Sanremo 2020, Sabrina Salerno: «È il festival delle donne senza filtri e senza paura»

Il Festival simpatia tira il fiato dopo aver visto i super ascolti e l’Ad Rai Fabrizio Salini in pullover irrompe in conferenza stampa sfoggiando la sua felicità per l’ottimo risultato e si prende gli applausi. Più tardi irromperà anche Fiorello, prendendo il posto di Amadeus, e dopo aver divertito la sala stampa con i suoi siparietti spara la notizia che questo è il suo ultimo Sanremo da ospite e conduttore ombra. D’ora in poi tornerà solo in gara con una canzone.

5031064_1631_sanremo_conferenza_stampa

La soglia del 50% è stata superata alla prima. Quindi ora la strada è in discesa. Pure se le serate da qui a sabato perderanno un po’ di share. I picchi sono forti: 15 milioni alle 21:45, il 59,6% alle 00:27 quando Amadeus ed Emma sono usciti dall’Ariston. Il Fiorello Don Matteo è stato visto da 12 milioni. Siamo oltre i due festival di Baglioni. Del resto la controprogrammazione di Canale 5 non è di primo piano. Lo stesso Fiorello ha fatto la battuta, commentando le curve di ascolto sul cellulare, che Mediaset era finita fuori dal telefonino. Coletta ha sottolineato come ci sia bisogno di tanto pop. “Un Sanremo di qualità quello di Amadeus che ha saputo unire la musica alla contemporaneità, la tradizione al racconto. La felicità – come cantano Al Bano e Romina – è un bicchiere di vino. Il 62% dei giovani 15-24 anni davanti alla tv hanno guardato il Festival e oltre la metà del pubblico è laureato. Questo Sanremo l’ha vinto Rula”. Ascolti super anche per le altre trasmissioni Rai che parlano del Festival. Prima Festival ottiene 8.636.000 spettatori con il 31.52%. Storie Italiane 16,5%, La Vita in diretta che supera i 2 milioni di spettatori con il 15,4%.

Il direttore di Rai1, Stefano Coletta, subentrato da 10 giorni, ha spiegato la non messa in onda del video di Roger Waters, leader dei Pink Floyd che avrebbe dovuto aprire e salutare l’ingresso di Rula. Amadeus ha detto che lui ha chiesto agli autori e gli hanno detto che non era pronto e quindi è andato avanti. Coletta ha spiegato che si è trattata di una decisione editoriale e autorale perché era privo di contenuti interessanti e avrebbe “ammosciato” il monologo. Quindi nessuna censura.

Sabrina Salerno l’ha definito “il Festival delle Donne, perché tutte hanno una personalità forte. Abbiamo molto da dare. Siamo senza filtri e senza paura. Mi sono emozionata con Rula. Anche io sono stata una donna tormentata che poi è diventata pop”. Emma D’Aquino ha confessato di aver pianto durante il monologo di Rula ed aver apprezzato il suo coraggio. Io ho sempre raccontato storie di altri, lei ha raccontato la sua storia. Io quel coraggio non l’avrei mai avuto”.

Sanremo 2020, Sabrina Salerno: «È il festival delle donne senza filtri e senza paura»ultima modifica: 2020-02-05T17:53:47+01:00da manuela_man27