Belen Rodriguez e Stefano De Martino rinviati a giudizio: rischiano fino a tre anni per l’aggressione ai paparazzi

4401140_2121_belen_stefano_di_martino_rinviati_a_giudizio_fotografi_oggi_ultime_notizieBelen e Stefano De Martino rinviati a giudizio per aver aggredito i fotografi all’isola di Ponza. Belen Rodriguez e il suo ex marito Stefano De Martino, rinviati a giudizio con le accuse di esercizio arbitrario delle proprie ragioni con violenza sulle persone e lesioni non gravi, rischiano fino a tre anni di carcere per una presunta aggressione a due paparazzi nell’estate 2012 a Ponza. I testi del processo saranno ascoltati per la prima volta il prossimo 13 maggio in tribunale a Latina.

Il procedimento vede imputati, oltre a Belen e De Martino, anche Perez Blanco, all’epoca fidanzato di Cecilia, sorella della showgirl. L’episodio, denunciato dai fotografi Mattia Brandi e Stefano Meloni, sarebbe avvenuto nell’agosto 2012 a Ponza in località Palmarola.

Secondo il racconto dei due paparazzi, le due presunte vittime stavano scattando foto dalla loro barca alla showgirl e a De Martino, alla sorella Cecilia e all’allora fidanzato, i quali erano tutti sul loro yatch. I quattro, accortisi della presenza dei fotografi, si sarebbero avvicinati alla loro barca. Poi De Martino e Perez Blanco avrebbero ingaggiato una colluttazione con i due e sottratto la macchina fotografica ai paparazzi, restituendola solo dopo aver gettato in mare la scheda contenente le foto appena scattate.

De Martino, Rodriguez e Perez Blanco sono accusati, in concorso, di esercizio arbitrario delle proprie ragioni con violenza sulle persone e di lesioni non gravi ai danni di Brandi e Meloni.

Belen Rodriguez e Stefano De Martino rinviati a giudizio: rischiano fino a tre anni per l’aggressione ai paparazziultima modifica: 2019-04-01T23:18:16+02:00da manuela_man27

Lascia un commento

Se possiedi già una registrazione clicca su entra, oppure lascia un commento come anonimo (Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog).
I campi obbligatori sono contrassegnati *.