capaci di poesia e con temperamento diverso, di trasformarsi in una melodia.

Ho tanti desideri diversi,

di suono, di colore e profumo, ma è nella loro essenza e densità, che essi sembrano essere fatti per essere afferrati da me e te.

Ora il silenzio della notte, teso fino all’inverosimile, mi tiene sveglia, non mi interrogo più sulle perplessità, lascio che sia; questa nuova forza sembra spingere innanzi a sé il mondo…

§

…Doch alles, was uns anrührt, dich und mich,
nimmt uns zusammen wie ein Bogenstrich,
der aus zwei Saiten eine Stimme zieht.
Auf welches Instrument sind wir gespannt?
Und welcher Geiger hat uns in der Hand?
O süßes Lied.

R.M.R.

§

 

Dalla misura delle stelle

dream_by_artic_art-d6697yu

Uno spicchio di luna sta sospeso nella notte.

Ci sono le stelle.

Quiete perfetta, ecco la salvezza. 

Il respiro fluisce,

freme il silenzio, 

credo di sapere da dove vieni e perchè, non c’è nulla di mistico, è solo il cuore, che mi porta sempre a te.

Il tempo scorre,

nella mutevole cadenza della tua indole, dei tuoi gusti, delle tue attenzioni e distrazioni. C’è del sublime in te, una sorta di irriducibilità alla vita così com’è, e questo è quello che più mi piace di te..

Muovi le mani e sorridi.

§

 

Musica

piuma mare

Una collaborazione misteriosa dell’aria, del movimento del mare, del profumo di salsedine e salmastro. Un’arte aperta a misura del cielo, del vento, delle trasparenze che parlano del silenzio, delle labbra, che inclinate nel senso dei raggi solari ricevano immediatamente il sapore del sale.

 Quante cose sa la pelle quando incontra una sensazione, che entra e rimane, tra il fisico e il sensoriale, che sale alle tempie e alla nuca, quasi fosse una carezza sensuale.

E’ così tenero, morbido e leggero quando ti penso.